giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeSmartphoneL'evoluzione del telefono, dal trasmettitore di liquidi allo smartphone moderno

L’evoluzione del telefono, dal trasmettitore di liquidi allo smartphone moderno

Immagina questo: sei in una città sconosciuta e mentre sai come raggiungere il negozio di alimentari più vicino, prendi accidentalmente l’uscita sbagliata dell’autostrada. Cosa fai? Se sei come me, tiri fuori il tuo smartphone e Google l’indirizzo prima di inserirlo nel tuo GPS.

Ma questa non era sempre un’opzione. Non c’era sempre un telefono che si adattasse perfettamente al portabicchieri della tua auto o alla tasca posteriore con Google, GPS e migliaia di altre app con infinite informazioni allegate. Essendo nato in quello che è considerato l’ ultimo anno del Millennial , ricordo persino un periodo in cui i miei amici dovevano chiamare il mio telefono di casa per organizzare il fine settimana. Ma ora sembra che tutti possiedano un cellulare.

Dal “trasmettitore di liquidi” di Alexander Graham Bell allo smartphone moderno, i telefoni si sono evoluti enormemente e ora sono una parte essenziale della vita di tutti i giorni. Da dove hanno iniziato e dove possono andare da qui?

Trasmettitore di liquidi

Lo stesso giorno esatto del 1876, Alexander Graham Bell ed Elisha Gray corsero entrambi all’ufficio brevetti con i loro dispositivi progettati in modo indipendente che trasmettevano elettronicamente il parlato. Conosciamo Bell come l’inventore del primo telefono, e questo perché è arrivato in ufficio poche ore prima di Gray.

Il telefono originale funzionava convertendo il suono in un segnale elettrico ” dirigendo il suono attraverso un ricevitore e su una sottile membrana tesa su un tamburo “.

Le prime parole pronunciate al telefono furono da Bell al suo assistente, Thomas A. Watson, e disse: “Mr. Watson, vieni qui. Voglio vederti.” Poi, nel 1877, furono istituite le prime linee telefoniche.

Senza un operatore

Agli inizi del 1900 i centralini telefonici avvenivano tramite centralino. Nel 1891, Almon B. Strowger inventò un modo per comunicare usando un telefono senza un operatore perché stava perdendo affari a causa di un concorrente. La moglie del concorrente, che lavorava in una centrale telefonica locale, reindirizzava continuamente le chiamate di Strowger a suo marito.

La macchina si muoverebbe in base agli impulsi dei segnali telefonici bidirezionali, consentendo all’operatore di entrare in contatto con un’altra persona. Strowger ha effettivamente realizzato il primo centralino telefonico automatico utilizzando solo una scatola da colletto rotonda e spille dritte.

Tuttavia, sebbene brevettata, questa tecnologia non fu ampiamente utilizzata fino agli anni ’20.

Picturephone

Con il desiderio di aggiungere video alle telefonate, AT&T ha debuttato con il suo Picturephone nel 1964 alla Fiera mondiale di New York. Tuttavia, poiché il dispositivo era così ingombrante e costoso, inizialmente il gadget non è riuscito. Continuando la loro ricerca, AT&T ha aperto le sale Picturephone a New York, Chicago e Washington quello stesso anno, suscitando un po’ di interesse. Tuttavia, in sei mesi sono state effettuate solo 71 chiamate, un numero inferiore al previsto.

AT&T era molto più avanti della curva considerando la popolarità di FaceTime oggi. Il Picturephone aveva uno schermo da 5,25 x 5 pollici, 30 fotogrammi al secondo interlacciati, immagini bianche con una risoluzione di 250 linee e il suono funzionava tramite un vivavoce a toni. Il Picturephone non è mai decollato, soprattutto perché il servizio funzionava solo se entrambi gli utenti avevano un Picturephone.

Telefoni cordless

Il primo concetto di telefono cordless è stato coniato Carterfone e utilizzava un sistema radio a due vie collegato a un telefono, consentendo agli utenti di camminare mentre parlavano al telefono. Mentre il Carterfone era su qualcosa negli anni ’50, il primo telefono cordless venduto in commercio fu rilasciato dalla Sony negli anni ’80. Ma proprio come tutta la tecnologia, la prima edizione presentava molti problemi, tra cui scarsa portata, problemi di interferenza e una breve durata della batteria.

Telefono Siemens a Smartphone

Entriamo in quello per cui siamo venuti tutti qui: lo smartphone. Gli anni ’90 hanno visto un rapido aumento dell’uso dei telefoni cellulari , anche se non è nulla in confronto a oggi.

Nel 1990 il numero di utenti mobili era di appena 11 milioni; ora sono quasi 3 miliardi. Questo è davvero iniziato con il Siemens Phone nel 1985 , che era un cellulare da valigia. Sì, questo telefono era letteralmente una valigia, cosa difficile da immaginare con molti di noi che ora hanno iPhone che stanno nella tasca posteriore.

Dopo il Siemens Phone sono arrivati ​​i telefoni Nokia e Samsung simili a mattoni, fino a quando finalmente, nel 1989, il primo telefono a conchiglia è stato rilasciato da Motorola. Nel 1992 il primo sms, con la scritta “Buon Natale!”, è stato inviato con successo. Mentre il 1994 ha visto il primo smartphone Simon con un touchscreen, è stato solo nel 2007 quando l’ormai popolare Apple iPhone è uscito .

Il primo iPhone era minuscolo, con una dimensione di soli 4,5″ x 2,4″. Sebbene avesse i suoi problemi, inclusa una rete instabile, e una serie di dubbiosi , era estremamente importante per l’evoluzione dello smartphone. Solo un anno dopo, è stato rilasciato l’iPhone 3G, che includeva più app, e il primo iPhone è stato interrotto.

Nel 2007, Apple ha venduto solo 1,9 milioni di telefoni; nel 2017 ne hanno venduti quasi 217 milioni.

I pro e i contro degli smartphone

È difficile immaginare un mondo in cui non possiamo tirare fuori i cellulari e inviare un breve messaggio di testo che spieghi perché siamo in ritardo a pranzo o scorrere Twitter mentre andiamo al lavoro. Ci sono numerosi pro e contro nella nostra capacità di condividere le nostre vite online e di comunicare senza sforzo, e i social media sono diventati un modo centrale per i Millennial di trascorrere il loro tempo libero.

Alcuni vantaggi includono la semplice capacità di rimanere in contatto con persone che non vivono nel nostro stesso stato o paese, lavorare in remoto con successo e mantenere una sorta di album digitale delle nostre vite. Tuttavia, i contro includono l’incapacità di allontanarsi dal lavoro , distrarsi facilmente e l’urgenza di confrontare la propria vita con il feed Instagram curato  da un influencer dei social media .

Nonostante questi pro e contro, non c’è dubbio che gli smartphone rimarranno in circolazione. Ma dove possono andare gli smartphone da qui?

Forse inizieranno a utilizzare fonti di alimentazione alternative , rendendo superfluo collegare i telefoni alle prese per caricarli. O, forse, alla fine saremo in grado di costruire il nostro telefono, in modo simile a come ora possiamo scegliere parti specifiche per i computer per personalizzarli.

Se dipendesse da me, opterei per un telefono estensibile.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial