HomeScienzaUn tesoro di 2.000 fossili è stato trovato nella foresta pluviale australiana

Un tesoro di 2.000 fossili è stato trovato nella foresta pluviale australiana

I paleontologi hanno scoperto un tesoro di circa 2.000 fossili straordinariamente ben conservati provenienti da un’antica foresta pluviale australiana, rivelando un ecosistema nel bel mezzo di un clima mutevole.

I ricercatori stavano scavando fossili giurassici nelle colline e nelle pianure del sud-est dell’Australia nel 2017, quando hanno ricevuto un suggerimento importante: un contadino locale ha detto loro di aver scoperto fossili sulla sua stessa terra nelle vicinanze.

Il contadino aveva ripulito e accatastato un enorme mucchio di pietre pesanti dal suo campo. Mentre è comune per gli australiani trovare foglie fossilizzate – e ce n’erano molte nelle rocce del contadino – mentre i ricercatori giravano le pietre, hanno anche trovato una serie di insetti rari.

Nei tre anni successivi, il campo del contadino, ora noto come McGraths Flat, ha prodotto fossili dettagliati di antichi ragni, cicale, vespe, mosche, pesci, fiori e persino una piuma di uccello.

Centinaia di queste specie preistoriche erano precedentemente sconosciute alla scienza e, insieme, dipingono il primo quadro chiaro della vita nelle foreste pluviali che un tempo ricoprivano l’Australia. Oggi ci sono solo vestigia di queste lussureggianti foreste lungo le coste orientali del continente.

insetto volante fossile con antenne ali impronta colorata su roccia rosso arancio

I nuovi fossili includono pesci con gli ultimi pasti ancora nello stomaco, insetti spolverati con granelli di polline dell’ultima pianta che hanno visitato e occhi e muscoli degli insetti conservati nei minimi dettagli.

In precedenza, in tutta l’Australia erano stati trovati solo quattro fossili di ragno. Al McGraths Flat, i paleontologi ne hanno già portato alla luce 13.

impronta fossile di ragno su roccia rosso arancio

 

“Non avremmo mai immaginato che i fossili sarebbero stati così ben conservati e che ci sarebbe stata una tale diversità di vita”, ha detto a Insider Matthew McCurry, paleontologo dell’Australian Museum e dell’Università del New South Wales. McCurry è uno dei leader dello scavo di McGraths Flat. I risultati del suo team sono stati pubblicati venerdì sulla rivista Science Advances.

“Come paleontologo, è abbastanza comune andare a lavorare sul campo e non trovare nulla”, ha aggiunto. “Ma in questo sito stiamo andando con una piccola squadra e riportiamo indietro centinaia di fossili ogni volta”.

I fossili si sono formati tra 11 e 16 milioni di anni fa, durante il Miocene, quando le foreste pluviali australiane si stavano prosciugando e si stavano trasformando nei deserti che oggi dominano il suo paesaggio. I fossili di McGraths Flat potrebbero rivelare come diversi gruppi di piante, insetti, pesci e altre creature hanno risposto al loro ambiente mutevole, contesto storico per il cambiamento climatico moderno.

Una foresta lussureggiante con acque ricche di ferro creava le condizioni perfette per fossili incontaminati

Quando le acque ricche di ferro scorrevano in un lago di lanca circa 15 milioni di anni fa, migliaia di creature ora sepolte a McGraths Flat rimasero intrappolate. Quando l’acqua ristagnava e i minerali di ferro cadevano sul fondo del lago, rinchiudevano insetti morti, foglie e pesci che vi affondavano.

“Quasi tutto ciò che è caduto in acqua è stato effettivamente preservato, quindi hai davvero una buona visione dello spettro delle cose che vivevano a McGraths Flat”, Michael Frese, microbiologo dell’Università di Canberra, che ha lavorato con McCurry per analizzare il fossili, ha detto a Insider.

immagine divisa a sinistra fossile di pesce lungo e sottile a destra ingrandito gli insetti all'interno dello stomaco del pesce

Un fossile di pesce (a sinistra) di McGraths Flat con insetti moscerini fantasma nello stomaco (a destra).Per gentile concessione di Matthew McCurry e Michael Frese

I dettagli conservati nella roccia di ferro alludono alla vita delle creature. Ad esempio, una pinna di pesce è stata fossilizzata con la larva parassita di una cozza d’acqua dolce attaccata ad essa. Il lago non era ospitale per le cozze, quindi il pesce deve aver raccolto il parassita a monte, quindi ha nuotato nel lago. Probabilmente è morto poco dopo, perché le larve di cozze rimangono attaccate al loro ospite solo per poche settimane, ha detto Frese.

immagine divisa pinna di pesce sinistra fossile parassita rosso circolare destro

Un parassita di larve di cozze (a destra) fossilizzato con la pinna di pesce a cui era attaccato (a sinistra).Per gentile concessione di Matthew McCurry e Michael Frese

“Il livello di conservazione dei fossili ci consente di dire cose sugli ecosistemi che altrimenti sarebbero davvero difficili da capire”, ha detto McCurry, aggiungendo: “Quelle interazioni tra le specie in particolare sono qualcosa che normalmente non avresti conservato affatto .”

I fossili rivelano una foresta pluviale in prosciugamento

fossili di fiori viola gialli impressi su roccia marrone rossastra
Fiori fossili di McGraths Flat.Michele Frese

Sebbene le creature nelle rocce piatte di McGraths vivessero chiaramente in una foresta pluviale, gran parte del polline fossilizzato proviene da piante del deserto. Ciò suggerisce che il sito fosse circondato da regioni aride e che il vento portasse il polline delle piante del clima secco al lago. La foresta pluviale cominciava a prosciugarsi.

“Siamo sull’orlo di un cambiamento climatico piuttosto drammatico in questo momento. E per capire e prevedere cosa sta succedendo, è probabilmente utile comprendere alcuni dei più recenti cambiamenti climatici passati”, ha detto Frese. “Il cambiamento climatico del Miocene e l’evento di estinzione del Miocene sono buoni da studiare, penso, perché la flora e la fauna nel Miocene sono abbastanza simili [a] quelle che abbiamo ora”.

immagini affiancate di due uomini con il cappello che tengono in mano rocce fossili

Matthew McCurry (a sinistra) e Michael Frese (a destra) con fossili nel sito di scavo di McGraths Flat.

Per comprendere meglio il cambiamento climatico del Miocene, i ricercatori dovranno trovare altri siti fossili come questo. Mentre continuano a scavare a McGraths Flat, il team di McCurry e Frese sta analizzando le rocce del sito per determinare come si è formato il lago di lanca e come è finito con le condizioni perfette per i fossili incontaminati.

Se decidono di decifrare il codice, potrebbero essere in grado di identificare siti simili in tutta l’Australia. Con una generosità di fossili provenienti da più siti come questo, i paleontologi hanno potuto scoprire quali specie si sono adattate ai cambiamenti climatici del Miocene, quali sono migrate per sopravvivere e quali si sono estinte.

Il team di McCurry e Frese ha già scoperto specie a McGraths Flat che non sono sopravvissute al prosciugamento della foresta pluviale. Catalogare le migrazioni e le estinzioni del Miocene potrebbe suggerire il futuro delle specie che affrontano il cambiamento climatico oggi.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial