sabato, Marzo 2, 2024

Spotify licenzia oltre 1.000 dipendenti

Il CEO di Spotify, Daniel Ek annunciato oggi che l’azienda sta licenziando il 17% dei dipendenti, il che equivale a più di 1.000 persone. Spotify deve ridurre i costi nel tentativo di ridurre il divario tra i costi operativi attuali e lo stato degli obiettivi finanziari.

Negli ultimi due anni, abbiamo posto un’enfasi significativa sulla trasformazione di Spotify in un business davvero eccezionale e sostenibile, progettato per raggiungere il nostro obiettivo di diventare l’azienda audio leader a livello mondiale e che guiderà costantemente la redditività e la crescita nel futuro. Anche se abbiamo fatto passi da gigante, come ho detto molte volte, abbiamo ancora del lavoro da fare. La crescita economica ha rallentato drasticamente e il capitale è diventato più costoso. Spotify non fa eccezione a queste realtà.

Ciò mi porta a una decisione che significherà un cambiamento significativo per la nostra azienda. Per allineare Spotify ai nostri obiettivi futuri e assicurarci di avere le dimensioni giuste per le sfide future, ho preso la difficile decisione di ridurre il nostro organico totale di circa il 17% in tutta l’azienda.

Secondo Ek, Spotify ha assunto troppi dipendenti nel 2020 e nel 2021 e, sebbene ciò abbia portato ad un aumento della produzione e alla crescita dell’azienda, ha anche reso Spotify meno efficiente e aumentato i costi operativi. Spotify ha troppe persone “dedite a supportare il lavoro” e “a lavorare attorno al lavoro” piuttosto che “contribuire a opportunità con un impatto reale”.

I dipendenti di Spotify interessati dai licenziamenti verranno informati entro martedì 5 dicembre. La liquidazione si baserà sui requisiti di permanenza in carica e sul periodo di preavviso locale, con i dipendenti che riceveranno una media di cinque mesi di licenziamento.

Guardando al futuro, Ek afferma che Spotify deve essere “incessantemente pieno di risorse” nel modo in cui Opera perché “essere snelli non è solo un’opzione ma una necessità”. I tagli consentiranno all’azienda di “costruire uno Spotify ancora più forte” nel 2024.

Nel terzo trimestre del 2023, Spotify ha incassato 3,6 miliardi di dollari, rispetto ai 3,2 miliardi di dollari del trimestre di un anno fa. Spotify ha anche aggiunto 23 milioni di utenti attivi mensili e sei milioni di abbonati paganti, portando al suo primo trimestre redditizio nel 2023. Il profitto, tuttavia, è stato solo dell’1%.

Spotify è il principale concorrente di Apple Music e l’azienda protesta da tempo contro le commissioni che Apple riscuote attraverso il suo App Store. Il CEO di Spotify, Daniel Ek, quest’anno ha esortato i legislatori del Regno Unito ad adottare un disegno di legge che regolerebbe la concorrenza nei mercati digitali e impedirebbe ad Apple di offrire una piattaforma mentre contemporaneamente compete su quella piattaforma.

Il litigio più recente tra Apple e Spotify è avvenuto alla fine del 2022, quando Apple ha rifiutato un aggiornamento dell’app Spotify che aggiungeva il supporto per gli audiolibri. Spotify ha tentato di indirizzare i clienti ad acquistare libri online da ascoltare nell’app, cosa che Apple ha protestato. Alla fine Spotify è stata costretta a rimuovere tutte le informazioni in-app su come acquistare un audiolibro dal sito Web di Spotify per ottenere l’approvazione dell’app.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: