uber coronavirus

È un dato di fatto che il coronavirus sta causando il caos in tutto il mondo. Molti paesi hanno già adottato misure drastiche che riguardano non solo la chiusura dei centri educativi, ma anche aeroporti in cui i voli sono stati cancellati per prevenire la diffusione del virus.

Ciò ha colpito anche molte aziende e nel caso di Uber è persino arrivato a sospendere i conti dei suoi dipendenti.

Sospensione di 14 giorni per chi ha sintomi da coronavirus

Uber è una delle aziende attuali che si concentra sul trasporto di persone e merci. Le sue aree di intervento sono le città in cui gli utenti hanno bisogno di un servizio per spostarsi facilmente o addirittura ordinare cibo a casa in luoghi che in precedenza non avevano la possibilità di inviare i loro prodotti a coloro che li richiedevano. Tuttavia, molti utenti sono stati colpiti da covid-19 e la società vuole ridurre il più possibile la diffusione da parte loro.

Mentre i lavoratori che operano per l’azienda lo fanno con le loro auto e biciclette, l’impianto ha deciso di sospendere i conti dei suoi dipendenti con coronavirus. Il motivo è che coloro che rispondono alle chiamate da o verso l’ospedale possono essere infettati e, come misura preventiva, saranno sospesi fino a 14 giorni dopo la partenza per fornire i loro servizi .

Questo è ciò che dice l’azienda, affermando che “Lavorando con i medici, possiamo temporaneamente sospendere i conti dei conducenti o dei conducenti per confermare la loro esposizione a COVID-19 “.

uber virus

Sospensione di Uber applicabile a tutti

La decisione di sospendere i lavoratori Uber per 14 giorni può significare che molti perdono la loro principale fonte di reddito e tutti per esporsi al virus aiutando a trasportare potenziali pazienti. Tuttavia, l’impresa assisterà finanziariamente quei lavoratori durante il periodo in cui non vanno al lavoro. “Abbiamo già aiutato i conducenti in alcune aree interessate e stiamo lavorando per implementarlo rapidamente in tutto il mondo”.

La società non ha fornito maggiori dettagli su quanto sarà il compenso di cui parlano e se è applicabile a tutti coloro che lo hanno già contratto in condizioni simili. Non vi è dubbio che si tratta di una misura precauzionale che consentirà all’azienda di continuare il suo servizio mentre alcuni dei suoi dipendenti si stanno riprendendo da questo virus che sta rivoluzionando il mondo a causa della sua rapida espansione.