giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeGoogleL'update all'algoritmo Google Page Experience pronto per maggio 2021

L’update all’algoritmo Google Page Experience pronto per maggio 2021

Siamo sicuri che avrai sentito parlare dell’annuncio di Google di questa estate. Sì, ne hanno fatto un altro. In breve, hanno detto che aggiorneranno il loro algoritmo nel 2021 per includere un fattore chiamato Page Experience. Questo sarà un elemento importante che avrà un impatto sulle classifiche.

Come parte di questa iniziativa, hanno lanciato Web Vitals , una serie di benchmark essenziali per misurare e migliorare l’esperienza dell’utente sul Web.

Resisti. Che cos’è l’esperienza della pagina, comunque? E hai davvero bisogno di aggiungere alla tua lista di cose da fare traboccante? Diamo uno sguardo più da vicino.

L’esperienza della pagina in poche parole

L’esperienza della pagina include tutti gli aspetti di come gli utenti interagiscono con una pagina web e quanto sia buona o dolorosa per loro. ( Nel tuo caso, speriamo non sia quest’ultimo! )

Ciò include i segnali della Ricerca Google esistenti: ottimizzazione per i dispositivi mobili, navigazione sicura, HTTPS e linee guida interstitial intrusive.

Include anche le metriche nei Web Vitals di Google. Attualmente, l’attenzione si concentra su tre aspetti: caricamento, interattività e stabilità visiva.

  1. Il caricamento , in questo contesto, misura la velocità di carico percepita. Questo è il punto nella sequenza temporale di caricamento della pagina in cui è probabile che il contenuto principale sia stato caricato.
  2. L’interattività è il tempo che intercorre dal momento in cui un utente interagisce per la prima volta con una pagina, ad esempio un clic o un tocco, al momento in cui il browser inizia a elaborare tale interazione.
  3. La stabilità visiva ha a che fare con la prevenzione di movimenti fastidiosi e inaspettati del contenuto della pagina.

Potresti già aver ottimizzato per alcuni di questi fattori. Secondo una ricerca precedente di Google , poiché il tempo di caricamento della pagina passa da un secondo a 10 secondi, la probabilità che un visitatore di un sito per dispositivi mobili rimbalzi aumenta del 123%. Ahia!

Allo stesso modo, poiché il numero di elementi in una pagina passa da 400 a 6.000, la probabilità di conversione diminuisce fino al 95%.

Ora, Google sta riunendo questi e altri aspetti sotto un unico ombrello che avrà un impatto ancora maggiore sui risultati di ricerca organici.

Indicatori visivi dell’esperienza sulla pagina

Google ha anche affermato che entro il prossimo anno introdurrà un indicatore visivo per designare quei risultati di ricerca che soddisfano tutte le loro specifiche sull’esperienza della pagina.

Anche in passato hanno fatto qualcosa del genere. Devi aver osservato, ad esempio, le icone AMP e le etichette lente e ottimizzate per i dispositivi mobili.

Se questo indicatore viene visualizzato in modo prominente nei risultati di ricerca, ci sono buone probabilità che gli utenti preferiscano questi siti rispetto ad altri.

Anche se Google deve ancora annunciare la forma, le dimensioni e la posizione di tali indicatori, è un segno di quanto seriamente stiano prendendo le loro prossime linee guida sull’esperienza della pagina.

Ciò significa che tutti noi dovremmo iniziare a pianificare da ora stesso.

Resisti. L’esperienza della pagina non è tutto.

Ora, potresti aver letto fino a qui e hai deciso che la cosa più importante è correggere tutti i parametri di cui sopra. E vedrai lo zoom del tuo traffico.

Non sarà necessariamente così. (Anche se speriamo che lo sia!) Vedi, il contenuto è ancora il re. Tutto inizia con quello.

Come fanno notare gli stessi Google nel loro blog ,

“Un’ottima esperienza sulla pagina non sostituisce l’ottimo contenuto della pagina.”

Tuttavia, puoi essere certo che quando ci sono molte pagine con rilevanza simile, la tua migliore esperienza sulla pagina farà la differenza nei risultati di ricerca.

Perché dovresti prestare attenzione a questo aggiornamento dell’algoritmo 

Resta il fatto che le nuove metriche sull’esperienza della pagina dovrebbero essere prese sul serio dagli sviluppatori e da tutti coloro che sono coinvolti nelle strategie di ottimizzazione per migliorare il posizionamento nelle ricerche.

Per cominciare, se la tua esperienza utente è vista come nella fascia più alta, i segnali visivi guideranno consumatori e browser alla tua pagina rispetto agli altri.

Google stesso è abbastanza chiaro sull’aumento del peso che daranno all’esperienza della pagina. Dopo tutto, una fantastica esperienza sulla pagina consente alle persone di fare di più e aumenta il coinvolgimento.

Sembra evidente che quelle pagine che scendono al di sotto dei nuovi benchmark verranno lasciate indietro nelle classifiche. Ciò significa un calo significativo del traffico.

Google considera già centinaia di aspetti per determinare le classifiche. L’inclusione dell’esperienza sulla pagina consente loro di guidare le persone, in modo che possano accedere alle informazioni in modo più semplice e divertente.

Per i proprietari di siti e altri, comprendere questi segnali e apportare le modifiche necessarie dovrebbe essere una priorità.

Altrimenti, corri il rischio che la tua pagina venga ignorata. Non lo vorresti adesso, vero?

Cominciamo con una brutta esperienza sulla pagina

Prima di arrivare a capire come migliorare l’esperienza sulla pagina, capiamo cos’è una brutta esperienza sulla pagina.

  • Velocità di pagina lente: sai quanto può essere frustrante fare clic su un risultato di ricerca e quindi attendere il caricamento di una pagina. Potrebbero volerci pochi secondi, ma sembra un’eternità. È probabile che i tuoi consumatori si sentano allo stesso modo e siano scoraggiati.
  • Cattiva struttura e design: anche se la pagina viene caricata rapidamente, a volte può creare confusione la navigazione. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il design è cliché o semplicemente sconcertante. Potrebbero essere presenti troppi popup. Potrebbe non esserci una struttura dei contenuti adeguata. Cercare informazioni qui potrebbe essere come cercare un ago in un pagliaio.
  • Mancanza di impegno . Sfortunatamente, troppi siti Web presumono semplicemente che il loro unico scopo sia vendere. Ma il consumatore di oggi vuole essere coinvolto, vuole essere intrattenuto e vuole essere capito. Ecco perché l’empatia e la simpatia sono fattori importanti.

I passi che puoi fare

Mancano più di sei mesi prima che queste modifiche abbiano effetto. In qualità di webmaster, hai tempo più che sufficiente per prepararti. E non ci sono scuse per non essere pronto.

Come proprietario del sito o stakeholder, puoi seguire il consiglio di Aja Frost, responsabile SEO dei contenuti di HubSpot. Questo è ciò che dice : ” Penso che questo ti dia buone munizioni per andare dal tuo team web o dal tuo team per le prestazioni e dire:” Ehi, sai, Google … [lo rilascerà] tra sei mesi, quindi abbiamo bisogno per concentrarsi su di esso. 

Ecco alcune cose da considerare.

  • Puoi iniziare acquisendo una comprensione delle metriche che Google utilizzerà. Per ora, questi sono LCP (Largest Contentful Paint), CLS (Cumulative Layout Shift) e FID (First Input Delay). Google stesso fornisce spiegazioni e standard di misurazione , utili per acquisirne la padronanza.
  • Sulla base di ciò, puoi quindi condurre un controllo del sito. Ottimizza per questi nuovi segnali di ranking, in particolare per fattori quali velocità di caricamento della pagina, reattività, UX, usabilità mobile e sicurezza. Ci sono una varietà di strumenti che puoi usare per questo. Ad esempio, il test ottimizzato per i dispositivi mobili online di Google e Page Speed ​​Insights , che svolgono il ruolo di controllori delle prestazioni su tutti i dispositivi.
  • Come sapete, sono necessarie diverse persone che lavorano insieme per creare un sito Web di alta qualità. È ora di riunire queste parti interessate e discutere come verrà gestito questo aggiornamento dell’algoritmo. I team SEO, UX design e IT dovrebbero essere in perfetto allineamento quando si tratta di obiettivi e azioni futuri. Potresti iniziare chiedendo loro se preferiscono un caffè o un tè e poi iniziare la riunione.

Suggerimenti degli esperti per migliorare l’esperienza della pagina

Fino ad ora, hai ricevuto un’ampia panoramica dell’annuncio di Google, cosa significa per gli sviluppatori e altre parti interessate e alcuni passaggi iniziali che puoi intraprendere per prepararti.

È tutto molto istruttivo, ma c’è qualcosa che puoi fare subito? Si C’è.

Ecco alcuni dettagli granulari su come puoi migliorare l’esperienza della pagina come un capo.

1. Ottimizza per la ricerca mobile

Nel terzo trimestre del 2020 , i dispositivi mobili hanno generato il 50,81% del traffico globale del sito web, oscillando costantemente intorno al 50% dall’inizio del 2017.

Chiaramente, questi numeri non possono essere ignorati. Anche gli algoritmi di Google utilizzano principalmente la versione mobile del contenuto di un sito per classificare le pagine di quel sito.

Se non lo hai già fatto, dovresti rendere la tua pagina pronta per i dispositivi mobili riducendo il codice, sfruttando la memorizzazione nella cache del browser e riducendo i reindirizzamenti.

Il design della pagina web dovrebbe essere semplice e reattivo in modo da apparire attraente su schermi più piccoli. Anche la struttura del sito dovrebbe essere ottimizzata per i dispositivi mobili.

2. Migliora la velocità della pagina

Secondo una recente ricerca che conferma i risultati di Google, un ritardo di un secondo intero nel caricamento può ridurre i tassi di conversione del 70%. Solo un secondo, più breve del tempo necessario per leggere questa frase.

Esistono diversi modi per non perdere a causa di ritardi frustranti. Secondo Google, la best practice è di soli tre secondi.

Un modo per farlo è ridurre al minimo le richieste HTTP. Questo perché i componenti sulla pagina, più tempo ci vuole per il rendering. Puoi combinare i file per superare questo problema.

Inoltre, il caricamento asincrono dei file può velocizzare le pagine. Quando un browser carica una pagina, si sposta dall’alto verso il basso e puoi usarla a tuo vantaggio.

Altri aspetti includono l’esame del funzionamento del caricamento di JavaScript e dei tempi di risposta del server. Non dimenticare di controllare anche la compressione, la memorizzazione nella cache e, soprattutto, le dimensioni dei file di immagine.

3. CTA separati

L’ottimizzazione per i dispositivi mobili e il miglioramento della velocità delle pagine sono i primi passi da compiere, poiché hanno un enorme impatto sull’esperienza utente. Tuttavia, ci sono altri fattori che possono migliorare ulteriormente l’interazione, per non parlare del tasso di conversione.

Uno di questi è la Call to Action o CTA. Praticamente ogni sito ha questi in una forma o nell’altra. I consumatori sono invitati a intraprendere azioni specifiche, dall’iscrizione agli aggiornamenti, alla registrazione, alla richiesta di un appuntamento e, naturalmente, all’effettuazione di acquisti. (Non dimentichiamolo.)

Il trucco sta nel rendersi conto che i consumatori hanno diversi stati d’animo in punti diversi in modo da poter personalizzare i tuoi CTA, di conseguenza.

Dovrebbero essere brevi, specifici e chiari sull’azione necessaria. Idealmente, dovrebbero includere un vantaggio. Pensa a cosa otterrà il consumatore dall’interazione. Deve essere illuminato, avere successo o risolvere un problema?

Anche il design dei pulsanti CTA è importante. Naturalmente, dovrebbero essere luminosi, di forma corretta e posizionati correttamente.

Pensa a questo come al tuo invito all’azione.

4. Usa testo alternativo per le immagini

Abbiamo già accennato alla compressione delle immagini come un modo per fornire un’esperienza di caricamento ottimale. Ma c’è un altro fattore coinvolto quando si tratta di esperienza e posizionamento delle pagine.

Questo è chiamato testo alternativo. Viene utilizzato in un codice HTML e descrive l’aspetto e la funzione di un’immagine su una pagina.

Tali tag alt verranno visualizzati nel caso in cui il file immagine non venga caricato in modo che gli utenti comprendano il contesto. Tali descrizioni vengono utilizzate anche dai crawler dei motori di ricerca per l’indicizzazione e questo aiuta nelle classifiche.

Queste descrizioni di testo alternativo dovrebbero essere brevi, specifiche e idealmente con una parola chiave. Ciò contribuirà notevolmente ai risultati di ricerca organici del tuo sito.

Infine, questo non può essere ripetuto abbastanza: concentrati sul contenuto

Questo è qualcosa che abbiamo accennato in precedenza, ma è così importante che vogliamo ricordartelo ancora una volta.

A volte capita che le persone siano così prese dalle metriche e dai problemi tecnici del SEO che l’elemento più importante viene portato al secondo posto.

Molto semplicemente, un buon contenuto giocherà sempre un ruolo fondamentale nel determinare il posizionamento delle pagine. Dovrebbe essere semplice, dovrebbe rispondere a un bisogno e dovrebbe essere unico.

È quando disponi di tali contenuti, e quindi li ottimizzi per gli aggiornamenti dell’algoritmo di Google, che vedrai il tuo ranking zoomare verso l’alto.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial