mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeMissioni SpazialiSpaceX diventa il secondo fornitore della NASA, superando Boeing

SpaceX diventa il secondo fornitore della NASA, superando Boeing

La NASA ha obbligato $ 2,04 miliardi a SpaceX nell’anno fiscale 2022, terminato il mese scorso, secondo i nuovi dati sugli appalti federali.

Per la prima volta, l’importo pagato dall’agenzia spaziale a SpaceX supera quello pagato a Boeing, che è stato a lungo il principale fornitore di hardware della NASA. Boeing ha ricevuto 1,72 miliardi di dollari durante l’ultimo anno fiscale, sulla base dei dati riportati per la prima volta da Irene Klotz di Aviation Week.

Il California Institute of Technology, che gestisce il centro sul campo Jet Propulsion Laboratory per la NASA, rimane l’appaltatore n. 1 dell’agenzia, con un finanziamento di 2,68 miliardi di dollari. L’istituto accademico è responsabile della gestione del centro sul campo della NASA con sede in California e della distribuzione di fondi per una miriade di missioni di veicoli spaziali robotici come Mars Perseverance e Europa Clipper.

Da un lato, l’ascesa di SpaceX al secondo posto nell’elenco degli appaltatori della NASA rappresenta un importante cambiamento nell’ordine delle cose. Per molto tempo, i programmi di esplorazione e volo spaziale umano della NASA sono stati dominati da Boeing, Lockheed Martin, Aerojet, Northrop Grumman e una manciata di altri appaltatori aerospaziali tradizionali della difesa.

Tuttavia, non dovrebbe sorprendere che un’azienda che ha recentemente fornito la maggior parte dei servizi – e, probabilmente, il valore – alla NASA dovrebbe iniziare a ricevere un’ampia quota dei suoi contratti di aggiudicazione. Ciò è stato particolarmente degno di nota con la performance di SpaceX su Commercial Crew, il programma della NASA per acquistare servizi di trasporto da società private per portare i suoi astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Inizia con l’equipaggio

La NASA ha assegnato contratti a Boeing e SpaceX nel 2014 per lo sviluppo della loro navicella spaziale, pagando a Boeing circa il 60% in più. A quel tempo, era opinione diffusa che l’appaltatore tradizionale, con questo denaro aggiuntivo, avrebbe fornito i servizi prima. Ma è stata SpaceX a portare per la prima volta l’equipaggio sulla stazione spaziale nel maggio 2020 e da allora la compagnia ha lanciato cinque missioni operative nel laboratorio orbitante.

Nel frattempo, Boeing ha lottato per portare la sua navicella spaziale Starliner in uno stato di prontezza e ora è previsto un volo di prova con equipaggio non prima della prossima primavera, con missioni operative che non si svolgeranno almeno nella seconda metà del 2023. Con un tale programma , SpaceX avrà fornito i servizi dell’equipaggio tre anni prima di Boeing.

Oltre il programma e i soldi che la NASA ha risparmiato pagando meno SpaceX, la NASA ha realizzato un enorme valore disponendo di un proprio mezzo di trasporto per la stazione spaziale in un momento di tensioni geopolitiche estremamente elevate tra gli Stati Uniti e la Russia. Senza SpaceX, la NASA andrebbe col cappello in mano in Russia per viaggi nello spazio.

Gran parte dell’aumento dei finanziamenti per SpaceX nel 2022, un aumento di circa 400 milioni di dollari rispetto all’anno precedente, sembra essere guidato da contratti per il sistema di atterraggio umano nell’ambito del programma Artemis Moon e dall’acquisto di ulteriori missioni Crew Dragon nello spazio stazione. (I contratti individuali possono essere trovati all’interno del Federal Procurement Data System ).

Boeing è stato l’appaltatore principale dell’hardware per la NASA per gran parte dell’ultimo decennio, principalmente a causa di due programmi principali. Boeing è l’appaltatore principale dello stadio principale del razzo Space Launch System, che è stato finanziato tramite contratti a costo maggiorato dal 2011, e Boeing è anche l’appaltatore principale per le operazioni della Stazione Spaziale.

Anche la navicella spaziale Starliner dell’azienda è un contratto importante, ma non sembra un guadagno a lungo termine per l’azienda. Per soddisfare le sue esigenze di equipaggio della Stazione Spaziale per il resto di questo decennio,  la NASA ha recentemente deciso che avrebbe acquistato la maggior parte dei voli dell’equipaggio da SpaceX piuttosto che da Boeing. Ciò era probabilmente dovuto a considerazioni di prezzo e alla prontezza operativa di Crew Dragon.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial