lunedì, Novembre 28, 2022
HomeNotizieTumblr consente di nuovo la nudità dopo 4 anni di divieto

Tumblr consente di nuovo la nudità dopo 4 anni di divieto

Internet è un sito dove puoi trovare di tutto, e quando lo diciamo significa che non c’è un limite chiaro al contenuto di tutti i siti che sono registrati. Certo, puoi trovare portali con tutte le informazioni di cui hai bisogno su un argomento di tuo interesse, ma ce ne sono altri il cui interno è pieno di dati che potrebbero non essere adatti a tutti i tipi di pubblico. Ecco perché molte pagine hanno dovuto modificare i loro termini come farà presto Tumblr ammettendo di nuovo la nudità.

Tumblr consentirà di nuovo la nudità dopo 4 anni di divieto

È un fatto che i nudi non sono interpretati da tutte le persone allo stesso modo. È anche vero che devi capire il contesto, chi lo fa o anche il motivo per cui l’utente li cerca. Ed è che attorno a queste domande ruota il dibattito continuo sull’opportunità o meno di ammettere la nudità in un social network in cui ci sono utenti che non hanno la maturità necessaria per interpretarli perché non adatti alla loro età.

Certo, ci sono state campagne che sono state schiette su questo tema, arrivando persino a censurare le fotografie come materiale esplicito di artisti con modelle che hanno posato senza o con abiti minimali, come è avvenuto con Instagram. Ma l’app Meta è rimasta nonostante tutte le critiche dei suoi utenti, tutto il contrario di quello che è successo a Tumblr.

La piattaforma incentrata sul microblogging ha fatto appello ai suoi utenti a dicembre 2018 in merito a un cambiamento nelle loro politiche di utilizzo in cui vietavano i contenuti NSFW (non sicuri per il lavoro o “non vederlo al lavoro”) in tutte le loro piste . Come accennato all’epoca, gli utenti si sono presto ribellati a tale decisione e questo è stato notato nelle visite. Stiamo parlando di un calo non inferiore al 30% per cento delle loro visite in un periodo di tre mesi in cui il porno e il capezzolo femminile sono stati completamente censurati.

Ma sembra che l’azienda stia apportando modifiche per recuperare il traffico perso. Si scopre che oggi ha aggiornato i suoi termini di utilizzo per la community dove sembra che l’azienda alzi la mano con i contenuti erotici. Dice quanto segue: ” Ora diamo il benvenuto a una più ampia gamma di espressioni, creatività e arte su Tumblr, inclusi contenuti che raffigurano la forma umana (sì, che include la forma umana nuda) . Quindi, anche se le tue creazioni contengono nudità, temi per adulti o temi sessuali, ora puoi condividerli su Tumblr utilizzando il tag della community appropriato”.

Nudo, sì. porno, no

E questa è la sfumatura che ha fatto anche l’azienda. La nudità ritorna su Tumblr se usi gli strumenti che ti offre per catalogarla correttamente, ma c’è un punto importante che il social network sottolinea. Ed è che ” Le rappresentazioni visive di atti sessualmente espliciti continuano a essere vietate su Tumblr”.

In sintesi: se vuoi caricare foto di nudo devi usare l’etichetta che ti mette la firma stessa, ma sono assolutamente vietati i contenuti espliciti così come le pubblicità di servizi erotici o, ovviamente, quelli che promuovono la pedofilia.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial