HomeNotizieLe centrali elettriche a sabbia sono il futuro dell'energia

Le centrali elettriche a sabbia sono il futuro dell’energia

La questione energetica è stata qualcosa di molto delicato negli ultimi anni e ogni Paese ha avuto la responsabilità di affrontarla nel miglior modo possibile. Qui troviamo ogni tipo di scommessa, ma è innegabile che le energie rinnovabili stanno giocando un ruolo fondamentale. Ed è in questo settore che troviamo un gran numero di soluzioni, ma l’ultima di tutte ha a che fare con un materiale che in questo segmento aveva poco da contribuire, come l’energia della sabbia.

La Finlandia sta già lavorando alla propria centrale elettrica a sabbia

Sono molti gli elementi utilizzati dalle batterie per poter ottenere e immagazzinare tutta l’energia che ricevono. Il litio, ad esempio, è uno dei materiali più utilizzati nelle batterie di molti dei dispositivi che hai a portata di mano, ma è anche necessario parlare di tutte quelle fonti di energia naturali che esistono nel mondo.

Ed è qui che Polar Night Energy, azienda energetica finlandese, afferma di aver appena posizionato un impianto energetico con un materiale molto comune come la sabbia. Sì, questo elemento sembra non avere niente di speciale, ma secondo quanto si dice in New Atlas , potrebbe far parte delle nuove fonti di energia del futuro.

Come si può immaginare, l’energia si ottiene termicamente, ovvero sfrutta il calore sprigionato dalla sabbia per trasformarlo in energia come farebbe un’altra pianta di questo stile. Il fatto è che la sabbia viene posta in un serbatoio di acciaio di 4×7 metri e viene riscaldata tramite uno scambiatore di calore. Il risultato è che si possono ottenere 8 megawattora di potenza, con una potenza nominale di 100 kW, con la sabbia riscaldata a circa 500-600 gradi Celsius.

Indicano un sistema molto economico

Un’altra delle caratteristiche di cui sono orgogliosi in Polar Night Energy è che si tratta di un sistema molto semplice ed economico da realizzare. L’azienda afferma che i costi di installazione sono inferiori a € 10 per kilowattora e funziona in modo completamente automatico, senza materiali di consumo, anche a un costo minimo. C’è ancora molta strada da fare per sapere come esporteranno questo modello in altri paesi se intendono farlo.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial