giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeSpotifySpotify: gli artisti potranno promuovere i loro brani

Spotify: gli artisti potranno promuovere i loro brani

Spotify ha annunciato oggi che inizierà a testare un nuovo servizio che darà agli artisti più voce in capitolo sul modo in cui la loro musica viene scoperta sulla piattaforma Spotify. Al momento del lancio, il servizio consentirà ad artisti ed etichette di identificare la musica che è una priorità per loro, e Spotify aggiungerà quindi un segnale per aiutare la musica a emergere dai suoi algoritmi di personalizzazione.

L’idea è che se una traccia ha un buon rendimento grazie alla promozione, i titolari dei diritti vedrebbero un ROI complessivamente positivo man mano che la musica diventa più popolare e vede un aumento delle riproduzioni al di fuori delle aree in cui si applica la tariffa promozionale più bassa. Gli artisti possono anche disattivare le promozioni in qualsiasi momento se lo strumento non ha un vantaggio finanziario positivo.

Spotify non descrive in dettaglio l’entità della variazione del tasso di royalty per le promozioni, affermando che potrebbe essere regolata a seguito del test.

L’azienda sottolinea inoltre che con questo cambiamento terrà in considerazione l’interesse e il divertimento dell’ascoltatore. Spotify dice che se la musica funziona bene, continuerà a promuoverla. Ma se non lo fa, verrà ritirato.

Questo significa che gli utenti possono ascoltare una traccia promossa se ascoltano già quel genere o artista, ma anche se ci sono altri segnali che indicano che un utente potrebbe essere ricettivo alla musica. Ad esempio, gli utenti potrebbero imbattersi nella traccia promossa se la musica fosse acusticamente simile a ciò che già ascoltano. Potrebbe anche essere posizionato di fronte all’utente se ascolta artisti simili o se anche persone che hanno abitudini di ascolto simili ascoltano quella musica.

Sarà vero anche il contrario. Se coloro che condividono le abitudini di ascolto di un utente rispondono negativamente a una traccia promossa, magari saltandola in una sessione o scegliendo di riprodurre in streaming meno frequentemente dalla Radio, ad esempio, la musica potrebbe essere ritirata.

Questo ciclo di feedback degli utenti può influire rapidamente sulla misura in cui la traccia viene promossa, osserva inoltre, poiché i pool di suggerimenti per gli ascoltatori vengono aggiornati ogni 24 ore.

Al momento non esiste alcun limite al numero di brani che un artista o un’etichetta può promuovere contemporaneamente, né alcun limite al periodo di tempo della promozione.

Sebbene gli artisti possano promuovere brani di qualsiasi attualità, Spotify ritiene che l’obiettivo principale di questo strumento sarebbe la musica da catalogo. Ad esempio, se l’artista sta cercando di celebrare l’anniversario di un album o di approfittare di un “momento culturale”.

In altre parole, se un artista vede un improvviso successo virale per una traccia più vecchia, questo servizio potrebbe aiutare.

Spotify si fa strada da anni nel mercato del pay for play. Nel 2019, la società ha introdotto una nuova funzionalità che consente agli artisti di acquistare una raccomandazione a schermo intero per promuovere il loro nuovo album agli utenti che Spotify ha identificato come fan. Rolling Stone ha affermato che ogni clic su un annuncio costa 55 centesimi, citando documenti interni.

Sebbene la funzione fosse mirata agli utenti che sarebbero più propensi ad accogliere una tale notifica, è stata criticata come una nuova forma di payola, il che significa che le etichette che avevano più soldi da spendere avrebbero ottenuto il maggior numero di giocate.

Negli anni precedenti, Spotify era stato anche criticato per aver permesso a payola di infiltrarsi nelle sue playlist. E la società ha notoriamente fatto arrabbiare i suoi utenti nel 2018 con una promozione esagerata dell’album di Drake che ha posizionato l’album e l’immagine di Drake in sezioni dell’app come Sfoglia e Playlist e ha utilizzato l’immagine di Drake su playlist che non contenevano nemmeno la sua musica – come quelli con successi dance, pop e altro ancora.

Questo nuovo servizio, d’altra parte, mira a contrastare alcuni dei problemi con promozioni passate, in quanto favorirebbe il push delle tracce a utenti già ricettivi – e lo farebbe in un modo meno esagerato rispetto al pop-up annunci o promozioni globali in mare.

Spotify ha testato la tecnologia prima d’ora con un piccolo numero di partner, ma afferma che ora inizierà a lanciare il test e il tasso promosso negli Stati Uniti

Durante il periodo di prova, funzionerà con una piccola manciata di etichette, comprese sia indie che major, per ottenere una varietà di feedback. Spotify afferma che la funzione si espanderà a livello globale in futuro.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial