lunedì, Novembre 28, 2022
HomeVideogiochiRecensione di Bayonetta 3 per Nintendo Switch

Recensione di Bayonetta 3 per Nintendo Switch

Qual è la più grande serie di giochi d’azione pura di tutti i tempi? È Ninja Gaiden ? Max Payne ? Devil May Cry o qualcos’altro? Qualunque siano le tue preferenze personali a questo proposito, una certezza è che ci sono solo una manciata di franchise che sono davvero riusciti a metterlo fuori gioco per quanto riguarda il servizio di una parata quasi perfetta di colpi assoluti. Con Bayonetta 3 , la serie di PlatinumGames prende il suo posto molto in alto in questo elenco più esclusivo, poiché questa ultima uscita per la loro inarrestabile Umbra Witch crea una trilogia hack-and-slash praticamente intoccabile.

È stata un’attesa molto lunga, otto anni interi in totale, dall’ultima volta che siamo entrati nei panni della cacciatrice di angeli preferita da tutti, ma finalmente è tornata più veloce, migliore e più forte che mai. Non osavamo credere che Bayonetta 3 potesse essere all’altezza degli sbalorditivi livelli dei suoi superlativi predecessori, ma già nella prima ora circa di questa terza porzione di caos assoluto, sapevamo che ci aspettava qualcosa di veramente speciale.

Quello che PlatinumGames ha offerto qui è un trequel che riprende il delizioso combattimento di base dei primi due giochi di Bayonetta, quel capolavoro finemente bilanciato di combo ponderate e schivate accuratamente programmate, e aggiunge un sacco di nuove meccaniche che elevano il tutto a un livello nuovo livello senza il minimo effetto negativo su ciò che rende questa serie così fantastica in primo luogo. Avevamo la nostra preoccupazione che gli Infernal Demons di Bayonetta 3, quelle grandi e vistose mostruosità che ora puoi evocare per combattere al tuo fianco, potessero spostare l’equilibrio lontano dalle combo fantasticamente strette e dalla magia Witch Time che ha reso questi giochi una gioia così infinita in cui tornare ripetutamente nel corso degli anni, ma in realtà avremo la nostra torta e la mangeremo qui perché questo è il miglior combattimento di questa serie che sia mai stato.

I calci laterali che scuotono lo schermo che ora puoi chiamare per assisterti in battaglia sono così fantastici, un’aggiunta così perfettamente realizzata alla follia, che onestamente non possiamo immaginare un gioco Bayo senza che vadano avanti. Evocare un grande rettile in stile Godzilla, una sexy dama farfalla demone, un enorme ragno infernale, una rana velenosa che vomita pioggia o caricare un treno da guerra cremisi per tagliare i tuoi nemici con il semplice tocco di un pulsante richiede un momento o due per abituarsi, questo è certo, ma una volta presa la mano non ti guarderai più indietro.

Ogni demone infernale nel gioco ha la propria serie di mosse con cui fare i conti, tutti infondono a Bayonetta nuove armi e metodi di attraversamento da aggiungere alla sua già generosa gamma di trucchi e abilità, e sono stati stratificati in il combattimento in modo tale da non poterli semplicemente spammare, volenti o nolenti, devi considerare quando schierarli – durante Witch Time è sempre un buon grido – per timore che i tuoi nemici li facciano a brandelli e tu perdi temporaneamente la capacità di convocarli in un punto stretto.

Recensione Bayonetta 3 - Screenshot 2 di 6

Le più grandi novità di Bayonetta 3 aggiungono una nuova e deliziosa ruga al combattimento di base che era già roba deliziosamente profonda, e si adattano perfettamente anche allo stato d’animo generale di questa terza avventura. Tutto in questo gioco è estremo, come speri. È roba senza esclusione di colpi; folle, camp, caos OTT che svolazza da una massiccia battaglia all’altra, lanciando nuove meccaniche nel mix qui, là e ovunque per sequenze uniche e senza mai riposarsi sugli allori mentre ti fa esplodere in tutto il mondo e attraverso un multiverso di enormi nemici, personaggi che ritornano e sorprese in abbondanza.

Hai quindi più protagonisti giocabili da aggiungere a questo mix delirante. Ancora una volta, all’inizio non eravamo sicuri di questo. Vogliamo davvero rinunciare al controllo della sublime Bayonetta per passare del tempo nei panni di Jeanne o Viola? A quanto pare, assolutamente lo facciamo. Viola gioca un ruolo significativo nella trama qui, una trama di cui non vi rovineremo assolutamente nulla in questa recensione, ed è una proposta sorprendentemente diversa per Bayo, un combattente duro che non è così veloce in piedi, lei compensa la sua mancanza di grazia con alcune feroci combo di attacchi con la spada che la vedono assolutamente cacciare alle balene sui nemici, la sua mancanza di disciplina ed esperienza che mostra come la perde completamente durante raffiche prolungate.

Recensione Bayonetta 3 - Screenshot 3 di 6

La più grande differenza nel prendere il controllo di Viola, però, è che la sua versione di Witch Time si attiva non schivando, ma bloccando con la sua spada. Sembra un piccolo cambiamento, ma quelle snelle schivate di Bayo sono radicate nel nostro cervello in questa fase e quindi ci vuole un po’ di tempo per ricordare, potresti ritrovarti maltrattato mentre fai fatica a farcela – e questi primi momenti sono quando metterai in dubbio la saggezza di avere Viola che prenda il controllo per interi capitoli, ma seguilo e tutto scatta a posto.

Jeanne ottiene anche la sua serie di missioni secondarie, fasi che trasformano l’azione in una prospettiva a scorrimento laterale per segmenti incentrati sulla furtività dello spionaggio in stile Mission Impossible . Ancora una volta, non eravamo sicuri di quando fosse iniziata la prima di queste sortite secondarie, ma il puro stile e la fiducia nel modo in cui sono stati aggiunti al mix vende tutto e il filone narrativo qui si inserisce bene nella campagna principale come il gioco raggiunge il suo climax assolutamente fuori dal comune.

Ci sono anche piccole modifiche all’azione qui, con un cambio più snello delle armi che è uno dei cambiamenti più graditi. Non c’è più bisogno di considerare ciascuno degli arti di Bayo individualmente, puoi semplicemente posizionare le tue armi preferite come set nel menu di pausa e poi spegnerle al volo mentre ti fai strada attraverso le battaglie, mescolando le tue armi e le tue opzioni di attraversamento come necessario a seconda delle sfide che stai attualmente affrontando. Ci sono così tante parti mobili; i molteplici protagonisti, i demoni infernali, le armi, i metodi di attraversamento… assolutamente un sacco di cose per farti girare la testa, ed è davvero incredibile che tutto combaci meravigliosamente come fa.

Recensione Bayonetta 3 - Screenshot 4 di 6

Anche il level design ha subito una notevole scossa questa volta, con spazi molto più grandi e aperti su cui indagare. Sarai rinchiuso nelle arene mentre le sequenze di combattimento iniziano, ma il resto del tempo hai un sacco di proprietà immobiliari su cui indagare a tuo piacimento usando i tuoi vari nuovi metodi e abilità di attraversamento per trovare i numerosi oggetti da collezione, sfide di combattimento, segreti e battaglie nascoste che il gioco ha in serbo per te. C’è anche un sacco di varietà qui. Questo è un gioco che ti fa esplodere in tutto il mondo e attraverso molteplici versioni della realtà e, senza rovinare nessuna sorpresa, quasi ogni capitolo ha qualche nuovo pazzo espediente o un aspetto unico gettato nel mix per tenerti all’erta.

Naturalmente, una delle principali attrattive della serie Bayonetta è la profondità che il combattimento offre a quelli di noi che desiderano scavare davvero in profondità, rigiocare i livelli, perfezionare le sequenze e guadagnare trofei di platino per ogni singola battaglia e capitolo del gioco . Bayonetta 3 non lo perde di vista in mezzo al caos. Ci sono tonnellate di premi da guadagnare qui, dalle medaglie di platino alle sfide specifiche per i capitoli. Ogni Demone Infernale – ogni personaggio giocabile – ha il proprio albero delle abilità pieno di mosse sbloccabili, c’è un’arena pratica in cui saltare e innumerevoli combo da capogiro per farti girare la testa. Anche verso la fine del gioco hai ancora nuovi demoni, armi e opzioni di attraversamento lanciate contro di te, fino all’ultimo incontro in effetti, il che parla di un’esperienza che ” è progettato da zero per essere ripetuto incessantemente. La tua prima corsa a Bayonetta 3 è onestamente solo una preparazione per le vere sfide che ti aspettano quando torni per aumentare il calore.

Recensione Bayonetta 3 - Screenshot 5 di 6

Con modalità di difficoltà più difficili (e un sacco di altre cose che non possiamo menzionare) da sbloccare e classifiche online per ogni singolo capitolo, questo è un gioco su cui premeremo e sproneremo per un po’ di tempo a venire. È anche un vero spasso per i fan dell’azione più casual che vogliono solo tuffarsi nello spettacolo. C’è una modalità casual che rende adeguatamente accessibili anche i combattimenti più grandi e puoi persino disattivare la semi-nudità se non è nemmeno la tua tazza di tè. Naturalmente, puoi saltare anche alle Porte dell’Inferno, dove Rodin ospita una raffinata selezione di oggetti da modificare, rafforzare e semplificare per adattarli al tuo livello di gioco. Vuoi rendere più facili le grandi combo da realizzare? C’è un accessorio per quello. Hai voglia di rendere le cose ancora più difficili per te stesso? Rodin ti copre le spalle.

È altrettanto impressionante, inoltre, che tutto questo caos, tutti i combattimenti ai lati dei grattacieli, sequenze di inseguimenti esplosivi, mostruose battaglie Kaiju, tsunami, navi da crociera fuori controllo e molto altro ancora, sia atterrato su Switch in un pacchetto sorprendentemente solido in termini di prestazioni. Sì, la fotocamera può perdersi un po’in rare occasioni in cui feroci battaglie si svolgono in spazi ristretti, e sì, c’è un notevole ridimensionamento della risoluzione nel palmare quando le cose diventano ultra pazze, ma è tutto perfettamente accettabile e comprensibile per mantenere quel framerate sufficientemente fluido da far fluire l’azione. Questo è davvero un gioco dall’aspetto fantastico anche per Switch, facilmente una delle esperienze più appariscenti sulla console ibrida di Nintendo, e ci siamo divertiti con esso equamente diviso tra la nostra TV e il palmare.

Recensione Bayonetta 3 - Screenshot 6 di 6

Supponiamo che dovremmo menzionare anche la recitazione vocale a questo punto. È stato sicuramente motivo di molte discussioni durante la preparazione all’uscita del gioco e, qualunque sia la storia completa per quanto riguarda l’uscita di Hellena Taylor dal doppiare il ruolo principale, puoi stare certo che Jennifer Hale fa un top- notch job con una performance che è immediatamente riconoscibile come Bayonetta, che suona tutte le note giuste mentre porta abbastanza nuovi elementi alla festa da sembrare un personaggio rinfrescato e rinnovato. Anche il resto dell’equipaggio fa un ottimo lavoro, dovremmo aggiungere, ed Enzo, Rodin, Luka e altri tornano tutti in ottima forma per una festa come si deve qui.

Nel complesso, quindi, l’attesa di otto anni è valsa la pena. Bayonetta 3 è il miglior gioco della serie. Sì, l’abbiamo appena detto. Questa è la terza voce in uno dei più grandi franchise d’azione di tutti i tempi che migliora il combattimento di base già di prim’ordine, porta la progettazione dei livelli della serie e gli aspetti di esplorazione a nuovi livelli e ci offre una storia incredibile in cui scavare che è completata con uno dei migliori… uno dei finali assolutamente più folli e sciocchi di un gioco che abbiamo mai visto. È una pura celebrazione di tutto ciò che riguarda Bayonetta che chiunque abbia anche il minimo interesse per questo genere deve provare il prima possibile. Non capita spesso di emozionarci al culmine di un gioco d’azione a tutto campo, ma questo porta tutte le sensazioni con una grande dose di deliziosa nostalgia per mandarci a ballare sulla nostra strada allegra.

Conclusione

Bayonetta 3 aumenta il caos, migliora il combattimento, perfeziona il design dei livelli e aggiunge un sacco di nuove meccaniche al mix, rendendola la migliore voce di questa serie leggendaria fino ad oggi. PlatinumGames ha assolutamente inchiodato questa volta, stratificando attentamente più modi per ingaggiare i nemici, accumulando sequenze di gioco OTT e dandoci più protagonisti senza sconvolgere l’equilibrio di ciò che rende questi giochi tra i migliori esempi del loro genere. Con ottime prestazioni in modalità docked e portatile, immagini impressionanti, azione non-stop e una campagna estremamente rigiocabile che è una gioia dall’inizio alla fine, questa è davvero una grande celebrazione di tutto ciò che amiamo di Bayonetta, un gioco d’azione all-time e uno degli highlights di gioco del 2022 finora, su Switch o qualsiasi altra piattaforma.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial