giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeTutorialPerché le mie e-mail inviate finiscono nello spam?

Perché le mie e-mail inviate finiscono nello spam?

Sfortunatamente, lo spam è inevitabile. Ogni giorno, la maggior parte di noi viene inondata di e-mail indesiderate, che il nostro software di posta cerca di filtrare per mantenere le nostre caselle di posta per lo più piene di messaggi legittimi.

Ma nessun filtro antispam è perfetto e non è insolito che e-mail importanti vengano contrassegnate come spam. In effetti, la tua e-mail potrebbe essere inviata al filtro antispam quando la invii ad amici, familiari o destinatari di lavoro. Perché le tue email finiranno in spam? Ci sono molte potenziali ragioni e modi per impedire che ciò accada.

La riga dell’oggetto contiene un trigger di spam

Ciò è particolarmente importante se invii messaggi e-mail o newsletter a clienti aziendali: i servizi di posta elettronica prestano attenzione alle righe dell’oggetto e alcune parole possono contrassegnare la tua e-mail come spam. Iniziare la riga dell’oggetto con “RE:” o “FW:” potrebbe sembrare un richiamo all’attenzione, ma non farlo mai se il messaggio non è una vera risposta o inoltra. Evita anche affermazioni sensazionali, argomenti completamente estranei al contenuto dell’e-mail e segni di punteggiatura e simboli gratuiti. È particolarmente probabile che più segni del dollaro e punti esclamativi eccessivi attirino l’attenzione dei filtri antispam.

Il corpo del messaggio ha parole considerate spam

Anche se la riga dell’oggetto è pulita, puoi comunque cadere preda dei filtri antispam nel corpo del testo dell’e-mail. Lo stesso tipo di avvertenze che si applicano alla riga dell’oggetto sono appropriate anche qui, ma dovresti anche evitare di scrivere le parole in maiuscolo, inclusa la punteggiatura errata o eccessiva, e di enfatizzare frasi come “gratuito”, “senza costi” e “facile i soldi.”

Le tue informazioni “Da” non sono corrette

Una bandiera rossa per i filtri antispam: se le informazioni “Da” nel messaggio sono errate. Gli spammer spesso mettono intenzionalmente informazioni fuorvianti nel campo Da per ingannare il destinatario. Probabilmente non è il tuo intento, ma può succedere, ad esempio, se utilizzi moduli automatici sul tuo sito Web in grado di generare risposte e-mail. Assicurati che questi strumenti utilizzino l’indirizzo e-mail dell’amministratore del tuo sito Web e non utilizzare mai semplicemente l’e-mail “A” del destinatario come indirizzo “Da”.

Hai incluso allegati

Sorprendentemente, uno dei motivi più comuni per cui l’e-mail finisce in una cartella di spam è se contiene allegati, e più allegati, maggiore è la probabilità che venga contrassegnata come spam. Le e-mail fraudolente spesso vengono fornite con allegati perché è facile usarle per inviare malware, quindi i filtri antispam sono particolarmente attenti agli allegati di mittenti che non sono nella rubrica del destinatario. L’invio di collegamenti a servizi di archiviazione cloud come Dropbox è una strategia più intelligente, ma se devi inviare un allegato a un nuovo contatto, è una buona idea avvisarlo che sta arrivando in un messaggio separato.

Non hai impostato l’autenticazione e-mail

Se invii molte email per una piccola impresa o pubblichi una newsletter via email, dovresti assicurarti che le tue email siano autenticate. Questo è in genere qualcosa che puoi implementare con il tuo provider di dominio, anche se alcuni servizi di hosting di dominio renderanno disponibili istruzioni sul sito Web in modo che tu possa farlo da solo. Google consiglia di pubblicare un record SPF per il tuo dominio e di pubblicare un record DMARC per il tuo dominio. Entrambi questi protocolli impediscono agli spammer di falsificarti, inviando messaggi che sembrano provenire dal tuo dominio. Dovresti anche attivare qualcosa chiamato firma DKIM, che consente ai tuoi destinatari di verificare che il tuo dominio abbia effettivamente inviato il messaggio.

Assicurati che il tuo dominio non sia contrassegnato come non sicuro

Se il tuo dominio è stato designato come non sicuro, è molto più probabile che la tua email venga contrassegnata come spam, il che renderà il tuo lavoro sostanzialmente più difficile. Per fortuna, c’è un modo semplice per controllare regolarmente il tuo dominio: apri il sito Web Stato del sito di Navigazione sicura di Google e cerca il tuo dominio. Riceverai un rapporto immediato che avvisa se sono stati trovati contenuti “non sicuri”. Se il tuo dominio è stato contrassegnato come non sicuro, dovresti pulirlo e quindi richiedere una revisione utilizzando gli Strumenti per i Webmaster di Google.

I destinatari hanno contrassegnato la tua email come spam

Naturalmente, è anche possibile che le tue e-mail vengano inviate come spam perché il destinatario le ha contrassegnate in questo modo. Se si tratta di una corrispondenza uno a uno, potrebbe trattarsi di un malinteso e puoi contattare il destinatario in un altro modo per correggere il problema. Più problematico è se si tratta di un invio di massa, come una newsletter via e-mail. Se un numero significativo di destinatari contrassegna il tuo messaggio come spam, ciò può influenzare i filtri antispam e inviare la tua e-mail direttamente allo spam per altri.

Ecco perché è importante seguire le migliori pratiche e-mail per prevenire il filtraggio manuale dello spam: fornire una facile opzione di rinuncia o annullamento dell’iscrizione, non scrivere spam o righe dell’oggetto fuorvianti, inviare e-mail aziendali solo con l’autorizzazione del destinatario e inviare qualsiasi testo -solo messaggi o assicurati di seguire le migliori pratiche HTML.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial