HomeFacebookUna società chiamata Meta ha citato in giudizio Meta

Una società chiamata Meta ha citato in giudizio Meta

Una società chiamata Meta ha citato in giudizio il gigante tecnologico precedentemente noto come Facebook dopo che ha cambiato il suo nome in Meta.

La società – che è registrata come MetaX LLC, ma si chiama “Meta” nel suo marchio – ha intentato una causa in un tribunale di Manhattan martedì.

Secondo la causa, la società è stata fondata nel 2010, ha richiesto il marchio nel 2016 ed è stata registrata con successo nel 2020. Sviluppa tecnologie immersive tra cui VR e AR.

Facebook si è rinominato Meta nell’ottobre dello scorso anno e ha annunciato che avrebbe spostato l’attenzione sulle cosiddette tecnologie “metaverse”. Finora questo ha incluso le tecnologie VR e AR.

La causa sostiene che il rebranding di Meta combinato con la sua missione nel metaverso ha danneggiato l’attività di MetaX.

“Meta è stata schiacciata dalla condotta flagrante e illegale di Facebook”, ha affermato la società nella sua causa.

Il fondatore di MetaX Justin “JB” Bolognino ha dichiarato in una dichiarazione su Twitter che la società ha messo “sangue, sudore e lacrime” nella costruzione del suo marchio, che è stato “sequestrato” da Meta.

MetaX ha affermato che il rebranding aveva già creato confusione con i consumatori e che uno aveva chiesto se uno dei suoi prodotti fosse “una cosa di Facebook”.

La causa afferma anche che i loghi delle due società sono “concettualmente identici” poiché entrambi utilizzano forme simmetriche che ricordano la lettera “M”.

MetaX afferma che Facebook era a conoscenza della sua esistenza anni prima del suo rebranding in Meta, dicendo che nel 2017 Bolognino ha avuto uno scambio di e-mail con dipendenti senior di Facebook che avevano assistito a un’esperienza che aveva ospitato in un evento.

“Facebook e Bolognino si sono quindi impegnati in ulteriori discussioni sui prodotti e servizi di Meta, portando Facebook a sollecitare Meta a collaborare con Facebook su lavori futuri”, afferma la causa.

Aggiunge che le due società hanno lanciato un progetto congiunto che coinvolge realtà aumentata e intelligenza artificiale, ma non fornisce dettagli su quale fosse il progetto.

Secondo la causa, Bolognino ha scritto a Meta nel dicembre 2021 esprimendo la preoccupazione che il rebranding potesse danneggiare la sua attività.

In una lettera allegata alla causa come prova un dipendente di Meta ha risposto a Bolognino dicendo che le due società forniscono “beni e servizi drasticamente diversi”.

La causa afferma che MetaX ha trascorso otto mesi in corrispondenza con Facebook in “buona fede” e ha fornito al gigante della tecnologia documenti relativi ai suoi diritti sui marchi.

MetaX sta cercando un’ingiunzione per impedire a Meta di continuare a usare la parola “Meta” in relazione alla sua attività o servizi, nonché danni monetari. Non specifica quanti soldi sta cercando MetaX.

Meta non ha risposto immediatamente quando è stato contattato da Insider. Bolognino non ha risposto immediatamente quando è stato contattato da Insider al di fuori dell’orario di lavoro negli Stati Uniti.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial