domenica, Aprile 21, 2024

Questa nuova funzione dell’iPhone è costata a Zuckerberg 8,5 miliardi di euro di entrate

Dall’aprile di quest’anno, Apple ha lanciato una nuova politica sulla privacy che cerca di proteggere gli utenti dei suoi sistemi, dispositivi e prodotti hardware e software. Questa nuova politica cerca di proteggere ciò che oggi muove più soldi sulla rete: i dati personali di un utente. E lo ha fatto con una finestra pop up e un semplice pulsante ‘sì/no’, ma un pulsante che è costato ad aziende come Facebook non meno di 10 miliardi di dollari in questi mesi che è stato attivo, circa 8.500 milioni di euro.

Il pulsante da 10 miliardi

Introdotto ad aprile, il messaggio viene visualizzato quando si apre una nuova app iOS e l’iPhone chiede se si desidera consentire o impedire all’app di monitorare la propria attività. Se l’utente sceglie di non farlo, a Facebook è vietato monitorare quell’applicazione e la traccia che l’utente lascia per il suo utilizzo. E così con tutte quelle che apri, indipendentemente dall’azienda che sono.

Facebook ha ovviamente criticato questa misura, sostenendo che “fa male alle piccole imprese” . La mossa è stata effettuata come parte di un cambiamento nella politica sulla privacy di Apple , che mira a impedire agli sviluppatori di applicazioni di rubare i tuoi dati per servirti pubblicità. Secondo il Financial Times, Snapchat, Facebook, Twitter e YouTube sono stati interessati dai cambiamenti di Apple nelle loro pratiche sulla privacy.

Il quotidiano ha riferito questa settimana che le aziende hanno perso quasi 10 miliardi di dollari – esattamente 9,85 miliardi di dollari, circa 8,5 miliardi di euro – di entrate a seguito dell’introduzione della politica di trasparenza del monitoraggio delle applicazioni (ATT). Questo perché si affidano al monitoraggio delle app per indirizzare i loro annunci redditizi. E perdere questa funzione di tracciamento ha avuto un impatto sulle tue entrate e quindi sui tuoi profitti.

Questo è l’annuncio che gli utenti di iPhone vedono dall’aprile 2021. Premere no – la prima opzione – è costato al conglomerato Facebook 8,5 miliardi.

Per Facebook è stato un brutto colpo

A quanto pare, di tutte le reti e i servizi, Facebook è quello che ha perso più soldi ” in termini assoluti ” rispetto ad altre piattaforme social a causa delle sue enormi dimensioni. Il proprietario di Snapchat Snap “è andato peggio come percentuale della sua attività” perché la sua pubblicità è in gran parte legata ai telefoni cellulari e pochi utenti accedono alla sua piattaforma desktop.

“Alcune delle piattaforme che sono state colpite più duramente, ma soprattutto Facebook, devono ricostruire i loro macchinari da zero a causa del TCA ” , ha detto al Financial Times il consulente adtech Eric Seufert . “La mia opinione è che ci vuole almeno un anno per costruire una nuova infrastruttura. Devi sviluppare nuovi strumenti e framework da zero e testarli ampiamente prima di distribuirli a un gran numero di utenti. “

E chi ha beneficiato di questa misura a parte gli utenti iOS? Ebbene, Apple, che ha visto salire alle stelle la sua pubblicità, ha realizzato un fatturato record: 18,3 miliardi di dollari. Secondo Tim Cook, il CEO di Apple, questo cambiamento non è dovuto ad alcun movimento per generare più reddito, ma per proteggere i propri utenti: “ Crediamo fermamente che la privacy sia un diritto umano fondamentale. E questa è la nostra motivazione. Non c’è altro “.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: