HomeMicrosoftMicrosoft Windows Autopatch è ora disponibile

Microsoft Windows Autopatch è ora disponibile

Microsoft afferma che Windows Autopatch, un servizio aziendale che mantiene automaticamente aggiornati i software Windows e Microsoft 365, è generalmente disponibile a partire da oggi.

Windows Autopatch  è stato annunciato per la prima volta ad aprile  quando Microsoft ha dichiarato che sarebbe stato disponibile gratuitamente per i clienti Microsoft con una licenza Windows 10/11 Enterprise E3 o superiore a partire da luglio 2022 (ha raggiunto l’anteprima pubblica all’inizio di giugno ).

Questo nuovo servizio gestisce automaticamente la distribuzione degli aggiornamenti di qualità e funzionalità di Windows 10 e Windows 11, nonché di driver, firmware e app Microsoft 365 per gli aggiornamenti aziendali.

Sui tenant registrati, Windows Autopatch sposta l’orchestrazione degli aggiornamenti dalle organizzazioni a Microsoft, con l’onere di pianificare l’intero processo di aggiornamento (inclusi il rollout e la sequenza) non più sui team IT.

“Siamo lieti di annunciare che questo servizio è ora generalmente disponibile per i clienti con licenze Windows Enterprise E3 ed E5”,  ha affermato  Lior Bela, Sr. Product Marketing Manager di Microsoft.

“Microsoft continuerà a rilasciare aggiornamenti il ​​secondo martedì di ogni mese e ora Autopatch aiuta a semplificare le operazioni di aggiornamento e creare nuove opportunità per i professionisti IT”.

Microsoft fornisce i seguenti passaggi che gli amministratori devono eseguire per registrare i dispositivi in ​​Windows Autopatch (puoi guardare un video con istruzioni più dettagliate  qui ):

  • Trova la voce di Windows Autopatch nel pannello Amministrazione tenant dell’interfaccia di amministrazione di Microsoft Endpoint Manager
  • Seleziona Registrazione tenant
  • Seleziona la casella di controllo per accettare i termini e le condizioni e seleziona “Accetto”
  • Seleziona ‘Iscriviti’

Una volta configurato per un tenant, Windows Autopatch suddividerà automaticamente il parco dispositivi in ​​quattro gruppi di dispositivi noti come anelli di test.

L'”anello di prova” contiene un numero minimo di dispositivi, il “primo anello” circa l’1% di tutti gli endpoint nell’ambiente aziendale, l'”anello veloce” circa il 9% e l'”anello ampio” il resto del 90% dei dispositivi .

Gli aggiornamenti vengono distribuiti progressivamente, a partire dall’anello di prova e passando a set di dispositivi più grandi dopo un periodo di convalida che consente il monitoraggio delle prestazioni dei dispositivi e il confronto delle metriche pre-aggiornamento.

Windows Autopatch ha anche funzionalità di arresto e ripristino integrate che bloccheranno l’applicazione degli aggiornamenti a cicli di test superiori o il rollback automatico per aiutare a risolvere i problemi di aggiornamento.

“Una volta registrati i dispositivi in ​​Autopatch, il servizio fa la maggior parte del lavoro”, ha aggiunto Bela lunedì.

“Ma tramite il pannello Autopatch in Microsoft Endpoint Manager, puoi perfezionare l’appartenenza all’anello, accedere al dashboard dell’integrità del servizio, generare report e presentare richieste di supporto”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial