HomeCuriositàLe donne più influenti nella storia della tecnologia

Le donne più influenti nella storia della tecnologia

Ada Lovelace

La matematica di origine britannica e autodidatta Ada Lovelace è stata menzionata come la prima programmatrice di computer. Fu guidata nella programmazione informatica da un rinomato professore dell’Università di Londra dopo lunghi studi in matematica e comprensione delle macchine e dei sistemi informatici del 19° secolo e successivamente lavorò nelle macchine Cabbage nel 1843. Il suo interesse per la tecnologia la portò a sviluppare un nuovo approccio nell’uso del linguaggio di programmazione e la creazione di un algoritmo per una macchina Cabbage noto come “Motore Analitico”.

© Ada Lovelace

Grazia Hopper

Grace Hopper era una scienziata informatica di origine americana e membro della Marina degli Stati Uniti. Nata nel 1906 a New York City, è stata una delle prime programmatrici del computer Harvard Mark I, che si è rivelato fondamentale nelle fasi finali della seconda guerra mondiale. In seguito sarebbe diventata una pioniera della programmazione per computer, inventando uno dei primi linker, formando la teoria dei linguaggi di programmazione indipendenti dalla macchina. Il suo linguaggio di programmazione FLOW-MATIC è stato il catalizzatore di COBOL, uno dei primi linguaggi di programmazione di alto livello ancora presente nello sviluppo tecnologico di oggi.

grazia tramoggia
© Grace Hopper

Hedy Lamarr

Donna dalla brillantezza poliedrica, Hedy Lamarr era adorata per le sue apparizioni sul grande schermo europeo tanto quanto lo era per il suo pensiero inventivo. Lamarr è nata a Vienna subito dopo la denotazione della prima guerra mondiale e le sue invenzioni hanno influenzato le conseguenze della guerra. Negli anni ’40, Lamarr e il compositore George Antheil lavorarono all’idea di un segnale di salto di frequenza per impedire che i siluri radiocomandati venissero inseguiti o bloccati. In termini più contemporanei, il lavoro di Lamarr e Antheil costituisce la base di tecnologie wireless come WiFi e Bluetooth.

© Hedy Lamarr

Annie Easley

Annie Easley era una scienziata informatica americana. Dopo aver terminato l’università, è entrata a far parte del National Advisory Committee for Aeronautics (NACA), il predecessore della National Aeronautics and Space Administration (NASA), per cui in seguito ha lavorato. Ha lavorato lì mentre aiutava a sviluppare il software per lo stadio e il codice del razzo Centaur, che è stato successivamente utilizzato per costruire batterie per auto ibride. Nel 2021 Easley aveva un cratere sulla luna che porta il suo nome.

Annie Easley
© Annie Easley

Ida Rodi

Ida Rhodes è ampiamente riconosciuta come una figura essenziale nello sviluppo iniziale del computer. Nata Hadassah Itzkowitz, il suo nome è stato cambiato quando si è trasferita negli Stati Uniti dall’Ucraina a 13 anni. Con un’evidente attitudine per la matematica, Rhodes ha ricevuto la New York State Cash Scholarship e una Cornell University Tuition Scholarship e ha conseguito una laurea e un master. Rhodes ha continuato ad aiutare a progettare il linguaggio di programmazione C-10 all’inizio degli anni ’50 per l’UNIVAC I, il primo computer digitale per uso generico prodotto negli Stati Uniti adatto alle applicazioni aziendali.

ida rodi
© Ida Rodi

Adele Goldberg

Adele Goldberg era una scienziata informatica il cui sistema Smalltalk ha fortemente influenzato il modo in cui funziona la società fino ad oggi. Mentre lavorava al PARC come manager del Systems Concepts Laboratory nel 1973, lei e alcuni colleghi hanno lavorato su Smalltalk-80, che permetteva di sovrapporre finestre su schermi grafici e trasferire rapidamente oggetti tra le applicazioni. Goldberg è stato contattato da Steve Jobs per una dimostrazione del sistema Smalltalk, che è stato poi utilizzato da Apple per lo sviluppo del desktop Macintosh.

Adele Goldberg
© Adele Goldberg

Caterina Johnson

Katherine Johnson è meglio conosciuta per il suo ruolo cruciale all’interno della NASA. Una donna afroamericana, i suoi calcoli della meccanica orbitale sono stati vitali per il successo della prima e delle successive spedizioni spaziali della NASA. Dopo averle conferito la Medaglia presidenziale della libertà nel 2015, il presidente Barack Obama ha dichiarato: “Katherine G. Johnson ha rifiutato di essere limitata dalle aspettative della società sul suo genere e razza, espandendo i confini della portata dell’umanità”. Il suo ruolo nella corsa allo spazio è stato rappresentato in Hidden Figures, nominato all’Oscar nel 2016.

Caterina Johnson
© Katherine Johnson
RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial