mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeVideogiochiGod of War: RagnarokRecensione di God of War Ragnarok

Recensione di God of War Ragnarok

Di solito inizio alcune recensioni di sequel AAA diventando poetiche su come “non c’è molto da dire che non sia già stato detto” su un originale. Ma nel caso di God of War del 2018  , c’è davvero!

È affascinante che il team abbia mantenuto la continuità originale, ma abbia cambiato drasticamente la formula e abbia lasciato che Kratos crescesse come personaggio e come padre. L’attenzione mirata sulla relazione tra Kratos e Atreus ha contribuito a rendere l’iterazione del 2018 intima e riconoscibile. Il sequel,  God of War Ragnarok , si basa principalmente su questa premessa, ma cerca anche di destreggiarsi tra un sacco di membri del cast extra mentre si intreccia in più storie.

Recensione: God of War Ragnarok 1

God of War Ragnarok (PS4, PS5 [recensione])
Sviluppatore: Santa Monica Studio
Editore: Sony
Rilascio: 9 novembre 2022
Prezzo consigliato: $ 69,99 (PS5) / $ 59,99 (PS4)

Per me,  God of War mi ha davvero preso di mira. Voglio dire, lo sapevamo! Sony ha suonato le sue trombe di marketing dalla cima della montagna per questo gioco. Ma giocando in isolamento come un grande fan  classico  di God of War (in particolare God of War 2 ), sono rimasto scioccato nel vedere la direzione che la squadra aveva preso con esso: fare di Kratos un marito e un padre, alle prese con il suo passato violento. Sono stato investito nell’universo fin dall’inizio, e c’è una buona volontà più che sufficiente per invogliarmi a provare un sequel.

Ragnarok continua le avventure di Kratos e Atreus (che è giocabile a punti, completo di mini-loadout e alberi delle abilità), che si stanno preparando per l’evento che potrebbe potenzialmente finire il mondo, subito dopo la conclusione di  God of War 2018. Anche anche se ti mancheranno alcune risonanze emotive e alcune sfumature di relazione/dialogo, c’è un riepilogo di God of War che puoi guardare dall’inizio.

Iniziando con una spedizione di hutting di basso profilo, Ragnarok non perde molto tempo. Se potessi descrivere il ritmo della storia nel suo insieme, sarebbero momenti di urgenza uniti a periodi di calma. C’è un sacco di camminare, parlare ed esporre, il che è un po’ richiesto data la portata più ampia e la posta in gioco sensibile all’universo. Stai ancora viaggiando tra i regni questa volta e diventa rapidamente un road movie.

Kratos è già un po’ più paterno, ma ha ancora freddo con spazio per crescere. Atreus è più vecchio e più capace, ma ancora compassionevole e in qualche modo un diretto opposto di suo padre, pur essendo ancora un chip del vecchio blocco. Anche Mimir (il compagno di testa parlante che hai salvato nel primo gioco) è nel mix, ed è divertente e chiacchierone come sempre. Alcuni dei pezzi più intriganti di Ragnarok si trovano negli archi che trattano di Kratos e Atreus: insieme o separatamente. C’è un po’ di retroscena che il team ha tenuto dall’edizione 2018 si è unito, in mezzo a tutte le novità che stanno accadendo.

Il combattimento, un grande motivo per cui le persone gravitano verso questo franchise in primo luogo, è per lo più lo stesso: il che funziona per me. C’è un sistema di schivata, parata e blocco sul lato difensivo, che può essere potenziato attraverso vari mezzi come gli alberi delle abilità, per creare sequenze temporali ancora più coinvolgenti. Utilizzerai principalmente la tua ascia [Leviathan] e le lame [del Chaos], con una terza arma principale che non rovinerò qui.

Uno dei grandi miglioramenti per i primi due tipi di armi, in particolare, è la sinergia di ghiaccio e fuoco. L’ascia ghiacciata e le lame infuocate possono essere caricate con il pulsante Triangolo, per infondere poteri elementali in esse e aprire più attacchi. Come molti altri giochi d’azione precedenti (incluso  anche DmC ), puoi scheggiare scudi del tipo opposto su alcuni tipi di nemici.

All’inizio, ero preoccupato che la squadra avrebbe esagerato con questo sistema e avrebbe basato l’intero gioco sull’approccio “opposto”. Per fortuna non è così e non hai nemmeno bisogno di usare tutti gli strumenti nel tuo toolkit per avere successo. Ci sono così tante opzioni per affrontare un determinato combattimento e puoi tech in determinati stili di gioco con albero delle abilità e cambi di equipaggiamento.

Recensione: God of War Ragnarok 2

Il combattimento è ancora davvero incisivo e spesso può sembrare una danza. Non mi sono mai stancato di lanciare un’ascia contro un nemico per congelarlo, poi girarmi per picchiarne un altro, quindi richiamare l’ascia per finirlo. Sebbene molte cose siano cambiate in questa serie, il combattimento è ancora brutale; con alcuni feroci abbattimenti (attivati ​​da R3 dopo che un nemico è quasi morto) a pieno schermo. Anche se non ho intenzione di rovinare nessun combattimento con i boss, alcuni eletti sono cementati tra i miei preferiti nella serie (incluso un richiamo all’archetipo di Narcis Prince).

Come nel primo gioco, le missioni secondarie sono spesso direttamente legate alla storia e al cast, di solito dopo che ti sei ambientato in una nuova zona: senza esagerare e aggiungere un sacco di fastidiosi pin a ogni sandbox disconnesso. La missione principale è di circa 20 ore (un po’ di più con l’esplorazione) e tutte le missioni secondarie, il sistema di livellamento/ingranaggio e alcuni extra dopo il completamento raddoppieranno potenzialmente quel numero.

Meccanicamente, è anche facile modificare le cose a proprio piacimento, per assistere in quel lungo viaggio. Ci sono tonnellate di impostazioni predefinite di accessibilità, tra cui visione, udito, movimento e attivazione/disattivazione motoria: oltre a cinque difficoltà (l’ultima delle quali (Give Me God of War) non può essere riselezionata se si scende a discesa. Ci sono opzioni per una varietà di esperienze, ed è uno dei giochi più accessibili mai realizzati.

Ovviamente, un soft reset è una sorta di sventolio con la mano attraverso menzioni fugaci di cose come l’inverno estremo che ha “usurato” alcuni dei poteri di Kratos e il fatto che Kratos abbia “usato” tutta l’armatura fornitagli dai fabbri Brok e Sindri (che tornano nel sequel come compagni e aiutanti, anche se con un po’ più di profondità).

La dinamica padre e figlio è ancora una linea emotiva, con Mimir che a volte agisce come lo zio ragionevole e imparziale. È ancora esilarante vedere Kratos come l’attore diretto a una tariffa più sciocca o più leggera, e questa volta ci sono dei dialoghi davvero divertenti che si appoggiano a quell’angolazione. Le nuove aggiunte sono per la maggior parte fantastiche, poiché Ryan Hurst è incredibile nei panni di un Thor torturato e Richard Schiff riesce davvero a spiegare le ali nei panni del complicato Odino.

Recensione: God of War Ragnarok 3

E non dimenticare le battute! Ci sono così tanti dialoghi e tradizioni da comprendere che a volte è pazzesco. Può persino raggiungere il culmine di diventare estenuante, poiché una piccola passeggiata verso una missione potrebbe finire per diventare un deposito di conoscenze cruciale. Tutti coloro che si sono trovati a riflettere su questo nuovo universo saranno entusiasti.

In poco tempo, però, ci vengono lanciati un sacco di personaggi, alcuni dei quali lasciano un impatto più duraturo di altri. A volte, specialmente nel gioco di fascia medio-tardiva, ho sentito che questa avrebbe potuto essere davvero una trilogia a sé stante, con un po’ più di tempo per soffermarmi su alcuni degli eventi e dei momenti in essa contenuti. Lo stesso senso di non dare il benvenuto può estendersi ai tipi di nemici in  Ragnarok : alcuni dei quali sono stati strappati dal gioco originale, che hanno gli stessi concetti strategici di base.

Può portare a più tempi di inattività, che possono o meno adattarsi al modo in cui interagisci con un  gioco di God of War . Ho apprezzato la crescita snella e costante della relazione tra Kratos e Atreus nel primo gioco, ma il sequel ha molte parti in movimento e non mi sono collegato a tutto il cast.

God of War Ragnarok è una fantastica vetrina di ciò che questa serie ha da offrire e un eccellente esempio di come abbia ancora vita. Anche se non tutto arriva con il sequel dal punto di vista della storia, il nucleo dell’originale è preservato, con alcuni nuovi colpi di scena ancora da fare. Sono pienamente d’accordo con qualsiasi cosa Sony Santa Monica inventerà dopo.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial