mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeAirPodsLe batterie di Apple AirPod sono quasi impossibili da sostituire, a dimostrazione...

Le batterie di Apple AirPod sono quasi impossibili da sostituire, a dimostrazione della necessità di una riforma del diritto alla riparazione

Quando gli AirPod sono stati rilasciati per la prima volta nel 2016, erano una meraviglia della miniaturizzazione.

Per eliminare i cavi e passare al wireless, Apple ha inserito diversi chip, microfoni e altoparlanti in ciascuna cuffia, che pesa circa 4 grammi. Senza cavo, l’auricolare viene alimentato da una minuscola batteria cilindrica che ha circa l′1% della capacità della batteria di un iPhone.

Ma le batterie agli ioni di litio, come quelle utilizzate dagli AirPods, si consumano più vengono utilizzate.

Alcuni proprietari hanno notato che, dopo alcuni anni, gli AirPod usati alla fine dureranno solo un’ora circa prima di dover essere ricaricati, un grande decadimento dalla durata della batteria di quattro-cinque ore che hanno quando sono nuovi. Poiché ogni AirPod è così piccolo e così stretto nel suo alloggiamento, è quasi impossibile sostituire la vecchia batteria con una nuova. La maggior parte delle persone si arrende e ne compra semplicemente un nuovo paio.

La durata limitata degli AirPods è esattamente il tipo di problema che il movimento del “diritto alla riparazione” vuole risolvere. Le officine di riparazione e i lobbisti che sostengono la riforma delle riparazioni vogliono che i legislatori attuino una serie di regole, incluso un maggiore accesso ai manuali e alle parti ufficiali e la protezione dei consumatori intorno alle garanzie.

Ma una delle loro richieste più importanti è che le aziende progettino prodotti pensando alla riparazione, invece di imballare gadget con parti non etichettate e incollarli insieme con la colla, costringendo gli utenti a usare un coltello per smontarli.

Questo desiderio mette i sostenitori della riparazione in contrasto con le aziende di hardware come Apple, i cui modelli di business dipendono dai clienti che passano all’ultimo modello ogni pochi anni. Quando Apple ha offerto riparazioni a basso costo della batteria dell’iPhone alcuni anni fa, ha danneggiato le vendite poiché i consumatori sono stati in grado di aggrapparsi ai loro vecchi telefoni più a lungo invece di aggiornare. Apple addebita anche ai clienti le riparazioni e le garanzie estese.

“Progettiamo i nostri prodotti per la durata al fine di ridurre al minimo la necessità di riparazioni”, ha scritto Apple in un rapporto ambientale all’inizio di quest’anno . “Ma nel caso in cui sia necessaria una riparazione, riteniamo che i nostri clienti dovrebbero avere un comodo accesso a servizi di riparazione sicuri e affidabili, per ripristinare e far funzionare il loro prodotto il più rapidamente possibile”.

Il movimento per il diritto alla riparazione prende piede

Negli ultimi anni i responsabili delle politiche hanno iniziato a impegnarsi più strettamente con i sostenitori del diritto alla riparazione. Nella maggior parte degli stati sono state introdotte leggi a livello statale, ma le società di elettronica hanno fatto pressioni contro di esse e nessuna è stata approvata.

A maggio, la Federal Trade Commission ha pubblicato un rapporto di 56 pagine sulle restrizioni alla riparazione , concludendo che le restrizioni alla riparazione hanno “indirizzato i consumatori verso le reti di riparazione dei produttori o a sostituire i prodotti prima della fine della loro vita utile” – esattamente il problema in cui si trovano gli utenti con i loro AirPod.

L’amministrazione Biden venerdì ha ordinato alla FTC di scrivere nuovi regolamenti mirati a limitare la capacità dei produttori di ostacolare le riparazioni indipendenti o fai-da-te come parte di un ordine esecutivo radicale. Non sono ancora state redatte nuove regole di riparazione.

“Le società tecnologiche e di altro tipo impongono restrizioni alle riparazioni proprie e di terze parti, rendendo le riparazioni più costose e dispendiose in termini di tempo, ad esempio limitando la distribuzione di parti, strumenti diagnostici e di riparazione”, ha scritto la Casa Bianca in una scheda informativa sul ordine di venerdì, con collegamento a una storia sulla riparazione dei prodotti Apple . Apple ha rifiutato di commentare l’ordine esecutivo della Casa Bianca.

La FTC non ha detto cosa intende fare, ma i sostenitori della riparazione vogliono alcuni cambiamenti chiave alla politica, come dettagliato nel suo rapporto di maggio. Vogliono che alle aziende sia richiesto di mettere a disposizione pezzi di ricambio ufficiali. Vogliono l’accesso a strumenti che potrebbero rendere le riparazioni più facili senza decodificare gli strumenti o le parti stesse. E in definitiva, vogliono che i prodotti siano progettati con una durata di vita più lunga.

Apple non è l’unica azienda che sarebbe interessata da queste politiche. Gran parte della recente pressione è sulle aziende di dispositivi medici e sui produttori di trattori. Ma data l’ubiquità di Apple, è diventato un manifesto per la riparazione, soprattutto perché promuove i suoi sforzi ambientali come un valore aziendale .

Apple ha lanciato un programma chiamato ” Programma di riparazione indipendente ” che offre ai negozi di riparazione la possibilità di avviare un processo di certificazione e stipulare un contratto con Apple per ottenere l’accesso a parti, strumenti e manuali autentici di Apple.

Apple ha anche ridotto il prezzo della sostituzione della batteria per iPhone e i modelli recenti sono stati progettati per semplificare la sostituzione di una batteria o di uno schermo rotto, secondo iFixit. Inoltre, rispetto ad altre società di elettronica di consumo, Apple ha una vasta rete esistente di negozi e officine di riparazione autorizzate.

Tuttavia, molti prodotti Apple rimangono difficili da riparare a casa o come azienda senza alcun contatto con Apple.

L’unica azienda di sostituzione della batteria degli AirPods

iFixit, un’azienda che fornisce istruzioni di smontaggio e vende parti di ricambio per gadget, assegna ai modelli AirPods un punteggio di zero su 10 per la riparabilità. Secondo iFixit, la riparazione di questi auricolari comporta la saldatura, le pistole ad aria calda e il taglio della colla, ovvero se sono disponibili anche parti di ricambio della batteria. Alla fine, un aspirante riparatore domestico dovrebbe rimettere insieme il computer da quattro grammi.

Apple fornisce “servizio batteria” per AirPods, al costo di $ 49 per auricolare. Ma dal punto di vista funzionale, Apple ti offre semplicemente un paio sostitutivo e i vecchi auricolari vengono riciclati. Non è una riparazione, è una sostituzione. Ed è costoso. Gli AirPods originariamente costavano $ 159, quindi optare per il servizio di batteria costa più della metà del prezzo di una nuova coppia.

Apple ha venduto circa 72,8 milioni di unità AirPods nel 2020, secondo una stima di una ricerca CounterPoint, quindi decine di milioni di consumatori dovranno affrontare la stessa mancanza di scelta nei prossimi anni.

PodSwap è una società di Miami fondata da Emma Stritzinger ed Emily Alpert che mira a mantenere gli AirPod “fuori dalla discarica”. Non sono associati ad Apple.

Credono di essere l’unica azienda che esegue la sostituzione della batteria degli AirPod, anche se altre aziende “rinnovano” i vecchi AirPod, hanno detto i fondatori alla CNBC. La società è stata costituita dopo che i fondatori hanno sperimentato la morte degli AirPod e hanno pensato che aggiornarli o sostituirli sarebbe stato uno spreco e poco pratico.

Di recente ho sostituito un paio di AirPod che mantenevano la carica solo per 45 minuti, troppo poco per completare una telefonata. Ho pagato $ 59 sul sito Shopify di PodSwap e pochi giorni dopo ho ricevuto un paio di AirPod sostitutivi con batterie nuove. Non erano i miei vecchi AirPods, erano un altro set con le batterie sostituite.

Insieme a quei nuovi pod, PodSwap include una scatola e un’etichetta di restituzione. Vuole indietro i tuoi vecchi AirPods. Quindi pulisce e igienizza la vecchia coppia, inserisce nuove batterie e le invia alla persona successiva che desidera cambiare la batteria nei suoi vecchi AirPods.

Ma PodSwap affronta molte sfide che mostrano perché i sostenitori della riparazione vogliono nuove regole. Alpert ha affermato che il design dell’AirPod rende difficile per le officine di riparazione o le aziende come la loro eseguire molte sostituzioni della batteria. Il processo di PodSwap utilizza sia la robotica che il lavoro manuale, hanno affermato i fondatori.

“Il processo è stato sviluppato attraverso prove ed errori e un gran numero di unità sono state ‘sacrificate’ e infine riciclate. Una delle principali sfide che abbiamo dovuto affrontare è stata quella di superare l’unicità di questo prodotto. Ogni AirPod è assemblato con lievi differenze, il che crea complessità nello smontaggio”, ha affermato Alpert.

PodSwap prevede di offrire presto un servizio per AirPods Pro, un modello più recente che costa $ 249 e, sorprendentemente, è alimentato da una batteria a bottone di dimensioni standard.

Ma gli AirPods Pro hanno molti degli stessi problemi del primo modello: tolleranze ristrette, potenziali danni durante lo smontaggio, mancanza di parti di ricambio e un design che suggerisce che il prodotto è sempre stato progettato per durare un tempo limitato.

“Abbiamo riscontrato che le batterie di AirPods Pro sono più difficili da sostituire”, ha affermato Alpert. “Il design ergonomico e le tolleranze ristrette e spietate rendono eccezionalmente difficile sostituire le batterie ripetutamente, con un alto grado di efficienza”.

PodSwap non è stato del tutto perfetto per me: mi è stata inviata una combinazione di AirPods di “prima generazione” e “seconda generazione”. Hanno fatto sì che il mio iPhone inviasse messaggi di errore, ma ho inviato un’e-mail a PodSwap e un giorno o due dopo ho ricevuto un secondo set sostitutivo, che ha funzionato.

Successivamente, ho inviato il mio primo set sostitutivo e i miei vecchi AirPods. Gli AirPods che ho ricevuto sembrano e funzionano come nuovi.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial