HomeAmazonUomo investito da un furgone Amazon rimane paralizzato e fa causa Jeff...

Uomo investito da un furgone Amazon rimane paralizzato e fa causa Jeff Bezos

Un uomo rimasto paralizzato dopo una collisione con un furgone Amazon sta facendo causa alla società, sostenendo che il modo in cui monitora i conducenti , anche attraverso le telecamere installate nei furgoni, la rende responsabile dell’incidente, riporta Bloomberg.

Secondo il rapporto di Bloomberg, Ans Rana, 24 anni, è rimasta ferita in un incidente che ha coinvolto un furgone Amazon a marzo. Ha riportato gravi lesioni al cervello e al midollo spinale, ha riferito Bloomberg.

Amazon ha costantemente sostenuto di non essere ritenuta responsabile per gli arresti anomali che coinvolgono i conducenti Amazon perché non li impiega direttamente. Amazon fa molto affidamento su una rete di società di consegna a contratto più piccole chiamate Delivery Service Partners (DSP).

Ma in una causa intentata a giugno, l’avvocato di Rana ha sostenuto che la tecnologia di monitoraggio di Amazon “ha costretto i conducenti a correre al punto che non era sicuro”, ha riferito Bloomberg. Se i conducenti di Amazon rimangono indietro rispetto al programma di consegna “irrealistico” dell’azienda, ricevono messaggi di protesta da un dipendente di Amazon, ha affermato la causa, come riportato da Bloomberg.

La causa ha affermato che il furgone stava superando il limite di velocità al momento dell’impatto, ha riferito Bloomberg.

Amazon monitora i conducenti utilizzando una gamma di strumenti, tra cui un’app che li valuta in base alla loro guida e telecamere alimentate dall’intelligenza artificiale .

Sia i driver che i DSP si sono lamentati in passato della velocità con cui gli obiettivi di Amazon richiedono che funzionino.

Andrew Elmore, un professore di legge dell’Università di Miami, ha detto a Bloomberg che il caso riguardava “se Amazon è responsabile indirettamente come datore di lavoro a causa del controllo che ha sul conducente”. Amazon “aveva molto controllo e poteva essere ritenuta responsabile”, ha detto a Bloomberg.

Amazon non ha risposto immediatamente quando è stato contattato da Insider per un commento sulla causa di Rana. Un portavoce di Amazon ha detto a Bloomberg che la società è “impegnata per la sicurezza dei conducenti e delle comunità in cui consegniamo” e che collabora con i DSP per “fissare aspettative realistiche che non esercitino pressioni indebite su di loro o sui loro collaboratori di consegna”.

A settembre, i conducenti hanno detto che il monitoraggio a bordo dei furgoni non era sempre corretto e aveva penalizzato i conducenti per cose come l’ uso degli specchietti laterali e l’essere tagliati fuori da altre auto . Amazon ha detto a Motherboard che la tecnologia “fornisce ai conducenti avvisi in tempo reale per aiutarli a stare al sicuro quando sono in viaggio” e che i tassi di incidenti sono diminuiti da quando le telecamere sono state installate.

Il caso legale potrebbe potenzialmente rivelare nuove informazioni sui sistemi di Amazon e Bloomberg ha riferito che Amazon ha richiesto informazioni sul sigillo del tribunale sulla sua tecnologia, sostenendo che si qualificava come segreto commerciale.

Anche il DSP, il suo fornitore di assicurazioni e l’autista delle consegne sono stati tutti nominati come imputati nella causa, ha riferito Bloomberg. Tutti hanno rifiutato di commentare a Bloomberg tramite un avvocato congiunto.

Rana non è l’unica persona a portare un caso sostenendo che Amazon dovrebbe assumersi maggiori responsabilità per i suoi conducenti. Lo studio legale britannico Leigh Day ha presentato un reclamo per i diritti dei dipendenti per conto degli autisti di Amazon a ottobre sostenendo che l’azienda dovrebbe classificarli come dipendenti, dato il controllo che ha sul loro lavoro.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial