giovedì, Giugno 20, 2024

Switch off DVB-T2: la nuova data e le prospettive future – In Italia niente cambiato dal 10 gennaio 2024

Nuova data per lo switch off DVB-T2: 1° settembre 2024

Come sappiamo, alla data del 10 gennaio 2024 nulla è cambiato in Italia per ciò che riguarda il Digitale Terrestre. Il Ministero aveva chiesto a Rai di migrare, entro tale data, almeno un MUX su DVB-T2, dando così di fatto il via al passaggio al digitale terrestre di seconda generazione.

In realtà, nulla è successo e a questo punto il futuro del DVB-T2 nel nostro Paese appare sempre più incerto. Mentre, nel momento in cui scriviamo, il sito “Nuova TV digitale” gestito dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy risulta ancora, incredibilmente, “in aggiornamento”, si apprende che il nuovo Contratto di Servizio Rai contiene alcune indicazioni piuttosto chiare sulla data di switch off DVB-T2.

LO SWITCH OFF DVB-T2 IL 1° SETTEMBRE È UN IMPEGNO

La principale differenza rispetto alle date per lo switch off circolate in passato, è che questa volta Rai si assume l’impegno di concludere la migrazione di uno dei suoi MUX verso DVB-T2 entro il prossimo 1° settembre. Il passaggio a DVB-T2 per gli altri MUX seguirà invece un calendario concordato con il Ministero, del quale al momento non c’è traccia.

Verificheremo nelle settimane a venire se alla nuova scadenza saranno assegnati o meno tutti i crismi dell’ufficialità. Nel frattempo, però, sembra quanto meno inopportuno che la migrazione verso DVB-T2 possa essere ulteriormente procastinata.

Complice anche la cessione delle frequenze sui 700 MHz agli operatori che offrono servizi di connettività 5G, la qualità dei flussi audiovisivi è caduta verticalmente sul digitale terrestre: meno larghezza di banda impone l’utilizzo di livelli di compressione più spinti e bitrate più contenuti, almeno sui canali “secondari” dei network televisivi più noti.

LA BUONA NOTIZIA: ANCHE RAI GUARDA A DVB-I E 5G BROADCAST

In attesa dell’arrivo del nuovo bollino per le Smart TV compatibili DVB-I, il Contratto di Servizio Rai “certifica” l’interesse della società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiofonico e televisivo per questo standard che, in futuro, potrebbe cambiare radicalmente le modalità di fruizione del servizio televisivo.

Abbiamo già visto cos’è DVB-I e come funziona: lo standard, approvato anche da ETSI, consente la distribuzione di contenuti televisivi attraverso Internet. E ciò anche in maniera completamente svincolata rispetto al collegamento dell’antenna.

DVB-I fa ampio uso di standard aperti per garantire l’interoperabilità e facilitare l’implementazione da parte di diversi fornitori e servizi. Mira a semplificare l’accesso e la navigazione dei contenuti televisivi attraverso interfacce utente intuitive e uniformi, fa ampio uso di metadati per migliorare la scoperta dei contenuti e per personalizzare l’esperienza dell’utente.

Servendosi di una connessione Internet a banda larga o ultralarga, quindi, i possessori di dispositivi compatibili DVB-I potranno accedere a contenuti live e on-demand. Alla massima qualità possibile offerta dal broadcaster (le trasmissioni avvengono tipicamente in multicast) e dalla propria connessione Internet (banda di rete disponibile).

Allo stesso tempo, Rai si dichiara intenzionata a sperimentare anche la Tecnologia 5G Broadcast, con particolare riguardo alla copertura di aree metropolitane ad alto traffico IP. In altre parole, Rai si servirà di apposite frequenze UHF dedicate (assegnate dal Ministero, anche su base temporanea) per diffondere il segnale TV usando la connettività 5G. I dispositivi client non dovranno neppure essere dotati di scheda SIM.

Queste nuove tecnologie e gli imminenti cambiamenti nel panorama televisivo pongono delle basi solide per un futuro sempre più orientato al digitale, dove l’esperienza dell’utente è al centro dell’attenzione.

In conclusione, la nuova data del 1° settembre 2024 rappresenta un impegno concreto per la migrazione verso il DVB-T2 in Italia. Mentre il passaggio a DVB-I e l’utilizzo della connettività 5G per la trasmissione televisiva rappresentano una prospettiva interessante e innovativa che potrebbe rivoluzionare l’intero settore. Resta da vedere come queste tecnologie si evolveranno e come influenzeranno la fruizione dei contenuti televisivi da parte degli utenti.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: