HomeApplePerché i primi iPod non funzionavano con Windows? Il 'NO' di Steve Jobs

Perché i primi iPod non funzionavano con Windows? Il ‘NO’ di Steve Jobs

Negli anni ’80 era il Walkman a cassetta; negli anni ’90 è stato il Disc-man a CD. E con il nuovo secolo è arrivato un nuovo modo di consumare la musica: uno standard digitale chiamato MP3. Con questa tecnologia, il lettore MP3 è nato per il nuovo pubblico del 21° secolo con una maggiore autonomia e suono digitale. E Apple, che già nel 2000 aveva lanciato iTunes, ha rivoluzionato il settore il 23 ottobre 2001 con il lancio del suo iPod.

Il walkman del 21° secolo

Con l’idea di lanciare il proprio lettore di musica digitale, Apple ha lasciato il segno sull’iPod, che era diverso da qualsiasi altro lettore MP3 sul mercato. In effetti, il suo aspetto ha successivamente influenzato il prossimo iPhone. E subito, quelli di Cupertino fecero evolvere il loro dispositivo in quel primo decennio del 21° secolo, cambiando l’interfaccia fisica con pulsanti disposti in cerchio per una ‘ruota’ tattile e allo stesso tempo premuta che era una novità per l’epoca.

Ma c’era un altro elemento fisico e tecnologico che lo differenziava e allo stesso tempo lo rendeva esclusivo di Apple: il fatto che l’iPod non fosse compatibile con il sistema operativo Windows e quindi con milioni di computer. Ciò gli ha conferito, come si dice, un’enorme esclusività impedendo che venisse adottato in modo massiccio dal grande pubblico.

La ragione? Steve Jobs non voleva che lo fosse.

Un lettore MP3 ma intuitivo

Tony Fadell, noto anche come il padre dell’iPod, questa settimana ha pubblicato il suo nuovo libro, chiamato Build, in cui racconta la storia dei suoi 30 anni di lavoro nelle aziende della Silicon Valley. E in un’intervista con Jon Fortt per il sito CNBC , Fadell ha condiviso maggiori dettagli sulle prime fasi di sviluppo di iPod e iPhone, e anche sulle controverse decisioni di Steve Jobs.

Fadell è stato assunto da Apple nel 2001 per aiutare l’azienda a sviluppare la sua strategia musicale, che ovviamente includeva l’iPod. Come ha menzionato nell’intervista, prima dell’iPod c’erano più lettori MP3 ed erano diventati piuttosto popolari. Tuttavia, nessuno di loro era intuitivo per le persone che “volevano solo riprodurre MP3”.

L’idea all’interno di Apple era di portare l’esperienza del lettore MP3 alle masse. Del resto, nelle parole dell’ingegnere, “a tutti piace la musica, il pubblico è ovunque” . Tuttavia, a differenza dei suoi concorrenti, l’iPod doveva essere facile da usare, con una buona durata della batteria, una rapida sincronizzazione dei dati e il supporto per 1.000 brani, un elemento che veniva utilizzato come uno dei suoi strumenti promozionali.

“Dovrete passare sul mio cadavere”

Secondo Fadell, questo è stato uno dei motivi che ha portato Apple a utilizzare la tecnologia FireWire al posto dell’USB e ad implementare una porta diversa dal solito sul proprio iPod: lo standard USB originale era molto lento, con velocità fino a 12 Mbps, dall’altro invece, FireWire era già in grado di trasferire più di 100 Mbps in quel momento, quindi inserire questa porta e non una più standard aveva senso. Tuttavia, c’era qualcos’altro dietro questa decisione.

Le prime due generazioni di iPod non erano compatibili con i PC Windows . Per trasferire le canzoni su un iPod, l’utente aveva bisogno di un Mac. Ed era così perché il CEO di Apple, Steve Jobs, voleva che fosse così: un dispositivo nuovo, diverso ed esclusivo. Ma ovviamente, la base globale installata di computer Mac era molto più piccola nel 2001 rispetto ai computer Windows, quindi Fadell ha insistito con Jobs fin dal primo giorno dicendo che “dobbiamo assicurarci che funzioni con Windows”.

La risposta dei lavori? “Dovrete passare sul mio cadavere, mai.”

iPod, il ‘game changer’

Jobs credeva che l’iPod avrebbe convinto gli utenti Windows a passare al Mac c. Ma uno sguardo ai dati dell’epoca indica che il numero di utenti che hanno acquistato Mac grazie all’iPod non è mai stato significativo. E, ovviamente, questo ha influito sulle vendite dell’iPod e sulla sua espansione, poiché se non si disponeva di un Mac l’investimento era doppio . E sebbene non fossero la stessa cosa, i lettori MP3 erano un’alternativa più praticabile.

Tuttavia, Steve Jobs era contrario all’idea di rendere il prodotto compatibile con qualsiasi PC. Fu allora che Fadell e il team dell’iPod contattarono il giornalista Walt Mossberg, che era anche un amico di Jobs, per aiutarlo a convincerlo a rendere l’iPod compatibile con Windows. Jobs non voleva sbagliarsi, ma il suo amico Mossberg lo ha aiutato a capire che rendere l’iPod compatibile con computer e PC con sistema operativo Windows sarebbe stato il modo giusto per il successo del dispositivo.

Il risultato di quando hanno convinto Steve Jobs a cambiare idea è stato che l’iPod ha iniziato a passare dall’essere un dispositivo Apple esclusivo a un fenomeno globale, e da lì alla storia della tecnologia e anche della musica.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial