lunedì, Novembre 28, 2022
HomeScienzaLe api strillano angosciate quando attaccate dai calabroni, lo studio

Le api strillano angosciate quando attaccate dai calabroni, lo studio

I suoni uditi dai biologi erano angoscianti, distinti e rumorosi.

Mentre in Vietnam ricercavano api e calabroni giganti, gli scienziati hanno registrato i suoni frenetici creati dalle api quando i calabroni giganti hanno attaccato i loro alveari. Una ricerca recentemente pubblicata sulla rivista scientifica Royal Society Open Science mostra la prima documentazione in assoluto di questi suoni primordiali, che rivelano come le api reagiscono alla minaccia delle vespe più grandi del mondo. In Asia, è un evento drammatico, anche se naturale, selvaggio.

I suoni, chiamati “tubi antipredatori”, sono richiami aspri che sono unici dalla diversità di altri ronzii prodotti dalle api mellifere. Questi ronzii sono come un allarme angosciante.

“Stanno rispondendo a una minaccia pressante”, ha detto a Mashable Heather Mattila, professoressa associata di scienze biologiche al Wellesley College e autrice della nuova ricerca. “Quando compaiono questi grandi calabroni, le api realizzano questi tubi anti-predatori davvero evidenti”.

“Stanno rispondendo a una minaccia pressante”.

I tubi, che puoi ascoltare nel filmato del 2013 qui sotto, sono simili alle urla o alle urla di mammiferi e altri animali sociali sotto costrizione. “Agli animali che vivono in gruppi piace condividere informazioni sui predatori”, ha osservato Mattila. “Gruppi e greggi lavorano insieme per tenersi informati sul pericolo”.

Non è solo il suono e la qualità dei “tubi” che sono stati cospicui. Analizzando oltre 30.000 segnali di comunicazione registrati dal Vietnam, i biologi hanno scoperto che il “chiacchiericcio” complessivo delle api è aumentato di otto volte in risposta ai calabroni giganti. “Quando arrivano i calabroni, le api amplificano davvero quella comunicazione”, ha detto Mattila.

Le api creano questo ronzio simile a un allarme (e molti altri) facendo vibrare sia i muscoli del torace che le ali. Alla fine, quelle vibrazioni passano attraverso le zampe degli insetti, attraverso l’alveare e vengono percepite da altre api. Gli umani sentono questi suoni unici; le api li sentono .

E poi reagiscono. In risposta, le api escono e affrontano la minaccia emergente. I calabroni giganti sono così grandi che non sono intimiditi da poche api. Ma in numero, le api da miele a volte possono montare una difesa. Le api possono intonacare l’ingresso del loro alveare con sterco animale (essenzialmente usando le feci come strumento! ), che spesso respinge i calabroni. Centinaia di api possono anche formare una “palla d’api” attorno a un calabrone , in cui battono furiosamente le ali e creano calore.

“Lo soffocheranno e lo scalderanno fino alla morte”, disse Mattila. (Anche se non è ancora noto se le tubazioni spingano le api alla difesa in modo specifico, o se si tratti in gran parte di un sistema di allarme.)

Le battaglie tra queste due specie di insetti potrebbero essere intense e violente – dal punto di vista umano, comunque – ma questi sono eventi naturali in natura. E nei loro ambienti naturali, entrambi gli animali riempiono nicchie importanti, in particolare impollinando le piante, favorendo così la vita e la biodiversità. I calabroni giganti sono stati diffamati negli ultimi anni, in gran parte perché gli umani li hanno introdotti negli Stati Uniti dall’Asia (non è stata colpa del calabrone) e i media hanno quindi attribuito un nome sbagliato agli animali . Ma nella terra natale del calabrone, sono una parte importante del mondo.

“I calabroni e le vespe in generale sono impollinatori straordinari”, ha detto Mattila. “Gli insetti devono ottenere più rispetto per il ruolo che svolgono”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial