mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeCriptovaluteBitcoinPeter Thiel pensa di aver incontrato Satoshi Nakamoto, il misterioso creatore di...

Peter Thiel pensa di aver incontrato Satoshi Nakamoto, il misterioso creatore di bitcoin

Mercoledì l’imprenditore miliardario Peter Thiel ha rivelato che potrebbe sapere dove cercare il misterioso fondatore di bitcoin, Satoshi Nakamoto, la cui idea è ora germogliata in una classe di attività da 1 trilione di dollari.

La sua teoria nasce dall’incontro con i fondatori di E-Gold, una valuta digitale privata fondata nel 1996 che ora è obsoleta dopo essere stata incriminata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nell’aprile 2007.

Thiel ha detto a un pubblico di una conferenza di Miami che li ha incontrati su una spiaggia nell’isola caraibica di Anguilla nel febbraio 2000, secondo Bloomberg . È stato allora che hanno discusso di rendere PayPal interoperabile con E-Gold per “far saltare in aria tutte le banche centrali”.

“La mia sorta di teoria sull’identità di Satoshi era che Satoshi fosse su quella spiaggia ad Anguilla”, ha detto, come riportato da Bloomberg .

In effetti, Thiel – il co-fondatore di PayPal, Palantir Technologies e Founders Fund – ha affermato che Nakamoto potrebbe essere stata una delle circa 200 persone sulla spiaggia in quel momento.

L’autodefinito libertario ha anche affermato che Nakamoto potrebbe aver imparato dagli errori di E-Gold, dato il modo in cui ha illustrato i casi d’uso di bitcoin nel suo white paper intitolato “Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System”.

Nakamoto – che potrebbe essere una persona o un gruppo di persone – ha pubblicato il documento, che delineava i principi di un sistema di pagamento digitale peer-to-peer decentralizzato e protetto crittograficamente, intorno ad Halloween nel 2008 e non si è mai più sentito parlare.

“Bitcoin era la risposta a E-Gold e Satoshi ha imparato che dovevi essere anonimo e non dovevi avere una compagnia”, ha detto Thiel. “Anche una società, anche una forma aziendale, era troppo legata al governo”.

Il miliardario ha chiarito che non si è impegnato molto per scoprire la vera identità del fondatore di bitcoin, contrariamente ad alcuni nello spazio delle criptovalute. La segretezza dell’identità del fondatore è stata a lungo fonte di speculazioni per la comunità con diverse identità errate nel corso degli anni che hanno in qualche modo sconvolto la vita dei privati.

Tuttavia, non tutti sono favorevoli al fatto che Nakamoto si faccia avanti. Coinbase , il più grande exchange di criptovalute negli Stati Uniti, nel suo prospetto, ha citato lo smascheramento di Nakamoto come un potenziale rischio per la piattaforma di trading, affermando che potrebbe portare al deterioramento dei prezzi dei bitcoin.

La società ha anche affermato che potrebbe subire un impatto negativo se Nakamoto trasferisse i suoi bitcoin, di cui si dice che abbia oltre 1 milione . Il valore di quelle monete, al momento della pubblicazione, è di circa $ 65 miliardi.

Thiel, a quanto pare, preferisce anche non conoscere il fondatore del più grande asset digitale del mondo.

“Se sapessimo chi era, il governo lo arresterebbe”, ha detto Thiel.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial