HomeNotizieZoom oggi vale meno di quanto valesse prima della pandemia

Zoom oggi vale meno di quanto valesse prima della pandemia

La pandemia non è finita, ma l’economia della pandemia potrebbe esserlo.

Zoom è diventato un nome familiare nel marzo 2020 poiché milioni di persone sono state improvvisamente costrette a lavorare dalle loro cucine e camere da letto. Sebbene la videoconferenza fosse tutt’altro che una nuova tecnologia, Zoom è diventata l’applicazione preferita per quasi ogni forma di comunicazione sul posto di lavoro.

Poco più di due anni dopo, le restrizioni di viaggio si stanno allentando, il mercato tecnologico è in calo a causa dell’aumento dei tassi di interesse e il prezzo delle azioni di Zoom è sceso ai livelli pre-pandemia, in calo dell’83% dal suo massimo storico di ottobre 2020.

Che fine ha fatto Zoom?

La videoconferenza è emersa alla fine degli anni ’90 con l’introduzione di WebEx (di proprietà di Cisco dal 2007) ed è stata resa popolare tra i consumatori tramite Skype (ora di proprietà di Microsoft) e iChat di Apple. Ma a marzo 2020, Zoom si è trovata nel posto giusto al momento giusto.

Quando la pandemia ha colpito gli Stati Uniti, l’utilizzo di Zoom è aumentato vertiginosamente dall’oggi al domani: il software era onnipresente per chiunque lavorasse in ufficio o cercasse di rimanere in contatto con amici e familiari mentre si allontanava sociale. Le persone si sono persino sposate su Zoom . Tutto ciò si è tradotto nella linea di fondo dell’azienda: le vendite sono aumentate del 326% nel 2020 , a $ 2,6 miliardi, mentre i profitti sono aumentati a $ 672 milioni, da soli $ 22 milioni nel 2019.

Mentre i concorrenti del lavoro virtuale come Google Meet, Microsoft Teams e Skype offrivano prodotti simili, Zoom rappresentava un’opportunità di investimento pura per gli investitori in cerca di esposizione alla nascente rivoluzione del lavoro a distanza. L’azienda offre una versione gratuita del suo prodotto ai consumatori (con limiti di tempo per le chiamate) ma guadagna attraverso le vendite business-to-business.

Le azioni di Zoom sono aumentate durante il primo anno della pandemia: da $ 89 per azione il 7 febbraio 2020, a un massimo di $ 559 in ottobre. La mania è stata così drammatica che anche altre società quotate in borsa con nomi simili a Zoom hanno visto le loro azioni esplodere.

I titoli tecnologici sono in caduta libera

Dall’inizio di quest’anno, Zoom ha perso circa la metà della sua capitalizzazione di mercato, scendendo da $ 54 miliardi a $ 27 miliardi insieme a un mercato azionario in calo.

Né Zoom è l’unico tesoro della pandemia a perdere il suo splendore: dall’inizio del 2022, Peloton è in calo del 55%, Docusign è in calo del 52% e Netflix è in calo del 68%, l’ultimo di questi sulla notizia che sta effettivamente perdendo abbonati ora . Anche le società di social media come Meta (in calo del 40%), Pinterest (in calo del 40%) e Snap (in calo del 48%).

Proprio come il resto di noi, sembra che gli investitori stiano sperimentando la stanchezza di Zoom attribuibile a un mercato tecnologico inasprito, alla minaccia della concorrenza e ai lavoratori che tornano in ufficio . Ma Zoom non è solo: i cari della pandemia sono un ricordo del passato.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial