HomeCinema"The Batman": tutte le domande rimaste senza risposta

“The Batman”: tutte le domande rimaste senza risposta

Il reboot di The Batman recentemente rilasciato è condito da molti sottili riferimenti ai fumetti DC. Mentre il regista Matt Reeves si è rivolto ad alcuni – come chi è il “prigioniero sconosciuto di Arkham” negli ultimi minuti del film – molte domande sulla sua versione della storia del supereroe e sul mondo immaginario che ha creato devono ancora essere risolte.

Molte di queste domande sono domande ovvie che gli spettatori avranno una volta che avranno finito di guardare il film, ma alcune saranno il risultato di rimanere intrappolati nella rete deliziosamente complessa di possibilità che Reeves ha creato in The Batman. 

Nel caso in cui tu stia ancora resistendo a guardare l’ultima pubblicazione DCEU , ecco l’ultimo avviso che questo articolo conterrà spoiler per The Batman.

Perché Bruce si incolpa per la morte dei suoi genitori?

Il Batman Robert Pattinson

Nei film Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan , il Bruce di Christian Bale era pieno di sensi di colpa per la morte dei suoi genitori. Un giovane Bruce era stato spaventato dagli attori in maschera durante un’opera e aveva infastidito i suoi genitori affinché se ne andassero, dopodiché si sono imbattuti nel rapinatore Joe Chill che ha finito per uccidere Thomas e Martha Wayne. In questo caso, è comprensibile il motivo per cui Bruce si incolpa per la loro morte. Se non li avesse spinti ad andarsene, i suoi genitori non avrebbero mai avuto lo sfortunato incontro con Chill.

Ma anche in The Batman, Bruce Wayne di Robert Pattinson si ritiene responsabile della morte dei suoi genitori, qualcosa che dice ad alta voce mentre fa visita ad Alfred in ospedale. È semplicemente perché è colpevole di vivere mentre i suoi genitori non lo facevano o faceva anche inavvertitamente parte della catena di eventi che hanno portato alla morte dei Wayne? Anche se The Batman esplora l’inizio della crociata di Bruce come salvatore di Gotham, abbiamo poco in termini di retroscena, il che dà solo origine a più misteri come…

Chi ha ucciso Thomas e Martha Wayne?

Carmine Falcone in The Batman

Anche Batman non fornisce mai una risposta concreta a questa domanda. Dopo che l’Enigmista ha rivelato che Thomas Wayne aveva ingaggiato Carmine Falcone per uccidere un giornalista che aveva portato alla luce l’oscuro passato di Martha, Bruce affronta lui stesso il mafioso. Quest’ultimo va d’accordo con la storia e dice che il giornalista è stato assunto dal mafioso rivale Salvatore Maroni che ha reagito facendo uccidere i Wayne.

Ma quando Bruce pone la stessa domanda di fronte all’infortunato Alfred, intraprende un senso di colpa tutto suo, lamentandosi di non aver potuto proteggere i Wayne (era il loro maggiordomo o guardia del corpo?). Rivela come Thomas Wayne si fosse sforzato di proteggere Martha e si fosse rivolto a Falcone in un momento di debolezza. Ma non ha mai voluto che il giornalista venisse ucciso, solo abbastanza spaventato da fermare la sua indagine. Falcone lo uccise deliberatamente per assicurarsi che potesse appenderlo come una spada sopra la testa di Thomas, che si rifiutò di inchinarsi e minacciò di denunciare lo stesso alla polizia.

Ma nemmeno Alfred non è sicuro se Falcone abbia fatto uccidere i genitori di Bruce e, come vuole il destino, il mafioso muore alla fine del film senza mettere a tacere le teorie con una risposta. Chi è responsabile della morte di Thomas e Martha Wayne: Falcone o Maroni? Dopotutto, non c’è un Joe Chill nella Gotham di Reeves… o c’è?

Chi era l’uomo che Bruce ha incontrato al funerale del sindaco Mitchell?

Bruce Wayne il Batman

Nei fumetti DC, Thomas e Martha Wayne sono stati uccisi da un piccolo rapinatore casuale chiamato Joe Chill. Mentre The Batman organizza diverse cospirazioni dietro la morte dei genitori di Bruce, sembra anche prendere in giro la possibilità che un Joe Chill esista nell’universo DC di Reeves.

Nella scena in cui Bruce partecipa al funerale del sindaco Mitchell, si imbatte in un vecchio dall’aspetto arruffato che è impegnato a borbottare come il sindaco fosse un uomo corrotto che meritava la sua morte prematura. Ma nel momento in cui nota Bruce, il suo comportamento cambia ed esclama: “Ehi, non ti conosco?” Mentre Bruce si allontana con il futuro sindaco Bella Real, l’uomo sembra finalmente riconoscerlo e si scioglie di nuovo nella folla.

Sembra troppo casuale dire che Reeves abbia semplicemente inserito questa scena per mostrare un comune scagnozzo che ha avuto la sfortuna di incontrare Batman e in seguito lo ha riconosciuto senza il suo cappuccio. È molto probabile che l’uomo che fissa Bruce con uno sguardo nascente negli occhi non sia altri che Joe Chill, che sta ricordando il bambino di fronte al quale ha ucciso i suoi genitori.

Perché il nome Edward Ellicott?

Silenzio in The Batman

Attraverso l’Enigmista, viene rivelato che il giornalista, che dava la caccia alla famiglia Wayne, si chiamava Edward Elliot. Lo segue con un montaggio della presunta storia corrotta di Thomas Wayne e durante una delle sequenze, schizza la parola “Hush” in lettere maiuscole sull’inquadratura in un momento di battito di ciglia.

Ora, Reeves avrebbe potuto scegliere qualsiasi altro nome, ma ha scelto il cognome Elliot, che ha una storia oscura in DC. Nel fumetto, un giovane Bruce aveva un amico di nome Thomas Elliot, anche lui nato in una famiglia benestante come lui. Ma a differenza di Bruce, Thomas si risentì dei suoi genitori e tentò persino di ucciderli, provocando la morte di suo padre mentre sua madre fu salvata da Thomas Wayne.

Il suo odio già esistente per i Wayne è aumentato di dieci volte quando ha visto Bruce vivere una vita di libertà e benessere dopo la morte dei suoi genitori mentre era ancora costretto a rispettare le regole di sua madre. Mentre la sua storia di vita è un argomento per un altro articolo un giorno, la parte interessante è che cresce fino a diventare il supercriminale che Hush Reeves ha preso in giro così sottilmente in The Batman. 

Quindi, dare al giornalista il cognome Elliot significa che è in qualche modo collegato a Thomas Elliot? Forse invece della gelosia infantile nei confronti di Bruce, sarà la presunta morte di un fratello maggiore o forse di suo padre (ovvero Edward Elliot) per ordine di Thomas Wayne a spingerlo a diventare un supercriminale e prendere di mira Batman?

Con cosa si è iniettato Bruce mentre combatteva i seguaci dell’Enigmista?

l'enigmista di Batman

Verso la fine della seconda metà del film, Batman viene colpito a bruciapelo da un colpo di fucile e rimane incapace, incapace di fare nulla anche quando vede un imitatore dell’Enigmista che sta per uccidere Selina Kyle. Quindi raccoglie abbastanza forza per alzarsi e iniettarsi un liquido verde brillante che non solo lo fa rivivere, ma lo riempie di una forza maniacale e aggressiva, dopo la quale quasi prende a pugni lo scagnozzo a morte.

Mentre il liquido potrebbe facilmente essere adrenalina, vedendo il suo colore verde brillante e quanto ha reso Bruce sconvolto, sembra più il Venom che il malvagio Bane ha usato per acquisire la sua forza sovrumana. Ma finora, Reeves non ha confermato o negato la possibilità.

Come è finito ad Arkham il nuovo “amico” dell’Enigmista?

Mentre la risata sinistra di Barry Keoghan nel finale di The Batman ha lasciato pochi dubbi sul fatto che si sia unito al DCEU come l’ultima versione del Joker, sia l’attore che Reeves hanno da allora confermato qualsiasi dubbio persistente assicurando che si tratti davvero del Clown Prince of Crime . Con la domanda sulla sua identità risolta, il vero mistero ora è come è finito il Joker ad Arkham?

Dall’uscita del film, Reeves ha spesso preso in giro che il suo cattivo DC deve ancora diventare il Joker , alias la nemesi giurata di Batman. Ciò significa che deve ancora commettere tutti i suoi crimini atroci futuri, quindi cosa ha fatto di abbastanza pericoloso da meritare l’attenzione del Cavaliere Oscuro, che apparentemente “ha piovuto durante la sua parata?” Se non assomiglia per niente al criminale psicotico che un giorno diventerà, perché ha ottenuto un biglietto diretto per una cella ad Arkham?

Anche se questo sta a malapena scalzando la superficie di tutti i misteri che The Batman ha lasciato irrisolti, per fortuna Warner Bros. e Matt Reeves sono impegnati a espandere la loro versione dell’universo DC e non solo include futuri sequel, ma lascia anche spazio a serie TV spin-off come Il pinguino su HBO Max . Tutto quello che possiamo fare è essere pazienti e attendere annunci ufficiali (o fughe di notizie leggibili) per sbloccare le risposte ai tanti segreti lasciati sulla scia di The Batman .

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial