Per Chris e Charlie Brooks, trovare le password perse nei portafogli di criptovaluta richiede di capire come funzionano le menti dei loro clienti – e questo sforzo può aiutare i loro clienti a recuperare una fetta di ciò che la coppia stima sia di circa $ 4,7 miliardi di bitcoin recuperabili bloccati in portafogli bloccati.

“Abbiamo uno spettro davvero ampio di clienti. Abbiamo un cliente che è un minatore in fase iniziale di bitcoin che ha perso tutte le sue informazioni e sa di avere dei bitcoin da qualche parte … Abbiamo clienti a cui è stato detto nel 2017 di acquistare nel hype-bubble e hanno comprato $ 1.000 [valore] e stanno cercando qualcosa per coprire l’affitto” , ha detto a Insider Charlie, un programmatore di computer di 20 anni che si è unito a suo padre nella gestione di Crypto Asset Recovery con sede nel New Hampshire. videointervista.

“Uno dei nostri crack più recenti aveva circa $ 250.000”, in un portafoglio blockchain, ha detto Charlie, che si è laureato in informatica al college. Per ora ha messo da parte la scuola per lavorare in azienda. “Questa è una cosa che mi è sempre piaciuta. La seguirei insieme a mio padre… La caccia al tesoro online, mi è sembrata davvero una figata”.

Quasi il 40% di 1.000 proprietari di criptovalute statunitensi in un recente sondaggio di Cryptovantage ha affermato di aver perso le password del portafoglio e, in media, coloro che non sono riusciti a trovare le proprie password hanno perso $ 2.134.

LEGGI  ETH/USD sotto pressione a -3947: Analisi Tecnica del 5 Settembre 2021 ETH

Il punto di partenza della stima del duo di ciò che può essere recuperato è stata una stima di Chainalysis secondo cui fino al 20% di 18,5 milioni di bitcoin esistenti sembrano essere persi o bloccati in portafogli bloccati. Le cifre sono state citate a gennaio dal New York Times in una storia su un programmatore di San Francisco che non riusciva a trovare la password del disco rigido che conteneva i suoi 7.002 bitcoin. Dopo otto tentativi sbagliati, gliene restavano due per capire la password prima che la valuta virtuale andasse persa per sempre.

La figura di Chainalysis ha suscitato una domanda per i Brooks.

“Sì, quel bitcoin è andato perso, ma se il proprietario di quel bitcoin fosse motivato, quale percentuale di questi riteniamo ragionevole supporre possa essere recuperata?”, ha detto Chris, un programmatore di 50 anni che ha iniziato la sua attività in 2017 e, dopo un po’ di riorganizzazione, ha avviato le operazioni alla fine dell’anno scorso quando suo figlio è salito a bordo.

Il forum di Nakamoto

Per trovare un campione di bitcoin perso per la loro analisi, Chris ha detto che si sono rivolti a un thread su BitcoinTalk, un forum la cui creazione è attribuita all’inventore di bitcoin Satoshi Nakamoto. Un thread iniziato nel 2011 chiamato ” Sommiamo i bitcoin perduti KNOWN ” è pieno di post di persone con la quantità di bitcoin che hanno perso e come è successo. I Brooks hanno filtrato e impostato parametri sulle informazioni, come escludere perdite inferiori alla metà di un bitcoin, per fare una stima sulla popolazione campione dei bitcoin segnalati persi.

LEGGI  Il gigante finanziario giapponese SBI lancerà un fondo di criptovalute

I Brooks hanno ristretto il tutto a 72 post che descrivevano la perdita di almeno la metà di un bitcoin. Hanno determinato che il 14% sono casi potenzialmente recuperabili e che dal proprio lavoro di recupero dei portafogli per i clienti, possono decifrare circa il 35% delle password. Ciò ha portato alla conclusione che circa il 2,45% del bitcoin perso è recuperabile. Con un intervallo tra 68.110 e 92.855 bitcoin, ciò renderebbe recuperabili fino a $ 4,7 miliardi in bitcoin in base al prezzo dell’asset di circa $ 50.372 venerdì.

Buone ipotesi

“Otteniamo un elenco di password il più efficiente possibile da un cliente e poi ci mettiamo d’accordo e passiamo un po’ di tempo a estrapolare il modo in cui creano le loro password e cerchiamo di entrare nella loro mente quando stanno effettivamente creando una password,” disse Charlie. “Questa è la cosa più utile, solo vedere la loro pratica”, ha detto. “Questa è la pietra angolare della nostra attività, essenzialmente.”

Il duo eseguirà “centinaia di milioni o miliardi di varianti” di modelli di password e li testerà rispetto alla versione crittografata del portafoglio, ha affermato Chris.

“Se non hai una buona ipotesi [password], ci sono più password possibili di quanti atomi ci siano nell’universo, e non sto facendo il faceto quando lo dico”, ha detto Chris.

LEGGI  Che cos'è Decentraland e come è entrare per la prima volta nel metaverso?

I Brooks hanno affermato che i tempi di decrittazione variano, ma a volte possono richiedere fino a cinque secondi. È successo con un client il cui elenco di nove potenziali password conteneva quella corretta. Charlie ha detto che hanno lavorato per circa un mese e mezzo con il cliente che si è scoperto avere circa $ 250.000 nel portafoglio.

Le misure di sicurezza che adottano includono la firma di un contratto da parte dei clienti in cui si dichiara di essere il proprietario del portafoglio blockchain su cui si sta lavorando. I due vengono pagati su una scala decrescente. A partire da portafogli contenenti tra zero e 10 bitcoin, o un valore equivalente, il team guadagnerà una commissione del 20%. Non ci sono costi per i clienti se non possono recuperare i fondi.

Chris ha affermato che molti dei loro clienti vivono in paesi in cui le persone sono in gran parte prive di banche.

“Potrebbero avere un portafoglio con un paio di centinaia di dollari e questo è il loro risparmio di una vita. Se perdono la password, non possono più accedervi”, ha detto Chris. “In un certo senso, può essere un pezzo straziante del business… facciamo breccia in alcuni dei [portafogli]. È un atto di equilibrio per essere d’aiuto senza andare troppo nella tana del coniglio”.