HomeAppLe app per il sonno sono in piena espansione

Le app per il sonno sono in piena espansione

Una selezione crescente di app mobili pretende di aiutarti ad addormentarti e misurare la qualità del tuo sonno poiché un numero record di americani affronta l’insonnia.

Le app basate su abbonamento come Loona offrono storie lette con una voce rilassante e suoni pensati per calmare e bloccare i rumori. Altre app come SleepScore affermano di misurare la quantità di sonno che stai ricevendo e di farti sapere se è abbastanza. Ma alcuni professionisti medici hanno espresso dubbi sul fatto che app come queste aiutino.

“Le app per il sonno sono spesso imprecise e influenzate da molte variabili e nessuna di esse registra il vero sonno” , ha detto a Digital Trends il dottor Abhinav Singh , esperto di revisioni mediche presso SleepFoundation.org e direttore medico dell’Indiana Sleep Center in un’intervista . “Nessuna delle informazioni scoperte tramite l’app è ammissibile come informazione medica valida nella cartella clinica del paziente.”

Problemi di sonno

Dormire a sufficienza è una sfida crescente per molte persone, affermano gli esperti. Un recente sondaggio mostra che le persone non dormono abbastanza, con un impatto sul loro benessere. Il sondaggio ha rilevato che il 62% delle persone non dorme regolarmente e dorme bene più della metà delle volte.

“Se hai a che fare con la fatica durante il giorno, potrebbe dipendere da una miriade di fattori, ovviamente, dal sonno scarso ad altre condizioni come squilibrio ormonale, ansia o dolore cronico”, ha detto il dottor Chris Airey. “Misurare non solo le ore di sonno, ma anche la qualità e le fasi del sonno può aiutare a restringere le cause della stanchezza. Dopotutto, se dormi dalle sette alle otto ore in modo adeguato ma ti senti ancora stanco, probabilmente c’è un motivo diverso dalla mancanza di sonno”.

Singh ha affermato che il numero crescente di persone che lavorano da casa è parte del problema. “Se stai usando la tua camera da letto come ufficio, il tuo cervello si adatta a pensare che il sonno non sia l’unica attività in camera da letto, rendendo più difficile addormentarsi”, ha aggiunto.

Singh ha affermato che l’esposizione alla luce degli schermi in camera da letto potrebbe interrompere i segnali circadiani serali, sopprimere il rilascio di melatonina e ritardare l’ora di coricarsi. Una camera da letto come ufficio può offuscare i confini. Potresti lavorare più a lungo e perdere i segnali luminosi esterni (luce solare) e i segnali dei pasti, cronometristi circadiani essenziali per il tuo corpo.

Anche bere alcolici prima di andare a letto può far male al sonno. Sebbene alcune persone ritengano che bere riduca il tempo per addormentarsi, Singh ha affermato che le perdite superano i benefici. L’alcol può abbassare il tono delle vie aeree, aumentare il russamento e causare casi in cui si interrompe la respirazione (apnea).

“Qualitativamente, l’alcol può ridurre la qualità del sonno impedendoti di entrare in stati di sonno più profondi e anche causare un aumento dei micro risvegli e la frammentazione del sonno”, ha aggiunto Singh. “Ecco perché nessuno al mondo può dire sinceramente: ‘Ho bevuto cinque bicchieri di whisky ieri sera prima di andare a letto e mi sento benissimo stamattina.'” Singh ha detto che man mano che il lavoro da casa diventa più comune, il cervello delle persone si confonde . “Se stai usando la tua camera da letto come ufficio, il tuo cervello si adatta a pensare che il sonno non sia l’unica attività in camera da letto, rendendo più difficile addormentarsi”, ha aggiunto.

Un apparente motivo per cui le persone hanno difficoltà ad addormentarsi è il rumore esterno, come un cane che abbaia, e il rumore interno, come i pensieri stressanti, ha detto Craig Richard, professore di fisiologia alla Shenandoah University, in un’intervista a Digital Trends.

“Le app aiutano le persone ad addormentarsi perché il contenuto può mascherare il rumore esterno, è meno probabile che senta un cane abbaiare e distragga il rumore interno, la mente passa dai pensieri stressanti al contenuto che stanno ascoltando”, ha detto Richard.

Rimedi digitali

Dati sul sonno dell'app Garmin Connect.

Per scegliere l’app più adatta a te, è fondamentale prima di tutto capire che tipo di difficoltà del sonno incontri , ha affermato in un’intervista Mairav ​​Cohen-Zion , chief science officer di Dayzz , una società di app per il sonno e il benessere.

Se hai difficoltà a rilassarti prima di andare a dormire, forse alcune app di yoga o relax potrebbero fare il trucco, ha detto Cohen-Zion. Tuttavia, se stai cercando di monitorare il tuo sonno semplicemente per acquisire familiarità con le tue abitudini di sonno, un dispositivo di localizzazione potrebbe essere sufficiente.

“Ma se ti senti stanco, hai bisogno di aiuto per capire il tuo problema del sonno e sei interessato a un piano di trattamento più completo, prendi in considerazione le app per l’allenamento del sonno completo”, ha aggiunto Cohen-Zion.

Richard ha affermato che le app contenenti video o audio ASMR possono aiutare gli utenti ad addormentarsi. Diversi studi pubblicati hanno riferito che guardare video ASMR o ascoltare audio ASMR riduce la frequenza cardiaca, aumenta il rilassamento e consente agli utenti di addormentarsi più rapidamente.

Un’app popolare dedicata ai contenuti ASMR è Tingles . “Tingles offre un’ampia e variegata selezione di contenuti ASMR senza pubblicità, anche se l’accesso potrebbe richiedere un acquisto in-app. I video ASMR gratuiti, con e senza pubblicità, sono facilmente accessibili sull’app YouTube”, ha affermato Richard. “Allo stesso modo, l’audio ASMR gratuito, anche con e senza pubblicità, può essere trovato su qualsiasi app podcast, come Apple Podcasts, Google Podcasts e Spotify”.

Anche tenere traccia della quantità e della qualità del sonno che si ottiene è essenziale, ha affermato Airey. Consiglia Apple Watch e Fitbit Versa 2 per tenere d’occhio il programma del sonno.

Dati sul sonno di Apple Watch Series 7.

“Ovviamente questi sono entrambi a un prezzo piuttosto alto, ma mi piace che abbiano un’interfaccia semplice, una facile configurazione e un bell’aspetto”, ha detto Airey. “Possono entrambi utilizzare rispettivamente Siri e Alexa, il che significa che nessuno sguardo sullo schermo per impostare l’allarme, ecc.”

Ma Airey ha messo in guardia contro l’uso di uno smartwatch o di un’app per diagnosticare i disturbi del sonno. “I dati sono utili, ma interpretare i dati e sapere come applicarli in un contesto clinico sono competenze professionali e molto specializzate”, ha affermato Airey. “I laboratori del sonno aiutano a diagnosticare problemi e disturbi del sonno e questi smartwatch forniscono semplicemente dati. Possono diventare più sfumati i dati che sono in grado di raccogliere, ma probabilmente ci sarà sempre bisogno di uno specialista per applicare i dati al trattamento”.

Se scopri che le app non aiutano a dormire, potresti passare a una soluzione a bassa tecnologia. Cohen-Zion ha osservato che l’esercizio fisico regolare è noto per svolgere un ruolo significativo nell’ottenere un sonno di qualità. Suggerisce di creare un piano di allenamento da 15 a 30 minuti che puoi impegnare e implementare facilmente a casa (flessioni, crunch, squat, affondi o yoga) o anche solo impegnarti a 30 minuti almeno tre volte a settimana.

“Camminare aiuta a migliorare il tuo benessere perché aumenta il flusso sanguigno al cervello e al corpo”, ha detto Cohen-Zion.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial