martedì, Gennaio 31, 2023
HomeCuriositàVischio, bastoncini di zucchero e altro: la storia di 9 simboli di...

Vischio, bastoncini di zucchero e altro: la storia di 9 simboli di Natale

L’origine di molti simboli festivi è talvolta oggetto di dibattito. Tuttavia, molte tradizioni natalizie familiari hanno avuto origine nell’Europa precristiana. Che tu festeggi il Natale o il periodo natalizio, può essere divertente imparare la storia di alcuni dei tuoi momenti preferiti delle feste.

Bastoncini di zucchero

I bastoncini di zucchero sono apparsi per la prima volta più di 300 anni fa,  ma non avevano l’aspetto di oggi . In effetti, non erano affatto canne; erano bastoncini bianchi e dritti fatti di zucchero. Pensato per imitare l’uncino di un pastore, questo dolcetto tedesco ha ottenuto la sua forma ormai riconoscibile alla fine del 1600 e veniva regalato ai bambini durante le cerimonie in chiesa.

I bastoncini di zucchero come tradizione natalizia probabilmente iniziarono intorno al 1847, quando le persone iniziarono a usarli come ornamenti per alberi, e trovarono la loro strada nei biglietti di auguri in tutti gli Stati Uniti. Fu solo nel 20° secolo che i bastoncini bianchi iniziarono a includere un rosso stripe e sono stati aromatizzati con menta piperita.

Oggi, i bastoncini di zucchero sono disponibili in una varietà di gusti, dalle tue caramelle preferite (come Starburst) al wintergreen. Sono inoltre disponibili in più colori di tinta unita e strisce.

Vischio

Il vischio è una pianta parassitaria ed esiste in tutto il mondo. Romantico, eh? È una tradizione festiva appenderlo a una porta e le persone devono baciarsi quando si incontrano sotto di esso.

Nel folklore celtico ed europeo, il vischio era considerato un afrodisiaco. Era spesso usato nella magia della fertilità e nelle cerimonie, forse perché sembra prosperare anche nel cuore dell’inverno.

È anche una pianta che simboleggia la pace, che potrebbe essere l’origine della tradizione del bacio. Si ritiene che gli antichi greci abbiano iniziato la tradizione di baciarsi sotto il vischio come parte della festa dei Saturnali.

Ci sono racconti romani di vischio che ponevano fine alle ostilità e, in Inghilterra, si credeva che una ragazza che avesse rifiutato un bacio sotto le bacche non sarebbe stata proposta a quell’anno.

Agrifoglio

Holly è un altro prodotto della festa dei Saturnali. Era popolare tra i Celti ma poi adottato dai Romani.

Come il vischio, la popolarità dell’agrifoglio in questo periodo dell’anno potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che prospera in inverno. Questo è probabilmente il motivo per cui è diventata anche una popolare decorazione natalizia.

Poiché l’agrifoglio è spinoso e contiene bacche rosso sangue, a volte viene anche indicato come un simbolo della corona di spine .

Stelle di Natale

Le stelle di Natale sono popolari anche in inverno perché fioriscono tra la fine di ottobre e l’inizio di dicembre. Originaria del Messico e delle aree circostanti, la stella di Natale era sacra agli Aztechi. Come le altre piante da vacanza, aveva usi sia medicinali che magici.

È stato adottato come decorazione natalizia perché la forma delle foglie rosse della pianta simboleggia la stella di Betlemme .

Ceppo di Natale

Un ceppo di Natale che bruciava in un camino di mattoni con le calze appese al mantello.

Pagani e Wiccan praticanti bruciano ancora un ceppo di Natale durante le festività natalizie. Persone di tutte le religioni che bruciano un ceppo sul fuoco durante il periodo natalizio stanno celebrando (la maggior parte, inconsapevolmente) questa festa norrena .

Come quasi tutti i simboli natalizi tradizionali, le storie sono mescolate su dove è iniziato il ceppo di Natale. Una fonte potrebbe affermare che questa è sempre stata una celebrazione cristiana, durante la quale un intero albero è stato bruciato nei 12 giorni di Natale.

Tuttavia, prima di allora, i pagani bruciavano i tronchi di Natale  che decoravano con cose, come agrifoglio e pigne, come celebrazione di fine anno. Hanno anche salvato la cenere per le sue proprietà magiche.

Non riesci a masterizzare un registro a casa tua? Puoi sempre creare un ceppo di Natale commestibile .

L’albero di Natale

Proprio come l’agrifoglio, la stella di Natale e il vischio, gli alberi sempreverdi sono diventati un simbolo delle celebrazioni invernali prima del cristianesimo perché sono rimasti verdi durante i mesi freddi. Egiziani, romani e poi tedeschi, tutti decorarono le loro case con ghirlande fatte di abeti e pini per proteggere le loro case dalle malattie e dal male.

Nel 1800 i tedeschi portarono questa tradizione negli Stati Uniti Inizialmente, gli alberi di Natale venivano lasciati all’esterno e decorati con altri oggetti naturali, come mele e fiori. Una volta che si sono fatti strada all’interno, le persone hanno realizzato decorazioni per i loro alberi con carta colorata.

Luci di Natale

Acquistando nei negozi di antiquariato e nelle vendite immobiliari, potresti imbatterti in qualcosa di strano: portacandele a clip destinati ad adornare un albero di Natale. Prima dell’elettricità, le persone accendevano i loro alberi di Natale con le candele e sì, a volte, l’intera cosa andava in fiamme. A causa dell’estremo rischio di incendio, le persone dovevano tenere acqua e sabbia vicino all’albero nel caso in cui le cose andassero fuori controllo.

Nel 1882, il presidente della compagnia elettrica di Edison, Edward H. Johnson, decorò il primo albero di Natale illuminato elettricamente. Lo mise nella sua finestra davanti affinché tutti lo vedessero.

Con la diffusione dell’uso dell’elettricità, si diffuse anche la tendenza a decorare alberi e case con le luci di Natale. Anche se all’inizio le luci di Natale elettriche erano un lusso e non solo le persone le pagavano un sovrapprezzo, ma in genere le affittavano solo per le vacanze o per un evento speciale come una festa di Natale dell’alta società. Fu solo negli anni ’20 che le luci di Natale elettriche erano abbastanza convenienti per le famiglie della classe media.

Ma una volta che ciò è accaduto, le feste elettriche luminose e festive sono diventate la norma. Ora è comune vedere un cortile addobbato in un modo che, all’inizio del 20° secolo, sarebbe stato solo una vetrina di un grande magazzino!

Babbo Natale

Babbo Natale è probabilmente il simbolo del Natale più popolare e sicuramente più riconoscibile. I bambini scrivono lettere a questo personaggio immaginario che, secondo quanto riferito, determina se sono stati cattivi o simpatici.

Ci sono argomenti sull’origine di questa figura allegra. Una storia popolare narra che si basi su San Nicola , un monaco nato intorno al 280 d.C. che diede via le sue ricchezze.

Babbo Natale, come lo conosciamo oggi, proveniva dall’olandese Sinter Klaas. All’inizio del 1800, era raffigurato nell’arte con calze imbottite di giocattoli. Tra la metà e la fine del 1800, le persone iniziarono a vestirsi da Babbo Natale e ad apparire nei negozi e, successivamente, nei centri commerciali.

Scambio di regali

Babbo Natale è associato ai regali a Natale, con particolare attenzione ai bambini che ricevono i giocattoli che gli hanno chiesto. Ma prima di sederci in grembo a ragazzi vestiti di rosso e chiedere pistole BB, il Natale è stato festeggiato per le strade.

Nel 19° secolo, i bambini e i poveri nelle grandi città come New York andavano porta a porta chiedendo dispense a Natale, una specie di Halloween nevoso. Il concetto di scambiare regali a casa probabilmente proveniva da persone della classe superiore, quindi le persone avrebbero smesso di bussare alle loro porte chiedendo bevande calde e cibo al rum.

La spinta ha avuto successo e molti genitori l’hanno adottata, sperando di tenere i loro figli a casa e fuori dalle strade. Questa tradizione, unita all’aumento della produzione di massa (soprattutto di giocattoli), ha aperto la strada al nostro moderno metodo di dono.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial