HomeScienzaGli scienziati scoprono il primo "vero" millepiedi al mondo con oltre 1.000...

Gli scienziati scoprono il primo “vero” millepiedi al mondo con oltre 1.000 zampe

In tutto il mondo, più di 7.000 specie di millepiedi strisciano sui pavimenti delle foreste e sui letti dei giardini, mentre si muovono attraverso il suolo in cerca di cibo con un paio di zampe. Gli arti possono essere numerati da dozzine a centinaia, e mentre il termine “millepiedi” si traduce in “mille piedi”, il numero record di millepiedi si è attestato a circa 750 zampe dalla descrizione di una specie californiana nel 2006.

“Millepiedi” è stato un termine improprio. Mille piedi? Un mito. Fino ad oggi.

“Tutti i libri di testo introduttivi dovranno essere riscritti perché ora c’è un vero millepiedi”, afferma Dennis Black, un esperto di millepiedi e ricercatore aggiunto alla LaTrobe University in Australia.

Il “vero” millepiedi è stato soprannominato Eumillipes persefone. La nuova specie è stata scoperta in un pozzo trivellato, praticato nell’ambito di un’operazione mineraria dell’Australia occidentale, a quasi 60 metri sotto la superficie terrestre. È il primo millepiedi a essere all’altezza del suo soprannome a più zampe con le sbalorditive 1.306 zampe.

“È un numero incredibile”, afferma Paul Marek, entomologo del Virginia Tech e autore principale di un articolo che documenta la scoperta, pubblicato giovedì sulla rivista Scientific Reports. “Sono ancora incredulo.”

Chiamato per Persefone, la dea greca degli inferi, il cingolato esile e marrone è lungo poco più di 3,7 pollici e sottile come un cavo USB. Il millepiedi vive anche molto più in profondità nel suolo rispetto a qualsiasi specie precedentemente conosciuta, e la storia della sua scoperta è una storia di grande fortuna e incredibile ironia.

veromillepiedi
Se hai tempo, forse puoi contare tutte le gambe: troverai 1.306.Paul E. Marek et. al./Rapporti scientifici

Portale per gli inferi

La prima persona a vedere il millepiedi Persefone è stato Bruno Buzatto, principale biologo presso Bennelongia Environmental Consultants nell’Australia occidentale. Il gruppo è specializzato in indagini sotterranee sulla vita animale ed è spesso incaricato da compagnie minerarie che cercano di eseguire valutazioni ambientali durante la ricerca di risorse. Le compagnie minerarie scavano dei buchi che, dice Buzatto, sono come “portali” nel mondo sotterraneo.

Per valutare cosa si cela la vita negli inferi sotto i nostri piedi, Buzatto invia “trappole” attraverso i portali. Prende un tubo di plastica con alcuni fori sul lato e lo riempie di lettiera di foglie. Quindi lo lascia cadere in uno dei fori e lo lascia lì. La vita nel terreno è attratta dalla lettiera, sperando di riempirne lo stomaco. Quando Buzatto tira fuori la trappola un mese o due dopo, è spesso brulicante di vita.

Buzatto dice che queste trappole catturano regolarmente nuove creature, alcune delle quali non sono mai state viste prima. “Circa l’80-90% di ciò che estraiamo sono specie non descritte”, dice. Quindi non è stata una sorpresa per lui quando, nell’agosto 2020, ha posato gli occhi su un animale insolito che non aveva mai visto prima. In un bottino strappato da un buco nella provincia orientale di Goldfields dell’Australia occidentale, Buzatto ha trovato un millepiedi estremamente lungo. “Mi sono reso conto che era un animale molto speciale”, dice.

eumillipes3
Un’immagine al microscopio elettronico delle molte gambe di Eumillipes persefone.Paul E. Marek et. al./Rapporti scientifici

Qualche anno prima, Buzatto stava sfogliando un documento di ricerca su Illacme plenipes, una specie di millepiedi californiana con il record per il maggior numero di zampe . L’autore principale di quello studio era Paul Marek, un entomologo della Virginia Tech. Buzatto gli ha inviato un’e-mail, allegando una foto della sua scoperta.

“Ho fatto un conteggio veloce e aveva 818 gambe”, dice Marek. “Ero abbastanza pompato per questo.”

Per renderlo ufficiale, Marek aveva bisogno di vedere gli esemplari, metterli sotto un potente microscopio e analizzare il loro DNA. Buzatto, in collaborazione con il Western Australian Museum, ha spedito campioni al laboratorio di Marek negli Stati Uniti. In totale, il team è stato in grado di trovare e analizzare cinque millepiedi, con una femmina che ha battuto il record di gambe (1.306) e un maschio che è caduto appena al di sotto del mitico record di 1.000 gambe a 998.

Perché tante zampe?

Il millepiedi Persefone vive in un mondo senza luce e, probabilmente, con cibo limitato. L’evoluzione lo ha costruito per questo mondo con caratteristiche uniche, simili a, ma distinte da, Illacma plenipes.

Quando Marek ha potuto osservare la Persefone al microscopio, ha notato molte somiglianze con l’Illacme plenipes, un millepiedi che vive dall’altra parte del mondo, separato dall’Oceano Pacifico. Tuttavia, aveva anche alcune caratteristiche bizzarre. “Non era come gli altri membri della famiglia”, dice Marek.

Per uno, non aveva occhi, il che è unico in questo ordine di animali. Due, non era pigmentato.

Entrambi i cambiamenti hanno senso. Vivendo negli inferi, gli occhi non sono poi così importanti. Non è necessario rilevare i cambiamenti nella luce. Invece, la Persefone ha antenne enormi. La perdita di pigmentazione si verifica in un’ampia varietà di animali che vivono in luoghi senza luce, come le grotte, ma le pressioni evolutive alla base della perdita di pigmentazione sono ancora completamente chiarite.

Tutte le caratteristiche hanno aiutato Marek e il team a collocare la specie nell’ordine Polyzoniida, lontani parenti del precedente detentore del record più leggiero, e hanno suggerito che Persefone e Illacma plenipes sono un esempio di evoluzione convergente, in cui due specie lontanamente imparentate evolvono tratti fisiologici simili a adattarsi alle loro nicchie.

Ma perché una creatura ha bisogno di così tante gambe?

La risposta non è poi così sorprendente. Le gambe servono alla locomozione. Ti permettono di muoverti in tutto il mondo. I ricercatori non hanno visto esemplari vivi muoversi nel loro mondo sotterraneo, ma possono attingere a intuizioni da specie simili in natura. Sulla base di studi precedenti, Marek e il team suggeriscono che il super allungamento e le gambe corte aiutano a scavare negli inferi, fornendo ulteriore forza propulsiva mentre si muove in un movimento telescopico.

“La combinazione di queste caratteristiche parla davvero dell’importanza di poter attraversare il sottosuolo in profondità, probabilmente a causa di un insieme limitato di sostanze nutritive nel luogo in cui vive”, ha detto Marek.

eumillipes2
La testa del millepiedi Persefone è… un po’ strana.Paul E. Marek et. al./Rapporti scientifici

Campo minato

C’è una grande ironia nella scoperta, con cui molti degli autori hanno lottato.

La raccolta e la descrizione di nuove specie dal profondo del suolo non sono state fatte in larga misura nell’Australia occidentale. Potrebbero esserci dozzine di specie che vivono sotto i nostri piedi che non abbiamo mai visto prima. Prima di agosto 2020, nessuno aveva mai visto il millepiedi Persefone. Nessuno sapeva che esistesse. E così sarebbe rimasto, se non fosse stato per la trappola del foro di Buzatto.

“Non credo che l’avremmo mai saputo se non fosse stato per l’esplorazione mineraria in corso”, afferma Dennis Black, l’esperto di millepiedi di LaTrobe e coautore dello studio. Buzatto rileva che la società mineraria, in questo caso, ha pagato i sondaggi.

Allo stesso tempo, la principale minaccia alla sopravvivenza della specie, almeno per quanto ne sappiamo in questo momento, sarebbero quelle stesse operazioni minerarie. Se nella stessa esplorazione mineraria venisse scoperta una ricca risorsa, cosa ci guadagnerebbe? Il millepiedi? Fortunatamente per la Persefone, Buzatto nota che l’area in cui è stata scoperta non è quella in cui la compagnia mineraria sta cercando di prendere di mira.

1321002693
L’estrazione mineraria contribuisce in modo significativo all’economia australiana, soprattutto nell’Australia occidentaleGetty

Ma solleva interrogativi interessanti su come proteggere specie come la Persefone di cui non sappiamo nemmeno, i cosiddetti organismi “criptici” che contribuiscono a ecosistemi di cui non sappiamo nulla. Questi ecosistemi, mostra Persefone, stanno producendo scoperte incredibili e impediscono un’ulteriore perdita di biodiversità. Per prevenire un’estinzione anonima, gli scienziati devono sapere cosa c’è là fuori, anche nelle profondità del deserto dell’Australia occidentale.

“Potrebbe esserci molto da vivere in quella vasta area”, dice Black. “Semplicemente non abbiamo la più pallida idea”.

Se lo facessimo, c’è la possibilità che anche Persefone venga detronizzata. Marek dice che c’è “una certa correlazione” tra la profondità alla quale si trovano queste creature e il numero di zampe che hanno. Esplorare ancora più in profondità sotto la superficie potrebbe significare imbattersi in un altro dio degli inferi, più leggiero di quanto avessimo mai immaginato.

“È possibile che ce ne siano di più lunghi laggiù”, dice Black. “Quello che voglio fare è vincere al lotto, comprare dell’attrezzatura per la trivellazione e passare la mia pensione a trivellare”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial