facebook_controllo_pagine

Circa otto mesi dopo che Facebook ha dichiarato che avrebbe iniziato a etichettare i media controllati dallo stato, oggi sta finalmente applicando quelle etichette. A partire da oggi, Facebook identificherà i media che sono totalmente o parzialmente sotto il controllo editoriale del loro governo.

Le etichette verranno visualizzate nella pagina Libreria annunci, nelle pagine e nella sezione Trasparenza pagina. Gli utenti negli Stati Uniti inizieranno a vederli anche sui post nel feed delle notizie.

Facebook prevede inoltre di etichettare gli annunci dai media controllati dallo stato. Negli Stati Uniti, Facebook bloccherà tali annunci del tutto “per” abbondanza di cautela “- anche se ammette che compaiono raramente. Fa parte del tentativo di proteggere le elezioni del 2020 dall’influenza straniera, afferma Facebook .

Facebook afferma di aver collaborato con oltre 65 esperti in media, governance e diritti umani per determinare ciò che rende i media “controllati dallo stato”. Esamina la dichiarazione di missione di ciascun punto vendita, la struttura della proprietà, le linee guida redazionali, i finanziamenti e altro. Valuta inoltre se le organizzazioni hanno adottato misure per proteggere l’indipendenza editoriale.

Facebook non ha spiegato perché l’applicazione delle etichette abbia richiesto molto più tempo del previsto, ma potrebbe aver avuto a che fare con il fatto che diversi media supportati dallo stato hanno diversi livelli di controllo. Ad esempio, la Russia RT e la Cina Xinhua sono state usate per diffondere la propaganda, ma laq BBC britannica e la CBC canadese mantengono una maggiore distanza dai rispettivi governi.

Mentre Facebook non ha detto quali canali mediatici etichetterà, Al Jazeera del Qatar in precedenza ha parlato contro le etichette. L’outlet è di proprietà privata ma ha un membro della famiglia reale del Qatar come presidente del consiglio di amministrazione. Al Jazeera ha affermato che Facebook causerebbe un “danno irreparabile” se applicasse l’etichetta sostenuta dallo stato.

Facebook afferma che le organizzazioni possono presentare un ricorso se ritengono che l’etichetta sia stata applicata per errore e che continuerà a perfezionare il suo approccio andando avanti.