HomeWhatsAppOfferte di lavoro false di WhatsApp, come identificarle

Offerte di lavoro false di WhatsApp, come identificarle

Dopo due anni di misure restrittive dovute al Coronavirus, questo 2022 è l’anno in cui sembra che si possa riprendere tutto quello che abbiamo fatto prima del 2020. E la voglia di viaggiare, di godersi la vita è massima ora che il caldo è qui. Non è ancora estate, ma gli hotel sono pieni e l’industria del turismo e della ristorazione sta prendendo il via, che porta migliaia di nuovi posti di lavoro stagionali che possono durare da maggio a metà-fine settembre.

Questo rappresenta un sacco di offerte di lavoro. E purtroppo anche molte opportunità per i criminali informatici.

False offerte di lavoro su WhatsApp

Come hanno scoperto gli esperti di Panda Security , ci sono molte offerte di lavoro false in esecuzione su WhatsApp e parlano di come possiamo riconoscerle. Come possiamo vedere nelle immagini, una delle offerte si avvale di un messaggio inviato tramite WhatsApp che si riferisce solo alla durata del lavoro, metà o tempo pieno, e alla retribuzione giornaliera, intorno ai 3.500 euro a settimana , quando “ Gli stipendi sono normalmente offerto su base mensile.

Un trucco dei cybercriminali è proprio questo: utilizzare figure attraenti per indurre la vittima ad aprire il collegamento. Non danno maggiori informazioni sul tipo di posizione, sul luogo o sulla società di noleggio nello stesso momento in cui offrono un link per consultare tutti i dettagli, da cui poi articolano la loro truffa tramite phishing.

Nella seconda immagine, il messaggio è stato inviato tramite SMS, noto come smishing . Il messaggio è molto simile, numero e durata della posizione e mancanza di informazioni sulla classe della stessa, ma c’è una piccola descrizione significativa che dice che ” il lavoro è molto semplice, e può essere svolto in qualsiasi momento e da qualsiasi place” , un’altra trovata di ingegneria sociale senza dubbio. Qui gli hacker usano il telelavoro come un gancio. E fanno anche un passo avanti, dato che non forniscono un link, ma un contatto WhatsApp.

Tramite telefonata

Secondo Panda, può anche succedere che la stessa truffa venga attuata tramite telefonate, una tecnica nota come Vishing. ” Di solito si verifica come passaggio successivo dopo aver fornito al presunto reclutatore alcuni dati personali tramite testo, un’altra persona della presunta stessa azienda ti chiama con il pretesto di verificare i dati, il che conferisce alla trama più coerenza e veridicità, ma è proprio allora che il il furto è commesso” , afferma Hervé Lambert Global Consumer Operations Manager di Panda Security.

L’azienda ha fornito anche una serie di consigli nella pubblicazione per identificare se quell’annuncio che ci arriva tramite WhatsApp, SMS o anche tramite chiamata è legittimo o è più falso di una moneta da 3 euro:

Il reclutatore contatta direttamente il candidato di lavoro

Di solito succede via e-mail, da dove potrebbe anche trattarsi di una truffa. Per prima cosa, controlla se hai fatto domanda per quel lavoro, altrimenti significa che in qualche modo hanno avuto il tuo contatto senza che tu lo abbia dato consapevolmente.

Lo stipendio e l’orario sono troppo belli per essere veri

Sapendo com’è il mercato, è paradossale che ti possano offrire 3.500 euro a settimana, che si traducono in 14.000 euro al mese, per orari flessibili: in questo caso va indagata l’origine dell’offerta. Per fare ciò puoi:

  • Richiedi il riferimento dell’offerta
  • Controlla se sei su una qualsiasi delle piattaforme di domanda di lavoro
  • Indagare la società appaltatrice, il suo sito Web, le informazioni di contatto, l’ubicazione, ecc. Sarebbe opportuno chiamare o contattare l’azienda per verificare l’affissione della posizione.
  • Se anche così, abbiamo ancora dei dubbi, dobbiamo chiedere una lettera di offerta firmata. Essendo un documento abbastanza ufficiale, se si tratta di una truffa, o non lo invieranno, oppure conterrà gravi errori di scrittura.

Notare l’ortografia, la formulazione e la comunicazione del reclutatore

“Se questo è poco o niente professionale, la cosa logica sarebbe diffidare. Questo può essere verificato cercando incongruenze nella grammatica, nella sintassi e nel modo in cui scrive il datore di lavoro “, conferma Lambert.

Fai una ricerca su Google con le parole chiave presenti nel messaggio

Tra i risultati potrebbero esserci riferimenti di altri utenti che avvertono di questa truffa o simili.

Se richiedono informazioni personali, bancarie o richiedono un pagamento all’azienda prima dell’assunzione

Dopo la sottoscrizione del contratto potranno essere forniti i dati fiscali, i documenti bancari e le altre informazioni necessarie.

Verifica la veridicità dei documenti che invia, poiché un download potrebbe infettare i tuoi computer con qualche tipo di malware .

Controlla i documenti che richiedono la tua firma elettronica , possono essere falsi e potrebbero rubare la tua identità digitale, la porta di accesso a molte altre procedure.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial