Quanti BTC otterresti

Bitcoin è ancora la criptovaluta più preziosa al mondo. Quando la criptovaluta è uscita per la prima volta, però, solo un piccolo numero di persone ne era a conoscenza. Ciò ha permesso a questi primi utenti di accumulare molti BTC. Dando loro un vantaggio sugli investitori che arrivarono anni dopo. Ancora oggi, a distanza di oltre un decennio, la percentuale della popolazione mondiale che conosce bitcoin è ancora minuscola rispetto alla popolazione totale.

Eppure, oltre 18 milioni dei 21 milioni di bitcoin creati sono stati estratti e di proprietà di vari investitori. Lasciando solo poco più di 2,2 milioni di bitcoin rimasti al resto del mondo da recuperare. Poiché i dati mettono il numero di persone che conoscono bitcoin a meno del 10%, ciò significa che 7 miliardi di persone devono ancora scoprire bitcoin.

LEGGI  Analisi dei prezzi delle monete Polkadot, Sushiswap, Enjin: 04 settembre

Con le previsioni di mining bitcoin, l’ultimo bitcoin non verrà estratto per altri 100 anni circa. Dal momento che la maggior parte dei BTC in circolazione è già di proprietà, mette circa 7 miliardi di persone in una posizione di svantaggio quando si tratta di possedere l’asset digitale. Ma cosa accadrebbe se ci fosse un’equa distribuzione per ogni singola persona sul pianeta? Quanti BTC otterrebbe un individuo da questo?

Distribuire Bitcoin equamente alle persone

Ci sono solo 21 milioni di bitcoin destinati ad entrare in circolazione. Prendendo l’attuale popolazione mondiale di 7,8 miliardi, questo porterebbe il numero a 0,0027 bitcoin che vanno a ogni persona. Questo non tiene conto della quantità di BTC che è già stata persa a causa di chiavi/password dimenticate o addirittura dei proprietari delle monete che muoiono. Già, si stima che il 20% dell’offerta di bitcoin sia già persa per sempre. Quindi, tenere conto di questo trascinerebbe il numero più in basso.

LEGGI  Due fratelli sono scomparsi con 3,6 miliardi di dollari di bitcoin: è il più grande furto di criptovalute della storia

Le criptovalute sono spesso presentate dai massimalisti come un modo per risolvere la disuguaglianza. Eppure la disuguaglianza esiste ancora nel mondo delle criptovalute. Non è solo una questione di opportunità, ma anche di persone in grado di sfruttare tale opportunità.

I dati mettono il numero di persone nel mondo con accesso a Internet a 4,66 miliardi . Ciò significa che solo il 59,5% circa del mondo può accedere a Internet, che è necessario per poter acquistare e possedere bitcoin.

Un altro dato interessante è il numero di persone nel mondo che hanno accesso a uno smartphone Attualmente, meno della metà del mondo ha accesso a uno smartphone . Quindi, per circa metà del mondo, anche solo sentire parlare di bitcoin non è sufficiente. Avere accesso a dispositivi per acquistare e detenere le proprie monete è un problema.

LEGGI  Monero emerge come la criptovaluta preferita dai criminali informatici