giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeFacebookLe scarse capacità di Mark Zuckerberg faranno fallire Facebook?

Le scarse capacità di Mark Zuckerberg faranno fallire Facebook?

Le carenze di Zuckerberg come CEO stanno “continuando a far deragliare” il gigante tecnologico precedentemente noto come Facebook, secondo Bill George , un senior fellow della Harvard Business School ed ex CEO della società di tecnologia medica Medtronic.

“Penso che Facebook non andrà bene finché lui è lì”, dice George a CNBC Make It. “Probabilmente è uno dei motivi per cui così tante persone si stanno allontanando dall’azienda. Ha davvero perso la strada”.

George ha trascorso gli ultimi 20 anni a studiare i fallimenti della leadership sul posto di lavoro, raccogliendo di recente questi risultati in un nuovo libro intitolato “True North: Leading Authentically in Today’s Workplace, Emerging Leader Edition”.

In breve, George dice che i capi che perdono di vista le loro convinzioni, valori e obiettivi più profondi come leader, specialmente in nome del denaro, della fama o del potere, sono destinati a fallire. E dopo decenni di ricerche sui crolli aziendali di alto profilo, dice di vedere sorprendenti somiglianze con Zuckerberg e Meta oggi.

Zuckerberg e Meta non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento della CNBC Make It. Il CEO di Meta è in gran parte responsabile della crescita fulminea della sua azienda fino a questo punto, trasformando la società che ha co-fondato nel 2004 in un gigante tecnologico con una capitalizzazione di mercato di $ 450,46 miliardi, a partire da lunedì mattina.

In tal modo, ha contribuito a creare l’industria dei social media moderna, una mossa che sta tentando di replicare ora riposizionando la sua azienda nello spazio del metaverso. Dato il suo successo passato, potrebbe non essere saggio scommettere contro di lui, come ha detto Jim Cramer della CNBC su “Squawk Box” a febbraio .

“So che probabilmente è fuori moda, ho totale fiducia in Mark Zuckerberg. Penso che Zuckerberg sarà in grado di tirare fuori… il metaverso”, ha detto Cramer, aggiungendo che Meta ha un track record di rimbalzo dopo cali di borsa, scandali e polemiche. “Ci sono alcune persone su cui devi scommettere. E se torni indietro nel 2018 a quell’orribile esaurimento estivo… nessuno pensava che questi ragazzi potessero tornare”.

Tuttavia, George dice che Meta è destinato a fallire finché Zuckerberg rimarrà al timone. Ecco perché:

Mark è un razionalizzatore che incolpa gli altri

Il libro di George esamina cinque diversi tipi di cattivi capi. Zuckerberg rientra non in una ma in tre di queste categorie, dice George.

Primo: George dice che Zuckerberg è un razionalizzatore, il tipo di capo che non è disposto a riconoscere o imparare dai propri errori. Invece, razionalizzano i passi falsi incolpando gli altri.

A febbraio, Meta ha perso oltre 232 miliardi di dollari del suo valore di mercato , segnando il più grande calo di un giorno di qualsiasi azione statunitense nella storia. Zuckerberg e i suoi dirigenti hanno attribuito i risultati a diversi fattori, tra cui le modifiche alla privacy di Apple nel 2021 che hanno reso più difficile indirizzare gli annunci agli utenti di smartphone, oltre all’aumento della concorrenza di rivali come TikTok.

Questi fattori potrebbero aver giocato un ruolo, ma è anche probabile che siano state prese in considerazione le pesanti spese per la ricerca e lo sviluppo del metaverso. La divisione di realtà virtuale di Meta ha registrato perdite per oltre 10 miliardi di dollari solo nel 2021 e 2,8 miliardi di dollari solo nel secondo trimestre del 2022.

Almeno pubblicamente, Zuckerberg deve ancora riconoscerlo o assumersene la responsabilità, dice George, anche se Zuckerberg ha detto durante un’assemblea degli azionisti a maggio che si aspetta che la sua azienda perda importi “significativi” di denaro nei prossimi tre o cinque anni, poiché investe in tecnologie metaverse.

Un solitario che non accetta consigli

Zuckerberg è diventato un solitario che evita di stringere relazioni strette e respinge gli altri, dice George. Quei capi spesso non accettano aiuto, consigli o feedback, il che li rende inclini a errori.

In una certa misura, Zuckerberg è noto per aver confidato nel proprio istinto rispetto alla saggezza convenzionale: fa parte del modo in cui ha trasformato Meta in un gigante tecnologico multimiliardario. Tuttavia, nei primi tempi, ha preso almeno alcuni consigli da consulenti fidati.

Un esempio: Roger McNamee , co-fondatore della società di private equity Elevation Partners e uno dei primi investitori in Facebook. Nel 2006, McNamee ha consigliato a Zuckerberg di rifiutare l’offerta di Yahoo di acquistare Facebook per $ 1 miliardo. McNamee in seguito ha incoraggiato Zuckerberg ad assumere l’ ex COO Sheryl Sandberg , che alla fine ha svolto un ruolo fondamentale nella costruzione dell’attività pubblicitaria e delle operazioni interne dell’azienda.

Entrambe le volte, le decisioni di Zuckerberg hanno seguito il consiglio di McNamee ed entrambe le decisioni si sono rivelate molto efficaci. Eppure, man mano che Meta cresceva, Zuckerberg alla fine smise di ascoltare, ha detto McNamee al New Yorker nel 2019.

La decisione potrebbe aver avuto almeno una conseguenza importante: nel 2016, McNamee ha cercato di mettere in guardia Zuckerberg sull’impatto dell’ingerenza russa nelle elezioni statunitensi sulle piattaforme di Facebook. Secondo quanto riferito, Zuckerberg ha respinto l’avvertimento , ignorando McNamee per mesi.

Da allora le agenzie di intelligence statunitensi hanno concluso che Facebook era una piattaforma chiave negli sforzi di interferenza della Russia, che potrebbero aver contribuito all’elezione del presidente Donald Trump.

Un cercatore di gloria che dà la priorità ai profitti

Infine, Zuckerberg è un cercatore di gloria che mette la fama e la fortuna al di sopra di ogni altra cosa, dice George. Questi tipi di capi non sono mai veramente soddisfatti di ciò che hanno e sono disposti ad andare agli estremi per guadagnare di più.

Zuckerberg dà la priorità ai profitti e alla crescita di Meta, anche a spese dei miliardi di utenti dell’azienda, afferma George. Non è un’osservazione unica: l’azienda di Zuckerberg è da tempo coinvolta in polemiche su questioni legate alla privacy e alla salute dei suoi utenti.

In un caso, un’indagine del Wall Street Journal dello scorso anno ha scoperto che la piattaforma Instagram di proprietà di Meta stava contribuendo ai problemi di salute mentale degli utenti, in particolare nelle ragazze adolescenti. L’indagine ha rilevato che la leadership di Meta ha scelto attivamente di ignorare il problema, per evitare di mettere a repentaglio il coinvolgimento e la crescita degli utenti.

La decisione indica il desiderio di Zuckerberg di dare la priorità alle entrate rispetto a qualsiasi altra cosa, afferma George.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial