HomeGoogleSEO per Google Immagini: i migliori consigli per aumentare il traffico del...

SEO per Google Immagini: i migliori consigli per aumentare il traffico del tuo blog

Hai mai sentito parlare di SEO per Google Immagini?

Sì: tecniche per ottimizzare i tuoi  contenuti visivi  per posizionarti meglio nelle pagine dei risultati di ricerca. Hai familiarità con loro?

Se la tua risposta è no, è ora di cambiarlo. Soprattutto dopo un cambiamento all’interno di Google, che può aumentare significativamente il tuo traffico tramite le immagini.

Poiché 1 ricerca su Internet su 3 riguarda le immagini , c’è un enorme potenziale per il traffico di rete da raggiungere con Google Immagini. Se il tuo sito è preparato per questo, i tuoi risultati possono essere sorprendenti.

Ma per questo, è necessario eseguire una serie di passaggi per adattare le tue immagini ai severi requisiti di Google.

Per aiutarti, abbiamo preparato una guida completa. Qui vedrai:

  • Perché utilizzare la SEO per Google Immagini sul tuo blog o sito web aziendale?
  • Come ottimizzare le tue immagini per farti trovare su Google?

Pronto ad andare?

Perché utilizzare la SEO per Google Immagini sul tuo blog o sito web aziendale?

Non possiamo mentire: lavorare per ottimizzare i tuoi file multimediali per i motori di ricerca è molto faticoso.

Ne vale la pena? La SEO per Google Immagini è gratificante e porterà vantaggi alla tua   strategia di Content Marketing ?

Noi crediamo di sì, e abbiamo 3 ottimi argomenti per convincere anche te!

È un’ulteriore fonte di traffico

Nel 2013, Google ha annunciato un cambiamento nel sistema di Google Immagini, implementando un pulsante “Visualizza immagine”.

Se l’utente ha cliccato lì, è stato indirizzato  all’URL  dell’immagine in questione, senza visitare il suo sito di origine.

Nei mesi successivi a questo cambiamento, il traffico generale delle visite di Google Image è calato molto. Tuttavia, nel febbraio del 2020, l’azienda ha annunciato un nuovo cambiamento che ha ribaltato la situazione: non esiste più il pulsante “Vedi immagine”, che obbliga gli utenti ad accedere ai siti per trovare i media a grandezza naturale.

Il risultato? Un aumento complessivo  del 37% delle  visite al sito tramite Google Immagini.

Impressionante, non è vero?

Con questo nuovo flusso di persone che vengono indirizzate ai siti, chi riesce a distinguersi in Google Immagini può guadagnare una fonte di traffico aggiuntiva  .

Aiuta i tuoi contenuti a diventare virali

Dicono che un’immagine valga più di mille parole. Potrebbe anche non essere vero, ma gli elementi visivi hanno un incredibile potere di  diventare virali .

Ad esempio, i post con immagini di solito ottengono il  650% di coinvolgimento in più  rispetto agli articoli con solo parole.

Più coinvolgimento significa più possibilità che i contenuti  diventino virali,  aumentando la tua copertura online.

Ma affinché ciò accada, le persone devono trovare le tue immagini su Google. E questo accadrà solo dopo l’ottimizzazione e molto lavoro.

Riduci i tempi di caricamento del tuo sito

Anche se non sei interessato a catturare il traffico tramite Google Immagini, potresti trarre vantaggio dai suggerimenti di questo articolo.

Ne parleremo più avanti, ma una delle  tecniche SEO  per le immagini prevede la  riduzione delle dimensioni dei file .

Con le foto leggere, la tua pagina si carica più velocemente, il che migliora l’  esperienza dell’utente  ed è ricompensato da Google.

In altre parole: lavorare con la SEO per Google Immagini aiuta il tuo sito nel suo complesso a posizionarsi meglio.

Allora, sei convinto adesso? Se è così, continua a leggere questo articolo per imparare come classificare meglio le tue immagini su Internet!

Come ottimizzare le tue immagini per farti trovare su Google?

Ora che hai compreso l’importanza di lavorare sulla SEO per Google Immagini sul tuo sito web o blog, la grande domanda è: come posso farlo? Quali sono le migliori pratiche per garantire un buon posizionamento delle tue immagini?

Di seguito, elenchiamo  i migliori consigli per ottimizzare il ranking delle tue immagini , tenendo conto degli elementi considerati da Google. Dai un’occhiata!

Nome del file immagine

Il primo elemento per la classifica delle tue immagini parte dal tuo computer, ancor prima che l’immagine venga caricata sui tuoi server:  il nome del file .

Per ottimizzare le tue immagini per Google, dobbiamo comprendere i limiti dei crawler dei motori di ricerca.

Sono eccellenti per comprendere il testo e la pertinenza di determinati contenuti utilizzando un algoritmo e dando valore alle parole chiave.

Tuttavia, stanno ancora imparando a leggere le immagini. In effetti, rifletti un po’ su questo problema: come si comunica il contenuto di un’immagine a un bot?

Ad esempio, immagina che un crawler legga il codice HTML del tuo nuovo articolo, che parla dei diversi tipi di borse disponibili sul mercato.

Seleziona una bella immagine di una borsa per illustrare l’estratto che spiega questo tipo di valigia al tuo lettore.

Tuttavia, il nome del file è “IMG448.png”. Ciò a cui il crawler avrà accesso è questo:

  • <img src=”IMG448.png”/>

Come puoi vedere, queste informazioni non sono molto utili per spiegare il contenuto dell’immagine che hai usato nell’articolo. Ora guarda come apparirebbe il codice se il file avesse un nome migliore:

  •  <img src=”brown_leather_handbag.png”/>

Anche senza vedere l’immagine, possiamo immaginare come appare con un nome del genere, giusto?

Didascalia immagine

Sapevi che le didascalie sotto le immagini vengono lette, in media, il  300% in più  rispetto al contenuto del testo stesso?

Ciò significa che i sottotitoli sono eccellenti opportunità per coinvolgere i tuoi lettori. E così è Google.

Il motore di ricerca stesso ammette di utilizzare le  didascalie per estrarre informazioni per poi cercare di capire l’immagine .

Ricordi che il crawler non può vedere l’immagine? Quindi, qualsiasi elemento scritto aiuterà a comunicare con l’IA cosa c’è in quel contenuto.

Ciò non significa che dovresti inserire didascalie sul 100% delle immagini nei tuoi articoli, ma dovresti usare questa funzione ogni volta che provi a classificare un file visivo specifico.

Il segreto per scrivere una buona didascalia è inserire informazioni che:

  • aiuta a comprendere il contenuto dell’immagine;
  • include la parola chiave che vuoi classificare;
  • integra il contenuto dell’articolo.

Torniamo al nostro esempio del testo sulle diverse borse. La stessa foto di una borsa in pelle marrone può illustrare due tipi di contenuto: uno con le valigie per il lavoro e l’altro per i turisti.

Una buona didascalia per un articolo con suggerimenti per i viaggiatori sarebbe qualcosa del genere:

“Il viaggiatore può portare in aereo una borsetta fino a 22 libbre”.

Questa  didascalia spiega il contenuto dell’immagine  (è una borsa),  include la parola chiave  che vogliamo (“borsa”) e  completa il contenuto dell’articolo  specificando che si tratta di una foto che riguarda borse e turismo.

Testo alternativo

Tutte le immagini su Internet hanno un  attributo ALT , che viene utilizzato per descrivere il loro contenuto.

Questo è il fattore più importante nel fare SEO per Google Immagini.

Il testo alternativo serve a descrivere il contenuto dell’immagine in questione. È utile perché aiuta le persone con disabilità visive (e coloro che utilizzano lettori di schermo) a comprendere il contenuto, ma viene visualizzato anche quando il browser dell’utente non può caricare il file di immagine per qualche motivo.

È anche un altro fattore che Google utilizza per cercare di comprendere un’immagine e la sua rilevanza per l’utente.

Quando si scrive il contenuto dell’attributo alt, è importante descrivere cosa c’è nell’immagine in modo oggettivo e sintetico, preferibilmente usando la parola chiave che vogliamo classificare (ma senza eccessi). Vedi un esempio:

  • non valido: <img src=”brown_leatherhandbag.png” alt=””/>
  • bad: <img src=”brown_leather_bag.png” alt=”zaino a mano in pelle marrone migliori marche prezzi imperdibili” />
  • buono: <img src=”brown_leather_skin bag.png” alt=”borsa in pelle marrone collocata nel bagagliaio di un aereo” />

Contesto dell’immagine

Secondo Google, uno degli elementi della SEO per Google Immagini è il  contesto in cui viene utilizzata l’immagine .

La cifra deve essere aggiunta al tuo articolo nella parte in cui è più rilevante.

Questo perché l’algoritmo di Google utilizza il contenuto dei paragrafi vicino all’immagine come contesto per comprenderne il contenuto.

Quindi, se stai parlando di “Migliori piante per un appartamento”, ad esempio, si consiglia di inserire un’immagine di una di queste piante nel contesto.

La stessa immagine non sarà molto utile, né avrà la stessa forza se aggiunta vicino a paragrafi su “tipi di vasi” o “attrezzi da giardinaggio”.

URL dell’immagine

Ricordi quando abbiamo menzionato l’importanza di strutturare correttamente l’URL del tuo sito per posizionarti meglio su Google? La logica è la stessa quando si parla di immagini.

Ecco perché i suggerimenti che abbiamo dato prima sono utili anche quando vogliamo posizionarci su Google Immagini.

L’importante è  organizzare l’URL dei tuoi file multimediali in modo logico e conciso , per comunicare rapidamente al motore di ricerca che quella è un’immagine e il suo contenuto.

Coinvolgimento dell’immagine

Immagina di cercare “zaini per bambini” in Google Immagini. Inizi a guardare i risultati e una foto specifica cattura la tua attenzione in fondo all’elenco: è uno zaino blu con un adesivo divertente posizionato sopra.

Fai clic sull’immagine, quindi vai alla pagina in cui è ospitata per leggere l’articolo.

Qualche settimana dopo, fai la stessa ricerca e, sorpresa, quell’immagine che era alla fine dei risultati, ora è in cima. Cosa è successo?

Fondamentalmente, il tuo clic (e quello di molte persone) ha informato Google che quell’immagine è pertinente.

In questo caso, il divertente adesivo ha catturato la tua attenzione e quella degli altri utenti, generando più clic e pertinenza alla foto.

Ecco perché è importante utilizzare immagini originali e di impatto sul tuo sito e ottimizzarle per il posizionamento. Queste sono le cifre che genereranno più coinvolgimento e si classificheranno meglio.

Dimensioni dell’immagine

Provalo subito: apri una nuova scheda nel tuo browser e cerca qualche immagine in Google. Potrebbe essere, ad esempio, “cuccioli”.

cerca cuccioli su google

Hai notato altri schemi oltre al fatto che tutte le foto sono estremamente carine?

Se hai prestato attenzione, potresti aver notato che la  stragrande maggioranza delle immagini mostrate ha più o meno le stesse dimensioni .

Google tende a favorire le immagini rettangolari, in proporzioni come  16:9  o  4:3 .

Questo rende dimensioni come  1366 x 768 (16:9) o 720 x 480 (4:3)  migliori delle immagini totalmente fuori schema (come qualcosa di molto orizzontale o molto verticale).

Se queste dimensioni ti sembrano familiari, è perché lo sono: i formati 16:9 e 4:3 vengono solitamente utilizzati nelle risoluzioni video come TV, film e sullo stesso YouTube.

Dimensione del file

Sai già che il  tempo di caricamento di una pagina  è un fattore essenziale per posizionarla su Google. Più è lento, peggiore è il posizionamento.

Più veloce è, meglio è.

Quello che potresti non sapere già è che le immagini su una pagina sono il fattore principale che influenza il suo tempo di caricamento.

Ciò significa che le immagini leggere vengono classificate meglio dei file più grandi, il che crea la necessità di comprimere e ridurre le dimensioni del file multimediale.

Ci sono strumenti per aiutarti a fare questo lavoro. Il più famoso è Photoshop, di Adobe, ma è un software a pagamento.

Controlla sotto un elenco di alternative gratuite che fanno lo stesso lavoro:

Metadati immagine

Ogni immagine contiene una certa quantità di informazioni memorizzate, solitamente generate dal dispositivo che l’ha catturata.

Una foto scattata con una fotocamera memorizza informazioni come il tempo di esposizione, la dimensione dell’apertura dell’otturatore, se hai utilizzato o meno un flash, ecc.

Questa informazione si chiama metadati ed è utile per molte cose, ma non è molto importante se non si parla degli aspetti tecnici della fotografia.

Ecco perché è fondamentale ripulire questi metadati che non sono così importanti per te, ridurne le dimensioni e velocizzare i tempi di caricamento.

Puoi farlo molto facilmente:

  • clicca con il tasto destro sul file immagine del tuo computer, andando su  Proprietà;
Metadati immagine
  • quindi, vai a  Dettagli . Troverai un’opzione per rimuovere i metadati dal file;
Metadati immagine
  •  selezionali uno per uno o controllali tutti in una volta, e il gioco è fatto!
Metadati immagine

Condivisione di immagini

Un fattore curioso che aumenta il ranking di un’immagine è il numero di volte in cui il supporto è stato riprodotto su altri siti tramite embed.

Incorpora è un tag HTML che consente a un file multimediale (foto, musica, video) di un sito di essere incorporato in un’altra pagina.

Più questo accade con un’immagine, più Google la vede come rilevante e migliore diventa il ranking .

Questo è estremamente utile quando realizziamo infografiche e altri materiali visivi ricchi. Una buona idea è quella di facilitare e incoraggiare l’incorporamento di questi media in altre pagine per migliorare il loro posizionamento in Google Immagini.

Posizionamento dell’immagine sulla pagina

Abbiamo già detto che la posizione dell’immagine nell’articolo in cui è inserita è fondamentale per il tuo posizionamento su Google.

Questo perché il contenuto dei paragrafi accanto alla figura aiuta a fornire contesto al motore di ricerca.

Tuttavia, un altro elemento di posizionamento garantisce un posizionamento migliore o peggiore per un’immagine:  se si trova nella parte superiore della pagina o meno .

Google consiglia che l’immagine principale del tuo articolo, quella che meglio integra i tuoi contenuti, dovrebbe essere nella parte superiore della tua pagina. In questo modo, avrà il maggiore impatto sul ranking e rafforzerà la parola chiave che desideri evidenziare.

Testi all’interno dell’immagine

Google sconsiglia di inserire una grande quantità di testo all’interno dell’immagine che si desidera classificare. Questo accade per due motivi:

  1. i crawler dei motori di ricerca non possono leggere questo contenuto. Questo lo rende “inutile” in termini di ranking poiché è disponibile solo per l’utente;
  2. questo testo non è disponibile per gli strumenti di traduzione automatica di Google, il che può peggiorare l’accessibilità e l’esperienza dell’utente, il che influisce sul posizionamento della pagina.

Il  motore di ricerca consiglia che il testo importante sia in HTML , accessibile al crawler e che offra un contesto per le immagini.

Nel caso delle infografiche, è importante ricordare che devono essere accompagnate da articoli che abbiano informazioni utili e spieghino il contenuto, fornendo il contesto che Google richiede.

Immagini reattive

Da qualche tempo su Google vengono effettuate più ricerche da dispositivi mobili come smartphone o tablet che da desktop.

I dispositivi mobili non sono più il “futuro di Internet”, ma il presente. E se il tuo sito non è reattivo per adattarsi a questo, allora hai un grosso problema di posizionamento tra le mani.

I siti che non sono responsive sono penalizzati da Google  e non vengono visualizzati in primo piano nelle ricerche dei dispositivi mobili. Lo stesso accade con le immagini in Google Immagini.

Se utilizzi una versione di WordPress  superiore alla 4.4 per gestire il tuo sito Web o blog, questo non è un problema per te, perché questa versione formatta già le immagini come responsive per impostazione predefinita.

Tuttavia, se questo non è il tuo caso, dovresti farlo manualmente usando l’  attributo srcset . Google ti insegna come farlo in questa pagina!

Rilevanza dell’immagine

I progressi dell’intelligenza artificiale per identificare il contenuto di un’immagine sono impressionanti, ma la sua applicazione nel mercato è ancora esitante. Oggi sono solo pochi bot o algoritmi in grado di “leggere” una foto.

Con Google è la stessa cosa, come abbiamo già detto. La differenza è che l’algoritmo di Google Immagini può già eseguire una sorta di ricerca visiva per identificare se quell’immagine è o meno ciò che l’utente sta cercando.

Il sistema non è molto sofisticato, ma è abbastanza buono per non mostrare un’immagine di cucciolo (anche con tutte le possibili ottimizzazioni SEO) in una ricerca “Torre Eiffel”, ad esempio.

Quindi usa l’immagine che vuoi veramente usare. Se si tratta di un articolo sulle vendite di auto, usa un’immagine di un’auto e non solo una foto di un altro soggetto.

Dati strutturati

Google Immagini utilizza il sistema di dati strutturati per creare determinati “timbri di rilievo” per ottimizzare l’esperienza degli utenti.

Funziona così: se crei un articolo da uno dei temi compatibile con i timbri di Google, puoi utilizzare i dati strutturati nelle tue immagini.

In questo modo, guadagneranno il timbro e indicheranno all’utente che è esattamente quello che stanno cercando.

Google Immagini è compatibile con 3 tipi di dati strutturati:

  • video;
  • ricette;
  • prodotti.

Ciò significa che se la tua immagine è correlata a uno di questi soggetti, puoi utilizzare i dati strutturati per guadagnare il timbro e vedere la tua immagine classificata meglio su Google Immagini.

Ad esempio: se hai un sito web di ricette specializzato in cioccolato, puoi utilizzare i dati strutturati per guadagnare alle tue immagini il timbro “ricetta”.

Quindi, se qualcuno cerca “ricetta torta al cioccolato” su Google Immagini, avrà maggiori possibilità di entrare nel tuo sito perché la foto indicherà che è ciò che vuole la persona.

Apri grafico e Twitter Card

Ricordi che abbiamo detto che più l’immagine del tuo sito è incorporata in altre pagine, più è rilevante per Google?

Bene, lo è. Se crei contenuti di qualità, verranno condivisi organicamente dai tuoi lettori sui social network.

Ciò significa che puoi incorporare le tue immagini più e più volte con queste condivisioni.

Per fare ciò, sarà necessario impostare correttamente i meta tag delle immagini per i social network tramite Facebook Open Graph e Twitter Card.

Immagine Mappa del sito

Una sitemap è uno strumento essenziale per la SEO della tua pagina. Indica al crawler di Google la gerarchia all’interno del tuo sito e come leggerne il contenuto in via prioritaria.

Probabilmente ne hai uno sul tuo blog o sito web. Ma sapevi che puoi creare una sitemap unica per le tue immagini?

Google stesso lo consiglia. Il motore di ricerca incoraggia e  insegna come creare una mappa del sito di immagini per facilitare il lavoro del crawler di trovare i tuoi file multimediali e, naturalmente, garantire un posizionamento migliore per il tuo sito.

Ricerca sicura

Ogni volta che un’immagine o una pagina viene contrassegnata come negativa o bloccata da un utente, Google contrassegna un “punto negativo” per la SEO del tuo sito o per i media in questione.

Poiché Internet contiene praticamente tutto, è normale che i genitori si preoccupino dei contenuti a cui i loro figli hanno accesso online.

Per questo, Google ha creato SafeSearch, che  filtra i materiali inappropriati per i bambini dai risultati di ricerca .

Pertanto, se un’immagine inappropriata per i minori viene visualizzata su un dispositivo SafeSearch, tale contenuto verrà contrassegnato come negativo e bloccato. E questo ridurrà la loro classifica generale.

Ecco perché se il tuo sito funziona con immagini non adatte ai minori, devi  indicarle a Google in modo da non subire punizioni .

Uno dei modi più semplici per farlo è raggruppare tutti questi media in una posizione URL comune.

Per esempio:

  • http//www.yoursite.com/adult/image.png

Quindi, nella mappa del sito dell’immagine, indica a Google che quel contenuto è per adulti.

Un altro modo è utilizzare i metadati per contrassegnare le tue pagine come contenuti per adulti. Tutte le immagini verranno filtrate da SafeSearch e non verranno mostrate agli utenti con il sistema attivato, il che impedisce di subire punizioni.

Formato immagine

Non tutti i formati di immagine possono essere acquisiti da Google Immagini. Pertanto, utilizza il formato corretto se desideri essere classificato correttamente.

Quelle accettate sono le seguenti:

  • JPEG;
  • PNG;
  • MBP;
  • GIF;
  • WebP;
  • SVG;
  • immagini in linea.

I formati come TIFF o Raw, ad esempio, più utilizzati nella fotografia professionale, non vengono visualizzati in Google Immagini.

Il formato più utilizzato è JPEG perché ha la capacità di compressione più elevata e può fornire file di piccole dimensioni. Tuttavia, come punto negativo, non funziona con le trasparenze, come GIF e PNG.

Fattori generali di ranking del sito

Finora abbiamo elencato 20 fattori esclusivi della SEO per Google Immagini. Ma ciò che rende l’algoritmo di Google così ricco ed efficace è che tutto è contestualizzato.

Ciò significa che un elemento favorisce o danneggia gli altri, e l’ideale è che tutto funzioni insieme per ottenere il miglior risultato possibile.

Cioè: i fattori di ranking generale del tuo sito contribuiscono alle prestazioni dei media in Google Immagini.

Se la tua pagina è ottimizzata per apparire su Google, guadagnerai punti nelle ricerche di immagini. In caso contrario, avrai problemi a ottenere risultati coerenti con i tuoi media.

Ecco perché è l’ideale per fare un lavoro completo, coprendo tutti gli elementi intorno al tuo sito.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial