youtube copyright nuova causa legale

Una nuova causa intentata in un tribunale del Regno Unito afferma che YouTube ha consapevolmente violato le leggi sulla privacy dei bambini in quel paese e chiede un risarcimento danni superiore a £ 2,5 miliardi (circa $ 3,2 miliardi).

Un ricercatore tecnologico di nome Duncan McCann ha intentato la causa presso l’Alta Corte del Regno Unito e sta servendo come attore rappresentativo nel caso – un processo simile, sebbene non identico, a una class action statunitense.

“YouTube, e la sua società madre Google, stanno ignorando le leggi progettate per proteggere i bambini”, ha scritto Foxglove in un comunicato stampa. “Sanno benissimo che milioni di bambini guardano YouTube. Stanno guadagnando denaro dalla raccolta illegale di dati su questi bambini piccoli mentre guardano i video di YouTube e quindi pubblicano annunci altamente mirati, progettati per influenzare le giovani menti vulnerabili”.

Un portavoce di Google ha dichiarato a Bloomberg News che YouTube non è destinato agli utenti di età inferiore ai 13 anni. “Abbiamo lanciato l’app YouTube Kids come destinazione dedicata ai bambini e lavoriamo sempre per proteggere meglio i bambini e le famiglie su YouTube”, ha detto la società Bloomberg.

Youtube ci ricasca di nuovo

Questo argomento, tuttavia, non ha salvato YouTube dall’atterraggio in acque bollenti su utenti minorenni su questa sponda dell’Atlantico.

L’anno scorso, Google e la Federal Trade Commission hanno raggiunto un accordo di 170 milioni di dollari per accuse di violazione del Children’s Online Privacy Protection Act, o COPPA.

COPPA, una delle poche leggi federali che si occupano di privacy digitale negli Stati Uniti, impone alcune limitazioni alla raccolta e all’uso dei dati personali associati a bambini di età pari o inferiore a 12 anni. Secondo la legge, i siti web, le app e le piattaforme digitali che raccolgono dati da bambini di età inferiore a 13 anni sono tenuti a pubblicare una politica sulla privacy e a chiedere ai genitori il consenso, per dare ai genitori la possibilità di rinunciare alla condivisione delle informazioni dei propri figli con terze parti, per consentire ai genitori di rivedere i dati dei propri figli e di seguire solide politiche di archiviazione e conservazione dei dati.

Non devi essere loggato o registrato per visualizzare la maggior parte dei video su YouTube, quindi non c’è limite di età. Tutti possono visualizzare i video, compresi i bambini. YouTube si è vantato con le aziende di giocattoli Mattel e Hasbro che “YouTube è stato votato all’unanimità come il sito web preferito dai bambini dai 2 ai 12 anni” e “il 93% degli adolescenti visita YouTube per guardare video”, secondo la denuncia della FTC.

Mentre la mano sinistra di Google si è vantata con i produttori di giocattoli di quanti bambini hanno visto il suo contenuto, la mano destra dell’azienda ha detto il contrario. Secondo un’e-mail ottenuta dalla FTC, un dipendente di Google ha scritto: “Non abbiamo utenti con meno di 13 anni su YouTube e la piattaforma / il sito è un pubblico generico, quindi non ci sono canali / contenuti destinati ai bambini né COPPA è necessaria la conformità. ”

Stesso problema, legge diversa

La causa nel Regno Unito indica le stesse affermazioni che YouTube ha fatto a Mattel e Hasbro e le abbina a un rapporto del governo britannico di febbraio che ha rilevato che circa il 75% dei bambini britannici dai 5 ai 15 anni guarda YouTube, insieme a circa la metà dei bambini in età prescolare del Regno Unito di tre e quattro anni. .

La legge del Regno Unito, come il COPPA, protegge le informazioni personali dei bambini di età inferiore ai 13 anni. Questo, sostiene Foxglove, rende le azioni di YouTube contro la legge:

Riteniamo che sia illegale perché YouTube elabora i dati di ogni bambino che utilizza il servizio, compresi i minori di 13 anni. Traggono profitto da questi dati, poiché vengono pagati dagli inserzionisti per inserire pubblicità mirata sul loro sito web di YouTube. Fanno tutto questo senza ottenere il consenso esplicito dei genitori dei bambini. Ai sensi del GDPR e della legge britannica, le aziende non possono elaborare i dati di bambini di età inferiore a 13 anni * per niente * senza il consenso esplicito dei genitori. I genitori non hanno accettato i molti modi in cui YouTube prende i dati dei bambini.

La causa è stata presentata per conto di oltre 5 milioni di bambini residenti in Inghilterra e Galles e chiede un risarcimento compreso tra £ 100 e £ 500 per ogni bambino che ha guardato un video su YouTube dal 25 maggio 2018, il giorno in cui il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE ha avuto effetto.

“L’impulso di Google per trarre profitto dall’attenzione dei bambini ha trasformato gli angoli di YouTube in uno strano incubo in technicolored”, ha detto il direttore di Foxglove Cori Crider. “Il vero prezzo dei servizi” gratuiti “di YouTube è che i bambini siano dipendenti, influenzati e sfruttati da Google. È già illegale estrarre dati da bambini di età inferiore ai 13 anni. Ma Google non metterà a punto il suo atto fino a quando non sarà costretto dai tribunali”.