Il prezzo di Bitcoin è aumentato di quasi cinque volte nell’ultimo anno, ma la rapida crescita sta portando a un consumo energetico significativamente più elevato per la popolare criptovaluta in tutto il mondo.

Ciò è in gran parte dovuto al fatto che più persone competono per estrarre bitcoin, un processo che comporta la risoluzione di complessi problemi matematici che aiutano a verificare le transazioni in valuta digitale. I minatori che risolvono questi problemi ricevono una quota di bitcoin e più persone competono per estrarli, più energia ci vuole.

È difficile misurare esattamente quanta energia consuma il mining di bitcoin, ma una nuova analisi del New York Times ha condiviso alcuni dati sbalorditivi che mettono l’uso di energia in prospettiva:

  • L’estrazione di bitcoin consuma circa 91 terawattora di elettricità all’anno.
  • Si tratta di un consumo annuo di elettricità superiore a quello di tutta la Finlandia, che è un paese di 5,5 milioni di persone.
  • Si tratta di quasi lo 0,5% di tutto il consumo di elettricità in tutto il mondo, e un salto di 10 volte rispetto a soli cinque anni fa.
  • È circa la stessa quantità di elettricità consumata ogni anno nello stato di Washington e più di un terzo dell’elettricità utilizzata per il raffreddamento residenziale negli Stati Uniti ogni anno.
  • Ed è più di sette volte l’elettricità utilizzata da tutte le operazioni globali di Google.
LEGGI  Criptovalute: la SEC fa causa al fondatore dell'ormai defunto BitConnect

Dato il massiccio apprezzamento del prezzo di bitcoin negli ultimi anni, non è difficile aspettarsi che il consumo di elettricità continui a crescere. Bitcoin ora vale circa $ 50.000 , un aumento di circa cinque volte rispetto allo scorso anno. Il prezzo era di circa $ 500 nel 2016.

Con l’aumento della concorrenza, il mining di bitcoin è diventato un’industria a sé stante, che richiede macchine specializzate, server e enormi data center con una capacità di raffreddamento sufficiente per evitare il surriscaldamento dei computer.

Come notato, lo stesso processo di mining interno è diventato più complesso; secondo il New York Times , un singolo computer desktop poteva facilmente estrarre bitcoin nel 2011, quando la criptovaluta aveva poco seguito. Ora, ci vogliono circa “13 anni di elettricità domestica tipica” per estrarre un singolo bitcoin.Un uomo si trova alla fine di un lungo corridoio. Le pareti sono piene di computer e cavi, che vengono utilizzati per estrarre bitcoin.

Per coloro che hanno seguito bitcoin e il più ampio spazio delle criptovalute, l’impatto ambientale del mining è stato a lungo un problema con cui fare i conti. L’Iran è stato scosso da interruzioni di corrente all’inizio di quest’anno che sono state in parte attribuite al bitcoin. A marzo, Bill Gates ha avvertito che il bitcoin non era “una grande cosa per il clima”. E il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha definito il suo consumo energetico “sbalorditivo”.

LEGGI  eFIN pronto a lanciare il suo ponte blockchain il 6 settembre 2021

In risposta, alcuni gestori patrimoniali stanno cercando di affrontare le preoccupazioni ambientali delle criptovalute. Michael Hanus, amministratore delegato senior della piattaforma di investimenti alternativi RealBlocks, aveva precedentemente dichiarato a Insider che i gestori patrimoniali stanno diventando sempre più consapevoli dei problemi di sostenibilità delle criptovalute.

Hanus ha fatto riferimento all’analisi ESG, una filosofia di investimento che incoraggia le aziende a considerare l’impatto ambientale, sociale e di governo societario di un investimento. “Molti gestori, se si guarda all’ESG, erano originariamente concentrati sulla ‘G’, gli aspetti di governance, al fine di migliorare i propri portafogli. Penso che ora stia cambiando, e c’è un’ulteriore enfasi sulla ‘E’ e sulla ‘S’ di ESG”, ha detto Hanus.

LEGGI  Il crollo dei prezzi di Bitcoin getta un'ombra sulle società minerarie

In altre parole, gli asset manager stanno cercando di bilanciare i possibili aspetti ambientali e sociali negativi della criptovaluta con il denaro che può potenzialmente guadagnare agli investitori.