HomeScienzaUna seconda donna è guarita "naturalmente" dall'HIV senza medicine

Una seconda donna è guarita “naturalmente” dall’HIV senza medicine

Gli scienziati hanno identificato la seconda persona in assoluto a liberarsi dell’HIV senza cure mediche, secondo un articolo pubblicato lunedì negli Annals of Internal Medicine .

Alla paziente, una donna senza nome che vive in Argentina, è stato diagnosticato il virus dell’immunodeficienza umana nel 2013.

Dal 2017, un team internazionale di ricercatori ha studiato attentamente il DNA del paziente alla ricerca di tracce del virus. Hanno persino controllato la sua placenta dopo aver partorito nel marzo 2020, secondo STAT . Dopo aver sequenziato miliardi di cellule, gli scienziati hanno confermato che la donna è libera dall’HIV.

La medicina moderna ha permesso a molte persone di convivere con il virus sotto controllo, ma in genere richiedono una terapia antiretrovirale coerente per impedire la replicazione del virus.

Quattro persone nella storia sono state segnalate come “guarite” dall’HIV. Tuttavia, due di loro – il ” Paziente di Berlino ” e il ” Paziente di Londra ” sono stati curati dopo aver ricevuto trapianti di cellule staminali, una procedura rischiosa che gli scienziati hanno cercato di replicare con altri pazienti, senza successo.

Solo una volta gli scienziati hanno trovato un caso confermato di una persona che ha eliminato completamente il virus dal proprio sistema. Nel 2020, gli scienziati hanno condiviso un rapporto su Loreen Willenburg – o, il ” Paziente di San Francisco “, come l’hanno soprannominata i medici – che è stato il primo caso noto di cura sterilizzante senza intervento medico.

Willenburg e il paziente senza nome in Argentina sono conosciuti come “controllori d’élite”, un piccolo sottogruppo di pazienti con HIV il cui sistema immunitario sopprime naturalmente il virus.

Secondo STAT, la paziente argentina è conosciuta come “la paziente di Esperanza” perché proviene dalla città di Esperanza, che in spagnolo si traduce come “speranza”. Ha una figlia, che è senza HIV, e aspetta un secondo figlio dal suo compagno.

“Il solo pensiero che la mia condizione potrebbe aiutare a ottenere una cura per questo virus mi fa sentire una grande responsabilità e impegno a renderlo realtà”, ha detto il paziente a STAT.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial