mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeScienzaQuesto reperto greco di 2000 anni è il computer analogico più antico...

Questo reperto greco di 2000 anni è il computer analogico più antico del mondo

Né micro né soft: questo intricato dispositivo naufragato portato alla luce dai subacquei nel 1901 è stato utilizzato dagli antichi greci per tracciare gli allineamenti dei pianeti e prevedere eventi astronomici circa 2000 anni fa. Grazie al suo design sofisticato, l’apparecchiatura portatile è spesso considerata come ” il computer più antico del mondo “.

Si chiama meccanismo greco di Antikythera, dal nome della sua scoperta al largo dell’isola di Antikythera in Grecia. Per azionarlo, l’utente avvolgerebbe le sue mani ingioiellate con una maniglia sul lato, osserva lo Smithsonian Magazine .

È stato anche suggerito che lo strumento potesse essere stato utilizzato per seguire il ciclo quadriennale di giochi atletici simili alle antiche Olimpiadi.

Immagine via Tilemahos Efthimiadis / Flickr (CC BY 2.0)

Trovato alloggiato in una scatola di legno, ciò che resta del meccanismo sono 82 frammenti sconnessi. Poiché mancano parti di esso, gli scienziati sono ancora contrariati su come funziona la tecnologia.

Tuttavia, un team di ricercatori dell’University College di Londra pensa di avere un’idea. In uno studio pubblicato quest’anno, hanno descritto di aver progettato un modello teorico per spiegare il meccanismo nella parte anteriore. Presumibilmente radicato nelle ideologie dell’astronomia babilonese, della matematica di Platone e dell’astronomia greca, lo strumento era un “puzzle 3D complesso”, come lo chiamavano.

Si dice che il meccanismo sia stato costruito con 30 ingranaggi in bronzo ad incastro, che, una volta caricati, informavano l’utente sui “movimenti del Sole, della Luna e di tutti e cinque i pianeti”, secondo il documento. Poiché i greci credevano che la Terra fosse il centro dell’universo, il computer meccanico è stato costruito per rappresentarlo.

“Il nostro è il primo modello conforme a tutte le prove fisiche e corrisponde alle descrizioni nelle iscrizioni scientifiche incise sul meccanismo stesso”, ha descritto l’ autore principale Tony Freeth nel comunicato stampa. “Il Sole, la Luna e i pianeti sono mostrati in un impressionante tour de force dell’antica brillantezza greca.”

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial