mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeSmart HomeSembra che Roomba scatti troppe foto private di casa tua

Sembra che Roomba scatti troppe foto private di casa tua

Dall’uscita di Roomba, è stato a dir poco un aiuto a casa, aspirando la tua casa per te quando sei troppo occupato per farlo da solo. È un piccolo dispositivo comodo che può essere lasciato solo per completare i suoi compiti senza troppi interventi. Quindi cosa succede quando il tuo piccolo aiutante del vuoto inizia a far trapelare immagini private di te?

La scoperta è stata fatta all’inizio di quest’anno in uno studio condotto dal MIT Technology Review . Nel rapporto, è stato confermato da iRobot, la società dietro Roomba, che i gig worker in Venezuela hanno infranto un accordo di non divulgazione e hanno condiviso immagini intime dei clienti tra loro sui social media. Una di quelle foto include una donna seduta su un gabinetto.

Se ti stai chiedendo il motivo per cui Roomba scatta foto in primo luogo è per aiutare la sua intelligenza artificiale a imparare a identificare correttamente i singoli oggetti. Quindi l’aspirapolvere scatta immagini di cose come il tuo cane, cestino della spazzatura, lampade e qualsiasi altra cosa in casa e le rimanda ai lavoratori umani, la maggior parte dei quali sono esternalizzati in paesi stranieri, che poi “racconteranno” a Roomba se la sua ipotesi è corretta.

Questa annotazione dei dati è fondamentale per Roomba e altri robot abilitati all’intelligenza artificiale. Sfortunatamente, la maggior parte delle persone non è a conoscenza del processo. Nonostante ciò, iRobot insiste, in un commento al MIT Technology Review , che le foto trapelate provenivano da un droide di sviluppo che aveva avvisato coloro che lo circondavano quando stava scattando foto o video.

Il rapporto diceche le immagini trapelate potrebbero non essere solo contenute in iRobot, e potremmo potenzialmente essere seduti su un problema molto più ampio riguardante i robot AI che facciamo entrare nelle nostre case.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial