giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeElon MuskSe Twitter crolla, Tesla lo seguirà?

Se Twitter crolla, Tesla lo seguirà?

Qualunque cosa tu possa pensare di Twitter, è difficile guardare Elon Musk scorticarlo goffamente vivo per ” salvarlo “.

Twitter era tutt’altro che perfetto prima che Musk prendesse il sopravvento, ma non era in difficoltà finanziarie. La crescita dei ricavi è stata sana ma in rallentamento e la direzione aveva cercato di ridurre il numero di dipendenti per ripristinare i magri profitti mentre cercava modi per aumentare le vendite. Roba normale.

Ciò è cambiato dall’oggi al domani quando Musk ha preso il sopravvento. Ha licenziato il top management di Twitter e il suo consiglio di amministrazione . La maggior parte dei dipendenti e degli appaltatori di Twitter è stata licenziata o licenziata dopo aver rifiutato l’ ultimatum “hardcore” di Musk . L’ equipaggio scheletrico ancora impiegato sta lottando per impedire che l’ infrastruttura già scricchiolante di Twitter si rompa . Peggio ancora, un numero allarmante di inserzionisti sta abbandonando Twitter dopo un picco di incitamento all’odio e disinformazione sul sito. Nel frattempo, le idee ad hoc di Musk per aumentare le entrate hanno già fallitoo erano precedentemente considerati troppo rischiosi . E tutti questi problemi aziendali arrivano dopo che Musk ha bruciato il cuscino di cassa di Twitter durante la sua acquisizione.

Ho analizzato come le aziende entrano e poi escono dalle difficoltà finanziarie per più di 20 anni e non ho mai visto un nuovo management far saltare in aria un’azienda così velocemente come Musk sta distruggendo Twitter.

Quindi ora la domanda diventa: come fa Musk a mantenere a galla il suo nuovo acquisto? Avendo osservato Musk in azione per anni, c’è un’opzione preoccupante che sospetto possa perseguire: fare irruzione a Tesla. Ma sottrarre denaro a Tesla, l’unica società redditizia di Musk, proprio mentre una seria concorrenza sta rovesciando il suo dominio, dovrebbe preoccupare gli investitori di Tesla. E data la sua ossessione per Twitter, potrebbero chiedersi: fino a che punto si spingerà Elon per salvare Twitter a spese di Tesla?

Come Musk potrebbe usare Tesla per provare a salvare Twitter

Musk ha messo insieme i suoi finanziamenti su Twitter principalmente vendendo una grossa fetta delle sue azioni in Tesla e prendendo enormi prestiti. Questa strategia ha lasciato l’azienda di social media con poco o nessun cuscinetto di cassa per finanziare la sua ripresa. Twitter ha utilizzato i 42 miliardi di dollari raccolti dall’accordo per riacquistare e ritirare le sue azioni e ciò che restava dei 6 miliardi di dollari in contanti riportati alla fine di giugno è stato utilizzato per ritirare i 5,29 miliardi di dollari di obbligazioni esistenti della società. Affrontiamo i $ 13 miliardi di nuovi costosi debiti e i circa $ 1,29 miliardi di costi di interessi annuali che l’acquisizione con leva finanziaria di Musk ha gravato sulla società, e Twitter sta andando in rosso mentre i suoi soldi girano intorno allo scarico.

Tra il pagamento del licenziamento a migliaia di dipendenti licenziati e l’assunzione di nuovi, oltre all’aumento dei costi per i danni collaterali che Musk sta creando, Twitter probabilmente consumerà una notevole quantità di denaro per un po’ mentre cerca di riprendersi, il tutto cercando di fermare l’allarmante esodo di entrate pubblicitarie vitali. Musk si sta alimentando. Sfortunatamente, Musk ha tagliato i ponti con le parti logiche che potrebbero sostenere la crescente pressione sulla liquidità di Twitter. Ad esempio, è improbabile che i banchieri di Musk siano interessati a prestare più denaro a Twitter. Stanno già affrontando perdite per oltre 500 milioni di dollari sui prestiti che hanno concordato ad aprile, dopo che l’aumento dei tassi di interesse e il deterioramento delle prospettive finanziarie di Twitter sotto Musk hanno ucciso l’appeal del mercato sulle obbligazioni proposte per finanziare l’affare.

E con il debito LBO di Twitter valutato a soli 50-60 centesimi di dollaro , gli investitori che hanno contribuito in contanti per aiutare Elon ad acquistare Twitter potrebbero aver già perso il loro valore azionario. Questa è una pessima notizia per gli altri azionisti di Musk che, ha persino ammesso, ” ovviamente ” hanno pagato troppo in primo luogo. Hanno poca possibilità di ricorso poiché, come avrebbero dovuto aspettarsi entrando, Musk possiede la parte del leone dell’azienda e ha licenziato chiunque avesse un’autorità significativa per sfidarlo.

Musk, ovviamente, potrebbe vendere più della sua preziosa partecipazione in Tesla per continuare a finanziare la società. Di recente ha venduto altre azioni per un valore di 4 miliardi di dollari, che secondo lui servivano a salvare Twitter . Questo può essere vero, ma questo importo corrisponde anche al colpo che ho calcolato che probabilmente ha preso con i suoi prestiti a margine personale poiché le azioni di Tesla sono crollate del 49% dall’ultimo deposito di procura della società il 31 marzo. Resta Musk, che ha pagato $ 44 miliardi per il l’acquisto d’impulso più costoso di sempre, con meno opzioni per mantenere a galla Twitter. Dato il suo curriculum, ci sono buone probabilità che ripieghi su Tesla, la sua azienda più ricca.

Questo ripeterebbe un vecchio schema per Musk. In precedenza ha utilizzato le sue varie società per supportare iniziative nuove o adiacenti, spesso con poca visibilità su come scorre il denaro. Quando Tesla era in difficoltà nel 2009, Musk ha preso in prestito 20 milioni di dollari da SpaceX per mantenere a galla la casa automobilistica. Anche SolarCity, la società di pannelli solari fondata da due dei cugini di Musk, in cui deteneva una quota considerevole, ha ricevuto un sostegno significativo dalle aziende di Musk prima che Tesla intervenisse finalmente per acquistare la società quasi fallita nel 2016, assorbendo i suoi circa 3 miliardi di dollari in debito . E nel 2018, gli investitori di SpaceX hanno lanciato l’allarme dopo che i fondi sono stati utilizzati per supportareL’impresa di trasporto in tunnel di Musk, The Boring Company. Alla fine SpaceX ricevette in cambio una partecipazione del 6% nella Boring Company. Fino ad oggi, le varie società di Musk fanno regolarmente affari tra loro. È tutto nella famiglia, una famiglia che Musk controlla completamente.

Come ho scritto prima , Musk potrebbe provare qualcosa di simile con Twitter. Ha già lanciato l’idea di ” X, l’app di tutto “, che Musk ha suggerito di combinare social media, pagamenti, notizie, ordini di cibo e altro ancora. Ha anche creato “X Holdings ” – una holding che ha usato per acquistare Twitter – che ha suggerito potrebbe essere utilizzata per ospitare tutte le sue varie società. Quindi, con il pretesto delle sinergie tra Tesla – in particolare la tecnologia AI dietro i suoi controversi sistemi di pilota automatico – e la visione di Musk per questa app onnicomprensiva, potrebbe indirizzare Tesla a “investire” in Twitter per ottenere l’accesso a potenzialmente miliardi di denaro e risorse. .

Se ciò accadesse, gli investitori Tesla potrebbero o meno sapere quanto supporta Twitter. A differenza dell’acquisizione di SolarCity da parte di Tesla nel 2016, che è stata effettuata con ragionevole trasparenza, Tesla ha istituito le sue operazioni a Shanghai nel 2019 come sussidiaria senza restrizioni con una visibilità molto limitata. A causa di questo accordo, gli investitori di Tesla ottengono solo un’istantanea frammentaria dei contributi del business cinese all’intera azienda. Tesla è stata in grado di utilizzare questa oscurità per mascherare il fatto che le sue operazioni in Cina generano la maggior parte, se non tutti, i profitti totali e il flusso di cassa dell’azienda, contribuendo con meno del 30% delle entrate totali, il che implica che le operazioni di Tesla negli Stati Uniti sono ancora in gran parte non redditizie dopo 18 anni.

Tesla potrebbe creare un’entità a scopo speciale simile, o SPE, ad esempio, per investire in Twitter, ma questa volta per aiutare a proteggere le operazioni in difficoltà di Twitter e le condizioni finanziarie in fallimento, nonché il suo drenaggio sulla società madre, dagli investitori. Dopotutto, rintracciare i soldi di Tesla è già complicato. Circa un terzo dei 20 miliardi di dollari in contanti di Tesla (al 30 settembre) è detenuto all’estero, principalmente in Cina, dove rimane. La maggior parte del saldo rimanente può essere ricondotta a oltre 12 miliardi di dollari raccolti dalla vendita di azioni dal 2020, più quasi 4,7 miliardi di dollari raccolti dai sussidi per i crediti energetici. Le operazioni di Tesla hanno iniziato a generare denaro significativo solo nell’ultimo anno, anche se gran parte di questo, secondo le mie stime, proviene da sussidi e aggiustamenti contabili creativi come il pagamento di stipendi e bonus in azioni anziché in contanti.

Sebbene sottrarre denaro per supportare Twitter sia una strategia controversa, non danneggerebbe in modo significativo le condizioni finanziarie di Tesla, almeno a breve termine. Al momento, Tesla ha pochissimi debiti e la società ha recentemente ottenuto un rating di qualità creditizia investment grade da S&P Global. Il rapporto debito/EBITDA dell’azienda, un’indicazione di quanto bene i guadagni in contanti possano sostenere il debito di un’azienda e una misura chiave della stabilità finanziaria, è solo 0,4 volte basato sulla mia stima del 2022 per $ 18,7 miliardi di EBITDA. Musk potrebbe ordinare a Tesla di prendere in prestito da $ 10 miliardi a $ 20 miliardi, ad esempio, e aumentare comunque tale rapporto solo a 0,9x o 1,4x, rispettivamente. È ancora ben all’interno dei limiti di rating investment grade. La situazione di Tesla potrebbe peggiorare, ovviamente. Ma anche se Tesla’

Il problema è che la futura prosperità di Tesla è diventata meno certa. Se le operazioni di Tesla continuano a lottare per sostenere i profitti e il flusso di cassa a causa del deterioramento delle condizioni commerciali, come sospetto, il suo sano cuscinetto di liquidità potrebbe iniziare a ridursi proprio mentre Elon inizia a prosciugare denaro per salvare Twitter.

Tesla sta affrontando una strada più difficile da percorrere

Elon Musk è stato celebrato come l’uomo più ricco del pianeta soprattutto rendendo Tesla la casa automobilistica più preziosa di sempre. Ma questo è successo nonostante Musk fosse notoriamente un pessimo manager e un capo peggiore , come io e molti altri abbiamo osservato per anni .

Ciò che si perde nelle leggende di Musk e Tesla è quanto abbia beneficiato di molto aiuto e tempismo fortuito sulla sua strada verso il successo. Tesla è stata notevolmente viziata per i 18 lunghi anni che ci sono voluti per generare finalmente un profitto, grazie a miliardi di dollari in agevolazioni fiscali e sussidi per crediti energetici, supervisione normativa permissiva, un consiglio obbediente, condizioni di prestito favorevoli e un mercato azionario sempre accogliente. Questi vantaggi in patria, il supporto storico per lo sviluppo del mercato dei veicoli elettrici in Europa e in Cina e la mancanza di una vera concorrenza hanno tenuto a galla Tesla mentre si faceva strada verso la redditività.

Ma quella fortuna si sta esaurendo. Anni di ricerca e sviluppo affamati mentre tagliavano gli angoli nella produzione hanno lasciato Tesla con una flotta scarsa e obsoleta che si colloca costantemente vicino al fondo in termini di qualità e affidabilità. Nel frattempo, i concorrenti più duri di Tesla hanno lanciato decine di nuovi modelli e dozzine di altri arriveranno sul mercato prima del prossimo ingresso di Tesla, qualunque esso sia. E nulla nella sua pipeline scarsa e perennemente ritardata, dal bizzarro Cybertruck al Semi Truck, sembra probabile che muova l’ago sufficientemente, se non del tutto, per cambiare le sue prospettive. Non c’è da stupirsi che Tesla stia perdendo quote in tutti i principali mercati.

La difficile situazione di Tesla mi ricorda BlackBerry, che è stato anche il beniamino in un nuovo mercato per anni, fino a quando non lo è stato. BlackBerry non è riuscita a sostenere gli investimenti nell’innovazione di nuovi prodotti e ha ignorato le fiorenti tendenze del mercato fino a quando la concorrenza non l’ha superata. BlackBerry non ha mai riacquistato il suo antico splendore.

Senza nuovi modelli e le sue ultime espansioni di mercato del suo ultimo modello, Model Y, che iniziano a girare, mi aspetto che la crescita incrementale delle consegne di Tesla farà il suo corso quest’anno, specialmente in Cina, dove ho calcolato che Tesla fa ancora di più, se non tutto, dei suoi profitti. In tal caso, il rallentamento della crescita dei ricavi e la riduzione dei margini di Tesla deluderebbero le aspettative degli investitori per una crescita esplosiva continua. Abbastanza sicuro, quest’anno Tesla ha seguito le aspettative del mercato finora, specialmente nel terzo trimestre. Il punto zero per le vendite deludenti è stato in Cina, dove le consegne di Tesla sono state inferiori nonostante l’abbassamento dei prezzi e l’aumento degli incentivi. In un mercato in cui Elon si vantava che Tesla avrebbe avuto bisogno di diversi impiantisolo per soddisfare la domanda locale, non può vendere le auto che produce da una.

La quota di mercato di quasi 600 miliardi di dollari di Tesla è ancora da due a tre volte il valore dei suoi maggiori concorrenti messi insieme, nonostante contribuisca solo dal 2% al 3% delle vendite globali. Con il suo predominio nei mercati dei veicoli elettrici in calo rispetto ai concorrenti aggressivi che già superano i suoi modelli datati, è chiaro che Tesla ha spazio per scendere ulteriormente.

Le prospettive ridotte di Tesla sono state dure per le sue azioni, già sotto pressione a causa dell’aspettativa che Elon sarebbe stato costretto a vendere più della sua quota per chiudere la vendita di Twitter e preoccupazioni per la sua attenzione divisa. Le azioni di Tesla sono scese di oltre il 50% quest’anno, evaporando quasi $ 700 miliardi di valore della capitalizzazione di mercato dal suo picco alla fine del 2021.

Sapremo abbastanza presto se le condizioni finanziarie attualmente sane di Tesla seguono il deterioramento delle sue azioni. Salvare Twitter non ucciderà Tesla in tempi brevi e Twitter potrebbe non sopravvivere a meno che non lo faccia, ma Musk sta prosciugando la capacità di Tesla di superare quelle che potrebbero essere le sfide più difficili da affrontare.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial