HomeAppUna guida per principianti a Mastodon

Una guida per principianti a Mastodon

Mastodon è un nuovo tipo di social network con funzioni di microblogging che si sta diffondendo a macchia d’olio come la principale alternativa a Twitter. Scopriamo tutti i dettagli.

Twitter è iniziato come molti entusiasmanti progetti tecnologici. Ha inventato e poi offerto un servizio unico di “microblogging”, una sorta di feed RSS interattivo. Twitter come azienda era aperta a nuove idee e offriva molte funzionalità. A poco a poco è diventato un problema così importante nell’utilizzo del Web moderno che, presumibilmente, ha sentito il bisogno di riprendere tutto. Oggi, Twitter chiaramente non può supportare tutte le cose folli che le persone vogliono fare con esso e si è sbarazzato di molte delle funzionalità che offrivano una volta e sono spesso criticate per essere allo stesso tempo non moderate e troppo restrittive.

Poiché fa parte del Web moderno, le persone tendono a trattare Twitter come qualcosa di “noi”. C’è sicuramente un caso da sostenere che gli utenti anche di un sistema chiuso alla fine lo possiedano, almeno nella misura in cui perdere tutti gli utenti significherebbe essenzialmente terminare il servizio. Tuttavia resta il fatto che Twitter è un metodo di comunicazione closed source sul mezzo HTTP altrimenti aperto.

L’open source può risolvere questo dilemma tecnico e sociale?

GNU Social e Mastodon

GNU Social è un software di comunicazione sociale per comunicazioni pubbliche e private. È una piattaforma di microblogging in cui qualsiasi persona o gruppo di persone può gestire i propri nodi di comunicazione e anche collegare questi nodi tra loro per l’intercomunicazione. Risolve il problema della proprietà sia in senso letterale che emotivo: il codice, essendo open source (AGPL), è di proprietà di tutti e i nodi stessi sono così numerosi che gli utenti possono guardarsi intorno per trovare la community più adatta a loro, oppure avviare un nodo personale.

Ogni nodo, essendo eseguito e gestito in modo indipendente, può essere utilizzato come nodo privato, oppure può essere aperto ad altri utenti, può bloccare utenti o feed, oppure può accettare feed. Il controllo è veramente nelle mani degli utenti, eppure il risultato finale è un vero social network.

Mastodon è un’implementazione di GNU Social incentrata su un’interfaccia utente buona e pulita e una bassa barriera all’ingresso per il self-hosting.

E si sta diffondendo a macchia d’olio come la principale alternativa a Twitter.

La cosa migliore è che puoi collegare Mastodon e Twitter insieme per facilitare la transizione.

Come usare Mastodon

Parte del vantaggio di Mastodon è che non esiste un solo Mastodon. Il progetto stesso possiede e gestisce mastodon.social , ma questo è solo un nodo in una rete molto più ampia. Puoi unirti a qualsiasi istanza Mastodon che accetta nuovi utenti. C’è un elenco di istanze in esecuzione su instances.mastodon.xyz .

D’altra parte, se ti piace armeggiare sui server, sei anche libero di eseguire la tua istanza. Mastodon è open source, quindi (non sorprende) gli sviluppatori hanno contribuito in diversi modi per configurarlo. Puoi eseguirlo come pacchetto software sul tuo server o eseguirlo come immagine Docker o anche, sperimentalmente, come servizio Heroku.

La registrazione con un’istanza esistente è facile. Fornisci un indirizzo email funzionante per la verifica dell’account e imposta la password desiderata. Una volta verificato il tuo indirizzo e-mail, accedi come faresti con qualsiasi altro sito Web, utilizzando il tuo indirizzo e-mail come nome di accesso e password. Una volta effettuato l’accesso, puoi anche impostare l’autenticazione a due fattori.

Funzioni principali di Mastodon

L’interfaccia web predefinita di Mastodon è un po’ più complessa di Twitter, ma non più di, ad esempio, TweetDeck. Ci sono, ovviamente, altre interfacce che potresti usare con Mastodon, incluse app mobili o feed Atom personalizzati o app web personalizzate che utilizzano la ricca API di Mastodon. Dal momento che tutti iniziano con l’interfaccia utente web, tuttavia, è una buona cosa da guardare per abituarsi alle capacità di Mastodon.

mastodon_basic.jpg

Screenshot dell’interfaccia web di Mastodon. CC-0.

L’interfaccia utente Web è composta da quattro colonne. La colonna di sinistra è il tuo pannello di controllo principale. Soprattutto, contiene il tuo nome utente e avatar e un campo di testo in cui puoi inserire il tuo testo. In Mastodon, tutto ciò che pubblichi è chiamato “toot” (come nel clacson di un’auto o, forse, il suono prodotto dai mastodonti preistorici?).

La colonna di sinistra ha anche diverse schede in alto: Inizia, Sequenza temporale locale, Sequenza temporale federata, Preferenze e Disconnessione. Questo è praticamente tutto ciò che devi sapere per navigare nell’interfaccia. Ecco cosa fa ogni scheda:

Iniziare

La visualizzazione Inizia è la visualizzazione predefinita corrente. Riporta tutte le altre colonne alle visualizzazioni predefinite. Pensa a questo come al tuo pulsante Home.

Cronologia locale

La linea temporale locale contiene tutti i post di qualsiasi utente non bloccato e non disattivato sullo stesso server Mastodon. Questo è diverso da Twitter perché con Twitter non esiste un’istanza locale. Con Mastodon puoi formare comunità di utenti su un solo nodo.

Cronologia federata

La linea temporale federata è un feed di tutti i post pubblici che si verificano su tutti i nodi. Questa è la visualizzazione più simile a Twitter dell’attività di Mastodon perché scompone il concetto di nodi e mostra tutto ciò che accade sulla rete mondiale.

Preferenze

Gli utenti hanno diverse opzioni per interagire con altri utenti Mastodon e quelle impostazioni nel pannello Preferenze.

mastodon_pref.jpg

Preferenze del mastodon. CC-0.

Puoi impostare i tuoi post in modo che siano privati ​​o che vadano solo ai tuoi follower. Puoi anche configurare l’autenticazione a due fattori, modificare il tuo profilo, cambiare la tua password, aggiungere “app” in modo da poter interagire con Mastodon tramite la sua API, configurare le notifiche e-mail e altro ancora.

Frenesia alimentare

C’è molto da capire, ma il modo più semplice per iniziare è semplicemente fare clic sulla scheda Federated Timeline e guardare tutti gli utenti entusiasti di Mastodon che ti scambiano pensieri casuali nella quarta colonna.

mastodon_feed.jpg

Feed federato. CC-0.

Interagire con altri utenti è intuitivo. Puoi rispondere al suo post, puoi ripubblicare un post che ti piace, puoi seguire un utente in modo che i suoi post appaiano nel tuo feed personale, situato nella seconda colonna.

La terza colonna contiene le notifiche. Quando altri utenti interagiscono con te, lo vedrai nella terza colonna.

Per riassumere:

  • La colonna 1 è il tuo centro di comando.
  • La colonna 2 è il tuo feed personale.
  • La colonna 3 contiene le notifiche.
  • La colonna 4 mostra la sequenza temporale locale o federata.

Quello è Mastodon.

Mastodon su Twitter con Python3

Un social network dipende in egual modo sia dalla parte “social” che da quella “network”. Mastodon ha una sana rappresentazione di entrambi.

La tecnologia è stabile e robusta, quindi si collega molto bene e ha avuto importanti incrementi negli utenti da quando ha ottenuto una copertura mediatica di alto profilo. Tuttavia, è probabile che non tutti quelli che conosci su Twitter siano ancora migrati su Mastodon, quindi potresti voler visualizzare i tuoi post su Mastodon anche sul tuo feed Twitter. Non vuoi doverlo fare manualmente.

Puoi fare in modo che Mastodon e Twitter eseguano il cross-post con uno strumento chiamato MastodonToTwitter . È uno script Python 3 che interagisce con Twitter e Mastodon attraverso le rispettive API. Sul lato Twitter, ci vuole un po’ di configurazione, dal momento che consentire l’interazione con l’API di Twitter sul tuo account è opt-in.

Innanzitutto, devi iscriverti a dev.twitter.com per ottenere una chiave utente e un token di accesso, ognuno dei quali ti consente di utilizzare script esterni per controllare Twitter.

Dopo aver creato un account su dev.twitter.com, vai su Le mie app e fai clic sul pulsante Crea nuova app .

mastodon_app.jpg

Crea nuova app. CC-0.

La creazione di una nuova app non è così spaventosa come sembra. In questo contesto, l'”app” è in realtà solo un meccanismo per acquisire token di accesso. Assegna un nome alla tua app come preferisci, fornisci una descrizione falsa e un sito Web falso. Lascia vuoto il campo di richiamata.

mastodon_create.jpg

Puoi usare queste impostazioni, testualmente. CC-0.

Una volta creata la tua app, verrai indirizzato a una panoramica dell’app. Sebbene questo fornisca la tua chiave consumatore, hai bisogno di molti altri pezzi per abilitare l’accesso all’API. Fare clic sul collegamento Gestisci chiavi e token di accesso accanto alla riga Chiave utente (Chiave API).

mastodon_overview.jpg

Panoramica dell’app. CC-0.

Nella schermata Impostazioni applicazione, fare clic sul pulsante Crea il mio token di accesso . Questo genera i tuoi token di accesso e mostra tutte le informazioni di cui hai bisogno in un unico posto.

mastodon_keys.jpg

Tienilo segreto, tienilo al sicuro. CC-0.

Tieni queste chiavi al sicuro, perché consentono l’accesso al tuo account senza informazioni come nome utente e password. Non condividerli con altri, non prenderne screenshot e pubblicarli online.

Esecuzione di MastodonToTwitter.py

Per eseguire MastodonToTwitter, devi installare le sue dipendenze: pip3, python-twitter e Mastodon.py. Per ottenerli su Fedora o distribuzioni Linux simili:

sudo dnf install python3-pip
sudo python3 -m pip install twitter-python Mastodon.py

Quindi scarica MastodonToTwitter da GitHub.

$ git clone https://github.com/halcy/MastodonToTwitter.git MastodonToTwitter.clone

Cambia la directory in MastodonToTwitter.clone ed esegui lo script con Python3:

$ python3 ./MastodonToTwitter.py

Lo script ha una modalità di installazione di prima esecuzione che si avvia automaticamente se non trova i file di configurazione, quindi segui semplicemente le istruzioni.

Per Twitter, ci saranno quattro richieste: una per ogni chiave che hai ottenuto creando la tua app Twitter. Basta incollare i codici chiave, esattamente come Twitter li ha forniti.

Per Mastodon, avrai solo bisogno del tuo indirizzo email e password registrati.

Una volta superati tutti i passaggi di configurazione, MastodonToTwitter funziona in modo non interattivo, ascoltando in silenzio Twitter e Mastodon per qualsiasi attività. Pubblica qualcosa su Mastodon e vedrai che viene rilevato da MastodonToTwitter, quindi in circa 30 secondi viene visualizzato lo stesso post come post su Twitter. Lo stesso funziona al contrario.

Il modo in cui esegui MastodonToTwitter dipende da te. Sei libero di eseguire manualmente ogni volta che vuoi eseguire il cross-post, oppure puoi configurarlo come un lavoro cron in modo che venga eseguito ogni ora o due. Se sei un utente Twitter molto attivo, puoi persino eseguirlo come demone su un server (un server Raspberry Pi a bassa potenza è abbastanza facile da configurare) in modo che sincronizzi i tuoi account all’istante.

Unisciti alla federazione

Il futuro del web indipendente e libero è nella federazione: nodi indipendenti gestiti da persone reali con comunità reali e fidate, il tutto alimentando una fusione più ampia. Il progetto GNU, MediaGoblin, Mastodon, GNUnet e molti altri stanno lavorando per rendere tutto questo una realtà.

Invece di lamentarti di essere stato maltrattato dai tuoi sponsor aziendali di Internet, perché non unirti alla Federazione? Il capitano Kirk lo fece, e le cose andarono piuttosto bene per lui. Prova Mastodon!

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial