giovedì, Giugno 20, 2024

L’India potrebbe lanciare la sua valuta digitale entro dicembre

La banca centrale indiana potrebbe avviare la sperimentazione della valuta digitale entro dicembre: governatore della RBI

La Reserve Bank of India potrebbe lanciare i suoi primi programmi di prova di valuta digitale entro dicembre, ha detto alla CNBC il governatore della banca centrale Shaktikanta Das.

Le banche centrali, comprese quelle in Cina, Europa e Regno Unito, stanno esplorando le valute digitali che verrebbero emesse da loro, sia a istituti di credito commerciali che direttamente al pubblico.

Sono chiamate valute digitali della banca centrale, o CBDC – corso legale in forma digitale, e sono essenzialmente la versione online delle rispettive valute legali. Nel caso dell’India, quella sarebbe la rupia digitale.

“Stiamo facendo molta attenzione perché è un prodotto completamente nuovo, non solo per RBI, ma a livello globale”, ha detto Das a Tanvir Gill della CNBC in un’intervista preregistrata giovedì.

La RBI sta studiando vari aspetti di una valuta digitale, tra cui la sua sicurezza, l’impatto sul settore finanziario indiano e il modo in cui influenzerebbe la politica monetaria e la valuta in circolazione, secondo il governatore.

Das ha aggiunto che la banca centrale sta anche esplorando la scelta tra avere un registro centralizzato per la valuta digitale o la cosiddetta tecnologia di registro distribuito (DLT) .

DLT si riferisce a un database digitale che consente a più partecipanti di accedere, condividere e registrare transazioni contemporaneamente. Un registro centralizzato significa che il database è di proprietà e gestito da una singola entità, in questo caso la banca centrale.

“Penso che entro la fine dell’anno dovremmo essere in grado di – forse saremmo in grado – di iniziare le nostre prime prove”, ha detto Das alla CNBC.

Il suo vice, T Rabi Shankar, il mese scorso ha affermato che la banca centrale stava lavorando a una ” strategia di attuazione graduale ” per una valuta digitale.

Interesse crescente da parte delle banche centrali

Le banche centrali hanno intensificato i loro sforzi esaminando le valute digitali nell’ultimo anno a seguito di un calo dell’utilizzo di contanti e del crescente interesse per le criptovalute come il bitcoin .

La People’s Bank of China sta aprendo la strada , con prove reali già in atto in diverse città. Anche la Banca centrale europea e la Banca d’Inghilterra stanno esaminando rispettivamente un euro digitale e un CBDC del Regno Unito.

Le CBDC differiscono dalle criptovalute in diversi modi importanti : in primo luogo, sarebbero completamente regolamentate e sotto un’autorità centrale, in genere le banche centrali.

In secondo luogo, invece di essere un asset negoziabile con prezzi estremamente fluttuanti , le valute digitali della banca centrale funzionerebbero più come le loro controparti legali e avrebbero un’ampia accettazione.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: