HomeCuriositàVedrai molti meno tatuaggi blu e verdi dal prossimo anno

Vedrai molti meno tatuaggi blu e verdi dal prossimo anno

I tatuaggi, per molti, sono una grande forma di autoespressione. A partire dal prossimo anno, tuttavia, i colori blu e verde, che significano serenità, natura e tutto il resto, dovrebbero essere esclusi dalle tavolozze degli appassionati di inchiostro che vivono in Europa.

L’Unione Europea ha iniziato a vietare alcune sostanze chimiche presenti negli inchiostri per tatuaggi e nel trucco permanente da gennaio, citando effetti potenzialmente pericolosi legati agli ingredienti, come cancro, irritazione della pelle e rischi per la riproduzione.

Nel 2023 i pigmenti verdi e blu saranno illegali anche nei paesi dell’UE. Affermando studi vecchi di decenni sui legami con il cancro alla vescica nelle tinture per capelli, l’Agenzia europea per le sostanze chimiche e la Commissione europea stanno limitando l’uso dei pigmenti blu 15:3 e verde 7 .

Tatuatori e produttori si sono dati da fare per cambiare le loro formule in seguito alla notizia dei divieti chimici. Notando ciò, le autorità hanno sospeso il divieto per dare loro il tempo di riformulare o cercare sostituti.

Sfortunatamente, i tatuatori ora sostengono che il blu e il verde sono impossibili da sostituire; alternative autorizzate non sono state inventate o sono in carenza.

Sorprendentemente, si stima che i pigmenti blu e verdi siano presenti fino al 70% delle tonalità utilizzate dai tatuatori. Questo perché non sono solo mescolati in blu e verdi, ma anche toni come viola, marroni e persino tonalità neutre o della pelle, spiega Mario Barth, fondatore di Intenze Tattoo Ink, in un video.

Secondo Reuters , un artista francese di nome Tin-Tin ha paragonato le restrizioni sui pigmenti al “prendere la farina da una panetteria”.

Sebbene i colori siano in uso da decenni, i funzionari dell’UE stanno ora bloccando l’accesso, giustificando che le sostanze rimarrebbero permanentemente nel corpo e potrebbero entrare in contatto con i linfonodi. Potrebbero anche sviluppare composti tossici alla luce del sole o durante la rimozione del laser, riporta il New York Times .

Il  Times  afferma che gli inchiostri per tatuaggi sono composti complessi costituiti da pigmenti insolubili, agenti leganti, solventi come glicerina e alcol e conservanti per conservarne il colore, la profondità e la qualità. Potrebbero contenere piombo, cobalto, cadmio, nichel, cromo o titanio, che a volte scatenano reazioni allergiche o addirittura malattie.

La regolamentazione per gli inchiostri per tatuaggi negli Stati Uniti non è così rigorosa, ma ciò non significa che i saloni qui non siano interessati. Molti pigmenti per tatuaggi utilizzati negli Stati Uniti vengono forniti dall’Europa, costringendo alcuni produttori domestici a lavorare sui propri sostituti.

Un produttore di inchiostri con sede nella Carolina del Sud chiamato World Famous Tattoo Ink ha tentato di sostituire i pigmenti blu e verdi, ma finora i suoi sforzi sono stati vani. Lou Rubino, il proprietario dell’attività, avverte che se non si riesce a trovare una formula “più sicura”, “ci sarà molto meno blu e verde nei tatuaggi”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial