link interni seo

Ci sono molti componenti per la SEO e non c’è dubbio che due dei più importanti sono la costruzione di link e il marketing di contenuti.

Assicurati di guadagnare collegamenti alle tue pagine da siti Web autorevoli e di pubblicare contenuti ottimizzati e pertinenti sul tuo sito Web e blog e che le tue possibilità di posizionarti in alto nelle SERP aumenteranno sicuramente.

Tuttavia, c’è di più nel SEO oltre a questo.

Ci sono alcune strategie all’interno della SEO che potrebbero non essere così note come le due che abbiamo menzionato in precedenza e che, di conseguenza, possono essere facilmente trascurate.

Una di queste strategie è il collegamento interno.

Se ne hai sentito parlare ma non l’hai mai usato per aumentare la presenza online della tua attività o non hai idea di cosa stiamo parlando, l’articolo di oggi ti insegnerà tutte le basi che devi sapere sul ruolo del collegamento interno in SEO.

Che cos’è un collegamento interno?

Digita questa domanda in Google e molto probabilmente troverai più definizioni piene di gergo tecnico SEO .

È fantastico se hai familiarità con tutte le cose SEO ma se non lo sei, non ti preoccupare, siamo qui per semplificare le cose.

Detto questo, un collegamento interno è un collegamento ipertestuale su un sito Web che punta a un’altra pagina dello stesso sito Web. Per fare un esempio, se hai scritto un articolo per il tuo blog e lo hai finito con un CTA collegato alla pagina dei tuoi prodotti, sarebbe un link interno.

Perché è importante il collegamento interno?

Affinché il tuo sito Web venga visualizzato nelle SERP, Google deve eseguire la scansione e indicizzarlo, il che significa che deve analizzare il contenuto e il codice sul tuo sito Web e quindi aggiungerlo all’indice di Google.

Tuttavia, come puoi immaginare, non tutti i siti Web effettuano il taglio finale e vengono effettivamente indicizzati, il che pone la domanda: come fa Google a decidere quali siti Web inserire nelle SERP?

La risposta breve è: attraverso i suoi fattori di classifica.

La lunga risposta è … beh, abbastanza a lungo da scrivere un intero articolo a riguardo.

Ma tornando all’argomento principale di oggi, uno dei fattori di classifica che Google ha sempre in considerazione sono i link.

I crawler di Google utilizzano effettivamente i link per scoprire nuove pagine e navigare nel sito Web. Sapendo questo, diventa facile capire perché i collegamenti interni sono importanti, giusto?

Più link interni hai, meglio i crawler di Google sono in grado di spostarsi attraverso il tuo sito Web e scoprire più contenuti da indicizzare.

Inoltre, i collegamenti interni aiutano Google a comprendere la struttura di ogni pagina del tuo sito Web, nonché l’importanza relativa che le diverse pagine hanno per il sito Web, ma ci arriveremo tra poco.

Come è possibile utilizzare il collegamento interno in SEO?

I collegamenti interni sono fondamentali per organizzare e dare priorità al tuo sito Web per scopi SEO e oggi discuteremo due modi principali in cui questi collegamenti possono essere utilizzati:

Struttura del sito Web

Quando Google trova un collegamento interno, legge il testo di ancoraggio e quindi identifica la destinazione, il che significa che può mettere in relazione le parole chiave nel testo di ancoraggio con lo scopo generale della pagina.

In altre parole, il testo di ancoraggio aiuta Google a scoprire nuove pagine, nonché a comprendere e dare priorità alla pagina all’interno del sito Web, come abbiamo già detto.

Per darti un esempio:

Supponiamo che tu abbia un ristorante pizzeria e in uno dei tuoi post sul blog, includi un link interno con il testo di ancoraggio, “pizza crosta”, che collega a un’altra pagina del sito Web correlata allo stesso argomento.

Ciò darà a Google più sicurezza che la pagina di destinazione è destinata a ottimizzare per “crosta di pizza”.

Inoltre, se più pagine di un sito Web si collegano internamente alla pagina di destinazione sulla crosta di pizza, ciò determinerà sicuramente il punto su cui si basa la pagina.

Quando arrivi all’azione e inizi a includere i tuoi collegamenti interni, puoi scegliere uno dei due metodi: pianificare la strategia di collegamento e mantenere le cose in ordine o semplicemente aggiungere i collegamenti mentre procedi, senza pensarci troppo.

Il mio consiglio? Mantieni organizzata la tua strategia di collegamento interno e avrai un maggiore controllo e comprensione della struttura del tuo sito web.

Trasferire l’equità dei link

I link interni aiutano anche a trasferire l’equità dei link in un sito Web, il che è particolarmente rilevante se hai anche investito nella creazione di link.

La verità è che la costruzione di link può essere una strategia difficile da padroneggiare.

Potrebbe anche essere impossibile, se stai cercando di guidare i collegamenti alle pagine di vendita (ovvero pagine con servizi e prodotti) perché molti siti Web hanno regole rigide contro il collegamento a questo tipo di pagina.

Per questo motivo, i link che guadagni attraverso la creazione di link spesso portano alla tua home page o ai post sul blog, che offrono contenuti e informazioni ma non vendono esattamente da soli.

Per sposare questa situazione, puoi semplicemente guidare i link ai post del tuo blog, che acquisiranno l’equità dei link nel tempo, quindi aggiungere link interni da quei post alle tue pagine di vendita, in modo che anche il link equity accumulato dai post possa essere condiviso con la pagina dei prodotti o dei servizi.

Inizia a lavorare sui tuoi collegamenti interni oggi!

Se sei una delle tante aziende che sottostimano il potere del collegamento interno, oggi è il giorno di cambiarlo.

Non solo faranno un’enorme differenza nei risultati SEO, ma non potrebbero essere più facili da implementare. Dopotutto, l’aggiunta di collegamenti interni ai tuoi contenuti non dipende da nessuno tranne te e il tuo team.

Quindi, se stai cercando modi per aumentare i tuoi sforzi SEO, direi che il collegamento interno è un ottimo punto di partenza. In bocca al lupo!