mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeMetaversoTrascorrere del tempo in realtà virtuale può avere conseguenze nel mondo reale

Trascorrere del tempo in realtà virtuale può avere conseguenze nel mondo reale

La realtà virtuale (VR) sta diventando sempre più diffusa. Le vendite di cuffie aumentano ogni anno mentre il mondo degli affari, della ricerca e dell’intrattenimento continua a esplorare ciò che il mezzo può offrire. Sfortunatamente, potrebbero esserci momenti in cui l’auricolare si stacca, ma pezzi del mondo virtuale continuano a persistere.

Questo può variare da lesioni fisiche reali che hai raccolto mentre combatti contro avversari virtuali, a effetti strani, inizialmente preoccupanti, sul tuo cervello. Allora, cosa potrebbe succedere? È pericoloso? E c’è qualcosa che puoi fare per evitarlo? Diamo un’occhiata ad alcuni modi in cui la realtà virtuale può influenzare i suoi utenti sia fisicamente che mentalmente.

Il lato fisico

Uomo in un auricolare VR in posa con il braccio fuori.

La realtà virtuale può essere davvero pericolosa. Così pericoloso, infatti,  c’è un intero subreddit , giustamente chiamato VR to ER, dedicato alla catalogazione dei vari incontri che le mani, gli arti o le teste degli utenti VR hanno avuto con le pareti e i mobili.

Se lo riduci, gli utenti VR si stanno essenzialmente bendando gli occhi e agitandosi selvaggiamente. Gli incidenti sono destinati a succedere. Ho uno spazio di gioco abbastanza generoso, circa 7 piedi per 10 piedi se contate il po’ di spazio per le braccia sopra il divano che mi sono dato. E ho colpito muri, scrivanie e quello stesso divano più volte di quante ne possa contare.

Il più delle volte, però, si tratta solo di piccoli lividi o di una serie di nocche consumate. La cosa peggiore che ho avuto è stata una frattura al metacarpo, il risultato di un cross destro che, oltre a trovare il naso del mio avversario, ha trovato anche il telaio della porta del mio soggiorno. Ho terminato il combattimento con la mano sinistra, ho chiesto a mia moglie di accompagnarmi in cure urgenti e ho trascorso alcune settimane in una stecca. Tutto sommato, un infortunio non così grave e per nulla raro . Altre persone non sono così fortunate e hanno finito per cadere; una lesione alla mano sarà sempre preferibile a una lesione alla testa.

Se ti interessano le cose fisiche che hai nel mondo reale, probabilmente dovresti tenerle lontane anche dall’area di gioco. O potresti finire come questo povero ragazzo che è andato faccia a faccia attraverso una TV. Anche ferire altre persone è una possibilità, quindi assicurati di far sapere a tutti quelli con cui vivi che ti agiterai per una stanza con gli occhi bendati; nessuno vuole prendere la nonna con un fabbricatore di fieno o far cadere un bambino piccolo con un gancio sinistro .

E, naturalmente, ci sono i vari dolori che otterrai dall’essere fisicamente attivi. A seconda delle tue condizioni fisiche: la schiena e i piedi potrebbero farti male per essere stati alzati per lunghi tratti e il collo potrebbe farti male legando una scatola da 2 libbre sulla parte anteriore del viso.

Anche se sei in buona forma fisica, potresti comunque avere dei dolori a causa dell’uso di muscoli che normalmente non usi. Uno dei muscoli del mio avambraccio destro fa male a causa di uno strano movimento che un gioco mi ha fatto ripetutamente fare, e i giochi che richiedono che tu ti accovacci fisicamente mentre ti muovi furtivamente sono un inferno sulle tue cosce.

Il lato mentale

Dopo le immagini di persone VR sovrapposte in un ambiente di vita reale

È qui che le cose iniziano a diventare strane. L’effetto della porta sullo schermo VR è un risultato abbastanza ben documentato dell’attuale risoluzione dell’hardware. Poiché le versioni ingrandite dello schermo di un auricolare sono così vicine all’occhio del giocatore, il giocatore può vedere i piccoli spazi tra i pixel dell’auricolare, il che dà l’effetto di guardare il mondo attraverso una porta sullo schermo.

Più qualcuno suona e più si immerge, meno evidente è l’effetto. Fondamentalmente, una rete quasi invisibile sullo schermo è l’ultima delle preoccupazioni di qualcuno quando una parte primordiale del suo cervello pensa davvero che gli zombi stiano cercando di rosicchiarsi la faccia. Il che rende ancora più strano che questo effetto possa seguirti nel mondo reale.

Mi è successo abbastanza presto nei miei dilettanti con la realtà virtuale e da allora non è più successo. Questo si trova a metà strada tra l’effetto dell’immagine residua e la palinopsia totale , poiché a volte mi capitava di essere “schermato” o “grigliato” poche ore dopo aver giocato. Di solito mentre ti rilassi sul divano o sul letto e non ti concentri su nulla.

Allo stesso modo, sia la “Guardian Grid” di Oculus, una rete blu che si apre se ti avvicini troppo al bordo dell’area di gioco definita, sia l’effetto di visione a tunnel che alcuni giochi aggiungono per ridurre la cinetosi mi hanno seguito fino a Il mondo reale.

Un po’ più preoccupanti sono le volte in cui il mio cervello ha completamente dimenticato che ero tornato nel mondo reale. C’è stato un momento in cui ho preso una pausa da una sessione di realtà virtuale e sono andato a parlare con mia moglie nell’altra stanza. Quando sono andato via, mi ci sono voluti un paio di secondi per ricordare che dovevo muovermi con le gambe e non con una levetta. Il mio pollice si mosse persino nella direzione in cui volevo andare una o due volte. Ironia della sorte, questo è lo specchio opposto di uno dei miei precedenti incidenti VR in cui mi sono mosso con le gambe e non con una levetta e ho finito per inciampare su un comodino.

A quanto pare, non sono l’unico che ha provato a usare i controlli VR nel mondo reale. Altri utenti hanno provato a tagliare i recinti , hanno tentato di teletrasportarsi per brevi distanze e hanno dimenticato che non possono usare la telecinesi nella vita reale .

Tutto questo può essere attribuito all’effetto Tetris . Fondamentalmente, se dedichi molte capacità intellettuali a qualcosa, quella cosa si imprimerà nel tuo cervello. Come tante sciocchezze, potrebbe anche essere dovuto alla vecchia stanchezza.

Forse un po’ più piacevole è uno strano effetto fluttuante che provi mentre ti sdrai e chiudi gli occhi dopo una sessione VR. Alcune persone provano una sensazione di movimento simile mentre si alzano in piedi con gli occhi aperti , il che potrebbe essere un’esperienza meno piacevole.

Ci sono anche segnalazioni di persone che non si sentono come se le loro mani reali fossero reali dopo una sessione di realtà virtuale. Questo è un esempio dell’illusione del trasferimento del corpo, qualcosa che potresti aver sperimentato al di fuori della realtà virtuale se hai mai visitato un museo della scienza con una mostra di illusione della mano di gomma.

Quindi, vale la pena preoccuparsi?

Un auricolare VR nero su sfondo nero.

Le lesioni alla testa sono sempre qualcosa di cui preoccuparsi, quindi fai attenzione. Molte lesioni fisiche possono probabilmente essere prevenute giocando con attenzione e assicurandoti di avere uno spazio adeguato. Il problema è che la realtà virtuale è così coinvolgente che la parte attenta può facilmente uscire dalla finestra. Da qui i video di persone che volano testate su TV, alberi di Natale e muri . Cose minori come le nocche consumate guariscono. I dolori scompaiono e il tuo corpo tende ad adattarsi alle circostanze, quindi i pezzi doloranti probabilmente diventeranno più forti e più adatti a lunghe sessioni di VR.

Con alcune cose come l’impatto della VR sulla vista, non lo sappiamo davvero. Sono in corso studi, in particolare per quanto riguarda l’impatto della realtà virtuale sui bambini, quindi per il momento vale la pena attenersi alle raccomandazioni sui limiti di età dei produttori di cuffie.

Altri effetti collaterali non sono così preoccupanti. Gli effetti della cinetosi passano abbastanza rapidamente una volta che smetti di fare la cosa che ti ha fatto ammalare, in questo caso la realtà virtuale. Sintomi come vedere l’effetto porta sullo schermo nella vita reale o quella sensazione fluttuante quando chiudi gli occhi tendono a scomparire una volta che il tuo cervello si raddrizza. Per esperienza personale e da tutti gli account che riesco a trovare, ti abitui alla realtà virtuale dopo un paio di settimane. Se fai una lunga pausa, alcuni degli effetti potrebbero ripresentarsi fino a quando non ti riaggiusti. Quindi, per riassumere: puoi farti davvero male in VR, ma fai attenzione e dovresti stare bene.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial