mercoledì, Aprile 17, 2024

Microsoft Utilizza l’IA per Trovare un Nuovo Materiale per le Batterie: 32 milioni di Candidati Analizzati in 80 Ore

Microsoft UTILIZZA L’Intelligenza Artificiale PER SCOPRIRE NUOVI MATERIALI PER LE BATTERIE: E’ UNA SCOPERTA RIVOLUZIONARIA

L’Intelligenza Artificiale del servizio in cloud Azure Quantum Elements (AQE) di Microsoft ha aiutato il Pacific Northwest National Laboratory (PNNL) a creare un nuovo elettrolita per produrre in futuro batterie a stato solido con meno litio. La notizia è che l’IA di Microsoft ha permesso di poter scremare in sole 80 ore 32 milioni di materiali diversi: un compito impossibile, a questa velocità e per un numero così elevato di analisi, per qualsiasi team di ricercatori umani.

UNA COLLABORAZIONE AFFASCINANTE

Il contatto tra Microsoft e il PNLL è avvenuto l’anno scorso, quando la società di Redmond ha offerto al laboratorio l’uso dei servizi AQE, una piattaforma che ingloba calcolo ad alte prestazioni, IA e anche calcoli quantistici. AQE, infatti, è nata recentemente soprattutto come strumento per aiutare la ricerca nel campo della chimica e della Scienza dei materiali.

IL POTERE DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Il PNLL ha quindi pensato di usare AQE per lo studio di nuovi materiali da usare per la realizzazione di batterie. Su richiesta del laboratorio, Microsoft ha innanzitutto addestrato diversi sistemi di Intelligenza Artificiale per effettuare valutazioni sofisticate di tutti gli elementi utilizzabili e suggerire combinazioni. L’algoritmo ha proposto 32 milioni di candidati, un numero spropositato.

IL PROCESSO DI SELEZIONE

Il passo successivo di AQE è stato quello di individuare tutti i materiali stabili. Un altro strumento IA ha filtrato le molecole candidate in base alla loro reattività e un altro in base al loro potenziale di condurre energia. Si è quindi passati da 32 milioni di materiali candidati a 500.000, quindi a 800, 150 e infine 23, 5 dei quali erano già conosciuti dagli scienziati. L’intero processo ha occupato solo 80 ore di lavoro macchina.

IL NUOVO MATERIALE SCOPERTO

Il nuovo materiale scelto tra i cinque utilizza una combinazione di litio e sodio. Secondo Microsoft, potrebbe ridurre fino al 70% la quantità di sodio utilizzata in una batteria.

TEST E SVILUPPI FUTURI

I ricercatori hanno quindi condotto un test pratico, costruendo con questo nuovo materiale una batteria funzionante per alimentare una lampadina e un orologio. Tuttavia, il materiale ha mostrato una conduttività inferiore a quelle prevista. Lo sviluppo ulteriore della combinazione trovata dall’IA potrebbe portare alla realizzazione di una batteria allo stato solido, generalmente più sicura rispetto alle attuali agli ioni di litio.

LA BATTERIA A STATO SOLIDO

Una batteria a stato solido è un accumulatore che utilizza elettrodi ed elettrolita allo stato solido, invece degli elettroliti liquidi utilizzati nelle batterie tradizionali. Questa Tecnologia è considerata una promessa soprattutto per l’industria dell’auto elettrica, in quanto offre potenzialmente maggiore autonomia, minori tempi di ricarica e maggiore Sicurezza rispetto alle batterie al litio tradizionali.

In conclusione, la scoperta di Microsoft e PNNL apre nuove prospettive nel campo della ricerca di materiali per batterie, consentendo di esplorare nuove soluzioni che potrebbero rivoluzionare l’intero settore dell’accumulo di energia. L’impiego efficace dell’Intelligenza Artificiale in questo contesto rivela il grande potenziale di questa tecnologia nell’avanzamento della scienza e della tecnologia. Siamo solo all’inizio di una nuova era di scoperte e innovazioni guidate dall’IA.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: