mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieWhatsApp: info sulla nuova funzionalità "gruppi di discussione"

WhatsApp: info sulla nuova funzionalità “gruppi di discussione”

WhatsApp oggi lancia ufficialmente Comunità, la nuova funzionalità che offre gruppi di discussione più ampi e strutturati che sono entrati in fase di test per la prima volta all’inizio di quest’anno. Progettate per aiutare organizzazioni, club, scuole e altri gruppi privati ​​a comunicare meglio e a rimanere organizzati, le community apportano una serie di nuove funzionalità alla piattaforma di messaggistica, tra cui controlli di amministrazione, supporto per sottogruppi e gruppi di annunci, voce e video di 32 persone chiamate, condivisione di file più ampia, reazioni emoji e sondaggi.

Le stesse comunità possono supportare gruppi fino a 1024 utenti e offrire la crittografia end-to-end.

Alcune delle funzionalità sviluppate per le community, come le reazioni emoji , la condivisione di file di grandi dimensioni ( fino a 2 GB ) e la possibilità per gli amministratori di eliminare i messaggi , erano già state introdotte sulla piattaforma WhatsApp prima del lancio di oggi. Ora, la società afferma che sondaggi, videochiamate di 32 persone e gruppi di dimensioni maggiori saranno supportati anche su WhatsApp in modo più ampio al di fuori delle community.

La nuova funzionalità potrebbe inizialmente fare dei confronti con i gruppi di Facebook poiché entrambi supportano cose come sottogruppi, condivisione di file, funzionalità di amministrazione e altro. Ma mentre i gruppi di Facebook sono spesso utilizzati da estranei disconnessi che condividono un interesse comune, le comunità di WhatsApp sono pensate per essere utilizzate da membri che potrebbero essere già connessi nel mondo reale. A differenza di Facebook, WhatsApp è basato sul numero di telefono, il che significa che le persone che si uniscono a questi gruppi di discussione hanno già una certa familiarità l’una con l’altra, poiché potrebbero essersi scambiati numeri di telefono o almeno aver condiviso il proprio numero con un amministratore del gruppo. Tuttavia, i numeri di telefono saranno nascosti alla community più ampia e resi visibili solo agli amministratori e ad altri membri dei tuoi stessi sottogruppi.

Questo ha lo scopo di bilanciare la domanda di privacy degli utenti con la necessità di consentire agli altri membri del gruppo di contattarti. Ad esempio, potresti non conoscere personalmente tutti i genitori della squadra sportiva di tuo figlio, ma probabilmente ti senti a tuo agio nell’interagire con loro in un ambiente di gruppo privato che potrebbe esistere come sottogruppo dell’intera comunità scolastica.

Inoltre, a differenza dei Gruppi Facebook che possono essere individuati sulla piattaforma, le Community WhatsApp sono nascoste. Non sarà disponibile una funzione di ricerca e scoperta: devi essere invitato a partecipare.

Al momento del lancio, gli amministratori delle chat di gruppo esistenti potranno trasferire il proprio gruppo alle community, se lo desiderano, oppure possono scegliere di ricreare il proprio gruppo come community da zero. Gli amministratori hanno anche il potere di aggiungere membri ai gruppi o possono inviare link di invito che consentono ad altri di diventare membri della community.

Le comunità sono strutturate con un gruppo di annunci principale che avvisa tutti i messaggi più importanti. Ma i membri possono chattare solo in piccoli sottogruppi approvati dall’amministratore. Ciò può impedire ai membri di essere bombardati da messaggi sugli avvenimenti del gruppo e sugli eventi a cui non sono collegati. Ad esempio, i membri potrebbero creare un sottogruppo per un progetto di volontariato o un gruppo di pianificazione, in cui solo alcune persone avrebbero bisogno di chattare.

Il lancio di Community potrebbe sfidare altre app che sono diventate popolari per le comunicazioni private e di gruppo di grandi dimensioni, inclusi Telegram e Signal, nonché piattaforme di messaggistica standard come iMessage e app rivolte a organizzazioni o scuole come GroupMe, Band, TalkingPoints, Remind e altri.

In un annuncio, il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha anche sottolineato gli aspetti di crittografia della funzione Comunità, affermando che la società “mira ad alzare il livello di come le organizzazioni comunicano con un livello di privacy e sicurezza che non si trova da nessun’altra parte”.

“Le alternative disponibili oggi richiedono l’affidamento di app o società di software con una copia dei loro messaggi e riteniamo che meritino il livello di sicurezza più elevato fornito dalla crittografia end-to-end”, ha affermato. 

Crediti immagine: WhatsApp

Ci sono ancora preoccupazioni sul fatto che comunità come questa possano facilitare i gruppi che si impegnano in comportamenti illegali o pericolosi, in modo simile a come i gruppi di Facebook hanno consentito alla disinformazione sanitaria ed elettorale di prosperare negli ultimi anni, alimentando gli incendi che hanno portato a eventi come la rivolta del Campidoglio del 6 gennaio, per esempio. Le misure di WhatsApp per fermare queste cose sembrano limitate, poiché la società afferma che farà affidamento sulle informazioni disponibili non crittografate sulla community, come il suo “nome, descrizione e rapporti degli utenti” per determinare se è necessaria un’azione.

Dice che se rileva che un gruppo viene utilizzato per distribuire materiale pedopornografico, coordinare la violenza o intraprendere il monitoraggio di persone, vieterà i singoli membri e amministratori della Comunità, scioglierà la Comunità o bandirà tutti i membri della Comunità, a seconda della situazione . Tuttavia, la società ha notato che i messaggi che sono già stati inoltrati potranno essere inoltrati solo a un gruppo alla volta, anziché a cinque, che è il limite di inoltro di oggi, nel tentativo di ridurre la diffusione della disinformazione.

L’azienda, ovviamente, sta ancora lavorando per ricostruire la propria reputazione anche sul fronte della privacy dopo il  contraccolpo del suo aggiornamento delle politiche di difficile comprensione lo scorso anno, che ha attirato l’attenzione di alcune autorità anticoncorrenziali  e  organismi di regolamentazione , anche nel UE e India. WhatsApp in seguito ha aggiunto maggiore chiarezza alle sue politiche e ha notato che il lancio delle Comunità non avrebbe richiesto un altro aggiornamento delle politiche.

Le comunità sono state testate con oltre 50 organizzazioni in 15 paesi per ottenere un feedback tempestivo. Ad agosto, WhatsApp ha confermato di aver distribuito la funzionalità a un numero limitato di tester, ma non ha offerto una data di lancio.

Oggi, la funzionalità inizierà a essere estesa alla più ampia base di utenti di WhatsApp, raggiungendo tutti gli utenti in tutto il mondo nei prossimi mesi sia su Android che su iOS.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial