giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeMarvelSpiegazione del finale di "Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli"

Spiegazione del finale di “Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli”

A un certo livello, il finale di Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli è quello che ti aspetteresti da un film Marvel. Gli eroi combattono un’orda di creature CG per salvare il mondo, ma non è così semplice, poiché alcuni elementi del climax sono aperti all’interpretazione.

Attingendo ai miti cinesi e alla filosofia delle arti marziali, il finale vede Shang-Chi scegliere un percorso che gli permette di affrontare sia le creature succhia-anima che suo padre. Durante il combattimento finale, le sue scelte e le loro conseguenze sono presentate visivamente, poiché non tutto è esplicitamente spiegato nei dialoghi o menzionato in precedenza nel film. Ciò rende il finale intrigantemente filosofico o fastidiosamente vago, dandoti la possibilità di trarre le tue conclusioni su come sono andate le cose… o lanciare popcorn sullo schermo infastidito.

Vediamo come potrebbe essere interpretato quel finale. Spoiler, ovviamente!

Dirigendosi verso il finale del film, Shang-Chi e Xialing sono arrivati ​​nel mistico villaggio nascosto di Ta-Lo, dove vengono accolti da Michelle Yeoh come la loro zia Ying Nan. Riempie il retroscena del villaggio, introdotto nei fumetti di Thor nel 1980 come una dimensione tascabile piena di animali mitici come il Dijiang (la creatura alata senza volto che l’attore Trevor Slattery chiama Morris), e quello che sembra essere un leone Xiezhi.

Il loro padre Wenwu rovina presto la riunione di famiglia, tuttavia, usando la sua mappa dell’acqua per portare un esercito di assassini dei Dieci Anelli nell’idillio a lungo nascosto. Dopo aver mandato Shang-Chi in una apparentemente tomba acquosa, Wenwu cerca quella che pensa sia la voce della sua defunta moglie. Colpire il cancello dall’aspetto spaventoso rilascia un gruppo di creature volanti in CG, che è il primo segno che forse non è il suo amato Jiang Li che gli sussurra dopotutto.

La prima vittima delle bestie volanti è Death Dealer, l’assassino silenzioso con un trucco kabuki. È piuttosto deludente, perché il personaggio non è mai stato all’altezza del suo aspetto da tosto. Ma non c’è tempo per preoccuparsene poiché i cattivi succhia-anima sono seguiti da un boss bestiale molto più grande, il Dweller-in-Darkness. Debuttando nei fumetti nel 1974 come avversario degli eroi Marvel tra cui Thor e il Dr. Strange, era un’entità lovecraftiana che si nutriva di paura. Nel film, ogni uccisione rende l’Abitante più forte, anche se per qualche ragione basta una freccia alla gola per disabilitare la temibile creatura. Bel colpo Katy!

Per fortuna, Shang-Chi non annega, perché un drago sembra aiutarlo. La mamma di Shang-Chi occasionalmente ha detto che la magia del villaggio è collegata a un drago e si scopre che questa non è una metafora: il drago è reale, vive nel lago e vola felicemente in giro con Shang-Chi sulla schiena. Non è molto chiaro se Shang-Chi stia controllando il drago o stia semplicemente resistendo per la vita, ma la loro collaborazione sembra essere un simbolo della nuova connessione di Shang-Chi con la natura.

Quando non sta pilotando draghi, il conflitto nell’anima di Shang-Chi è simboleggiato sullo schermo dai diversi stili di combattimento usati dal personaggio. Shang-Chi è stato addestrato come un brutale assassino da suo padre Wenwu, il cui stile di combattimento contundente simboleggia una brama di potere guidata dall’ego. È degno di nota il fatto che Wenwu tenti di aprire il cancello con un pugno violento, per esempio.

Ma all’arrivo a Ta-Lo, sia Wenwu che Shang-Chi vengono introdotti a uno stile più gentile e difensivo dalle donne che incontrano, uno stile che sembra più vicino alla danza. Questi eleganti movimenti circolari possono imbrigliare il vento, connettersi con gli elementi e generalmente essere più in armonia con la natura. Il contrasto si vede nel pugno chiuso contundente di Wenwu contro l’elegante mano aperta di Jiang Li.

La tensione tra il pugno chiuso e la mano aperta è una parte fondamentale del tai chi , del Baguazhang e di altre arti marziali, vista nel saluto del pugno chiuso quando si posiziona il palmo aperto sul pugno come saluto. Nel film, c’è un bel momento in cui Ying Nan apre delicatamente il pugno di Shang-Chi. Questo è un abile pezzo di narrazione visiva che non ha bisogno di essere spiegato eccessivamente nei dialoghi.

Shang-Chi e i Dieci Anelli

Quindi, anche se non è dichiarato esplicitamente, sembra che nel loro primo incontro lo stile elegante di Jiang Li abbia contrastato la brutalità di Wenwu perché la sua connessione con l’equilibrio della natura era più potente della sua avidità di conquista.

Questa è la lezione che Shang-Chi prende nel finale. Di fronte a suo padre, Shang-Chi deve scegliere tra la brutalità che suo padre gli ha insegnato o il percorso più gentile e naturale rappresentato da sua madre. Adottando lo stile elegante di sua madre, rifiutandosi persino di combattere, è in grado di contrastare l’attacco di suo padre proprio come ha fatto sua madre.

A quel punto, Shang-Chi è anche in grado di prendere il controllo dei decantati anelli che suo padre ha usato per prendere il potere nel corso dei secoli. Ancora una volta, non è spiegato esplicitamente perché ciò sia possibile. Non è nemmeno particolarmente chiaro quale scelta o cambiamento abbia fatto Shang-Chi che gli permetta di prendere il controllo degli anelli. L’MCU ha già attinto alla mitologia per presentare armi che rispondono al carattere del portatore, come il martello di Thor, anche se gli anelli hanno fatto gli ordini di Wenwu per millenni così chiaramente non sono un buon giudice del personaggio come Mjolnir.

Potrebbe essere una cosa in cui credere in te stesso come Luke Skywalker che si apre alla Forza in Star Wars. Ma il tema del film è l’identità conflittuale, quindi avrebbe senso che il potere di Shang-Chi sia radicato nella sua ritrovata accettazione delle sue radici cinesi, nel suo legame con la tradizione e la natura e nel rifiuto della brutalità di suo padre.

Quindi sembra che gli anelli rispondano alla ritrovata energia naturale e armoniosa di Shang-Chi piuttosto che al controllo della forza bruta di Wenwu. È probabile che si leghi in qualche modo all’origine degli anelli, una storia che i Vendicatori sono desiderosi di svelare nella scena dei titoli di coda.

Sfortunatamente per Shang-Chi, l’essenza di suo padre viene finalmente inghiottita dall’Abitante nelle tenebre. Ma una volta che Shang-Chi è in armonia con gli anelli e i poteri del drago del villaggio, è in grado di sconfiggere la creatura divoratrice di anime.

Quando il villaggio sarà al sicuro, non resta che rilasciare lanterne ad acqua in omaggio ai morti. Shang-Chi e Katy tornano a San Francisco, ma le loro avventure sono destinate a continuare: il mistico amico del dottor Strange Wong fa capolino attraverso un portale e li porta via per studiare i dieci anelli, portando alla scena dei titoli di coda che coinvolge Captain Marvel e Bruce Banner . Segue una scena post-crediti che suggerisce che anche se Shang-Chi ha i dieci anelli effettivi, Xialing ha dei piani per l’esercito ninja con lo stesso nome…

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial