domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieGuerra in Ucraina 2022Le petroliere russe hanno disattivato i loro sistemi di localizzazione

Le petroliere russe hanno disattivato i loro sistemi di localizzazione

Le navi cisterna russe hanno disattivato i loro sistemi di localizzazione almeno 33 volte la scorsa settimana, secondo i dati sulla posizione forniti a Bloomberg da Windward, una società di consulenza sui rischi marittimi. È il doppio della normale tariffa settimanale, ha affermato l’azienda.

Questa tattica nota come “andare al buio” o “attività oscura” è stata segnalata dal Tesoro degli Stati Uniti come una delle numerose “pratiche ingannevoli utilizzate per eludere le sanzioni” nell’industria marittima.

I dati di Windward mostrano anche che si stanno svolgendo riunioni nave-nave che potrebbero durare abbastanza per trasferire merci alle navi senza sanzioni, sebbene la frequenza di tali riunioni sia ancora a un livello normale.

Windward ha anche affermato la scorsa settimana che 22 navi uniche sono entrate nelle acque russe per la prima volta nelle settimane successive all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

La notizia segue le notizie secondo cui nove superyacht di proprietà di oligarchi e magnati russi – molti dei quali sono stati sanzionati – hanno analogamente disattivato i segnali di localizzazione la scorsa settimana .

Tutte le navi di 300 tonnellate lorde o più che effettuano viaggi internazionali devono installare una tecnologia di localizzazione, comunemente indicata come sistema di identificazione automatica, secondo il sito web dell’Organizzazione marittima internazionale.

Alcune classi di navi che effettuano viaggi internazionali sono obbligate dalla convenzione internazionale a trasmettere il loro segnale di posizione AIS in ogni momento.

In un avviso sulle sanzioni lo scorso maggio, il Tesoro americano ha avvertito che “le navi impegnate in attività illecite possono anche disabilitare intenzionalmente i loro transponder AIS o manipolare i dati trasmessi per mascherare il loro movimento”.

Diversi paesi, inclusi Stati Uniti e Regno Unito, hanno vietato i porti sia al petrolio russo che alle navi russe in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte del paese. Le sanzioni contro gli oligarchi russi hanno portato a una raffica di movimenti navali altamente controllati mentre i superyacht ei loro proprietari tentano di sfuggire al sequestro.

La disattivazione dei dati sulla posizione, su navi commerciali o passeggeri, potrebbe rendere più difficile per le aziende evitare di fare affari con entità o individui sanzionati.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial