giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeDisney PlusPerché la CGI di She-Hulk sembra peggiore in alcune scene?

Perché la CGI di She-Hulk sembra peggiore in alcune scene?

Mentre la serie She-Hulk è stata apprezzata da molti, nel corso della sua corsa sono state presentate numerose lamentele sulla sua CGI. Un supervisore degli effetti visivi ha discusso di alcuni problemi con l’uso del motion capture da parte dello show.

She-Hulk: Attorney at Law della Marvel ha recentemente concluso la sua serie di nove episodi. I fan hanno assistito al viaggio di sfondamento del quarto muro di Jennifer Walters mentre imparava a sfruttare sia il controllo sulla sua vita lavorativa che la forza sovrumana.

Da un punto di vista tecnico, la serie è stata significativa per la presenza di un personaggio principale generato dal computer , portato in vita attraverso l’uso di mo-cap.

E anche se Jen non è stata in CGI per l’intera serie, non è stato comunque facile. Ci sono stati molti detrattori del lavoro in CGI , chiamando il viso, i vestiti e i movimenti di She-Hulk in alcune scene.

Ora, il supervisore degli effetti visivi Shannon Justison ha offerto una spiegazione del motivo per cui Jennifer Walters ha guardato male in vari punti.

Dettagli dell’artista VFX CGI imprecisa di She-Hulk

She-Hulk CGI

Nel nuovo documentario sulla creazione di Disney+ Assembled: The Making of She-Hulk dei Marvel Studios , il supervisore degli effetti visivi Shannon Justison ha discusso i tipi di mo-cap che sono stati utilizzati nella produzione dello show.

Justison ha notato che è stata posta un’enfasi estrema sull’ottenere il massimo dalla performance della star Tatiana Maslany attraverso l’uso del motion capture:

“Per She-Hulk, eravamo davvero entusiasti che fosse la performance di Tatiana. Il nostro unico obiettivo era quello di non inquadrare il suo viso. È fantastica. Vuoi tutte quelle prestazioni. E così, ovviamente, indossava un completo mo-cap, che le rende le prestazioni fisiche e corporee. E poi, aveva un HMC o quella che chiamiamo una telecamera montata sulla testa. E questo sta registrando tutti i puntini. E poi quei punti vengono quindi convogliati in un sistema che può leggerli e tradurli in movimenti facciali… Quindi, il gold standard per il motion capture in questo momento è quello che chiamiamo cattura ottica. Questo è ciò che probabilmente riconosceresti come avere le piccole, quelle che sembrano palline da ping pong, quindi quelli che chiamiamo pennarelli retroriflettenti, dappertutto in determinati punti del corpo. Richiede anche circa 50 telecamere configurate in un volume. E tutti questi devono essere perfettamente impostati e calibrati.

Tuttavia, come ha spiegato Justison, per alcuni tipi di scene è stato necessario utilizzare un processo mo-cap “inerziale” diverso, un po’ meno raffinato . Questo è probabilmente ciò che ha indotto alcuni spettatori a contestare l’andatura di Jen e alcuni dei suoi vestiti, in particolare gli abiti da lavoro che indossava nei primi episodi.

“E poi ogni scena in cui c’è molta folla, lei è seduta a una scrivania, improvvisamente le sue gambe sono bloccate, non possiamo più vedere il suo bacino; è allora che useremmo una tuta inerziale. Le tute inerziali, si basano su piccoli sensori integrati nella tuta, anch’essi solo su un segnale. Quindi c’è una piccola stazione che abbiamo installato e parla con tutti i sensori. L’unica cosa complicata è che non è preciso come l’acquisizione ottica. Quindi l’inerziale tendeva ad accompagnarci sul posto, per una rapida configurazione e smontaggio, ottico ogni volta che ci trovavamo in un grande set, saremmo stati lì per alcuni giorni. “

Victoria Alonso, presidente dei Marvel Studios per la fisica, la post produzione, gli effetti visivi e l’animazione, ha anche descritto ciò che è servito per assicurarsi che il senso delle dimensioni e della scala di She-Hulk fosse accurato. È stata prestata attenzione per evitare che Jen sembri una “caratteristica:”

“Abbiamo fatto tutto. Abbiamo fatto mo-cap, abbiamo catturato il viso, abbiamo fatto Tatiana che faceva tutte le riprese e una controfigura che faceva le riprese e l’animazione che cercava di tracciare il motion capture. Tatiana ha la sua struttura, ed è abbastanza diversa da quella che è She-Hulk, quindi Tatiana fare questo (allunga le braccia) è una cosa. Quando hai She-Hulk, lo senti (allunga ulteriormente le braccia)! E le persone non parlano in questo modo! Ma è così che si traduce quando tu sei l’altezza che è e la taglia che è. Quindi abbiamo dovuto fare un sacco di cose, forse, addomesticando la traduzione diretta da ciò che Tatiana ha fatto a She-Hulk, in modo che si sentisse all’interno del personaggio e non diventasse una caricatura.

She-Hulk avrà una CGI migliore andando avanti?

Vale la pena notare che il lavoro in CGI di She-Hulk è stato, a volte, eccezionalmente fluido e discreto. Di solito, qualsiasi scena in cui Jen portava i capelli sciolti tendeva ad avere un aspetto migliore.

E poi c’era Bruce/Smart Hulk , che appariva pulito e raffinato come in Avengers: Endgame . Ciò era probabilmente dovuto al fatto che la Marvel aveva già tutte le risorse CGI di qualità cinematografica rimaste dal film del 2019.

Quindi è logico che non appena Jennifer Walters farà il salto sul grande schermo, i suoi effetti visivi riceveranno un aggiornamento dal budget più alto che solo un film può offrire. Queste risorse possono quindi essere riportate sul piccolo schermo se She-Hulk viene rinnovata per la stagione 2.

She-Hulk: Attorney at Law dei Marvel Studios è ora in streaming esclusivamente su Disney+.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial