HomeEcommerceIn che modo Shopify guida la resistenza online contro Amazon

In che modo Shopify guida la resistenza online contro Amazon

Quando Kylie Jenner ha venduto una partecipazione di controllo nella sua startup di trucco di quattro anni al conglomerato di bellezza francese Coty a novembre per $ 600 milioni con una valutazione di $ 1,2 miliardi, la 22 enne star dei reality e della cosmetica è diventata in pochi secondi miliardaria.

La vendita di Kylie Cosmetics è stata un risultato straordinario e un aspetto ancora più notevole è il fatto che la sua azienda ha solo 12 dipendenti a tempo pieno e part-time. Per creare un marchio online iper-efficiente, è utile avere dalla tua parte la potenza da influencer del clan Kardashian-Jenner, ovviamente.

Ma forse altrettanto importante è stato il ruolo di Shopify, la startup di logistica e-commerce canadese che alimenta tutto, dal sito Web di Jenner ai sistemi di pagamento utilizzati in tutti i suoi negozi pop-up.

L’ascesa di Kylie Cosmetics è eccezionale, ma tutt’altro che unica: Shopify lavora con alcune delle startup di maggior successo tra consumatori diretti, tra cui Allbirds, Bombas, Brooklinen, Outdoor Voices e Rothy’s. Shopify ha firmato il suo milionesimo commerciante nel 2019 — ha venditori in 175 paesi — e ha generato quasi $ 1,6 miliardi di entrate annue, rispetto a $ 1,1 miliardi nel 2018. (La società guadagna da abbonamenti mensili, oltre a commissioni aggiuntive per le funzionalità premium.)

Deloitte stima che tra il 2016 e il 2018 le aziende su Shopify abbiano consentito transazioni per $183 miliardi e creato posti di lavoro a tempo pieno per 1,4 milioni di persone. Nei quattro giorni dal Black Friday al Cyber ​​Monday dell’anno scorso, i commercianti di Shopify hanno venduto beni per un valore di oltre $ 2,9 miliardi a 25,5 milioni di persone, rispetto ai $ 1,8 miliardi dell’anno precedente.

Tobias Lütke, cofondatore e CEO, che ha iniziato a costruire Shopify nel 2004 per facilitare agli imprenditori la progettazione di siti di e-commerce senza assumere sviluppatori professionisti, ha ancora molta strada da fare per raggiungere Amazon, che controlla metà di tutti e- vendite commerciali negli Stati Uniti ed è stato responsabile di circa $ 300 miliardi di transazioni l’anno scorso. (Shopify ha fatto circa 60 miliardi di dollari in volume lordo di merce nel 2019.)

Tobias Lütke spotify inventore

Ma l’azienda di Lütke è emersa come una potente alternativa per i commercianti di tutto il mondo che vedono Amazon con crescente sospetto. Mentre il gigante dell’e-commerce spinge i marchi a abbassare i prezzi, sopportare le contraffazioni (e i knockoff a marchio Amazon) e spendere molto per i servizi di pubblicità e deposito di Amazon per rimanere pertinenti nei risultati di ricerca del sito, Shopify rimane concentrato sulla responsabilizzazione dei commercianti.

Man mano che i marchi sono cresciuti su Shopify, l’azienda ha lanciato strumenti per aiutarli a scalare. Ha aggiunto una serie di soluzioni di pagamento e logistiche (inclusi abbonamenti premium per grandi commercianti) che funzionano nei negozi digitali e fisici. Shopify Capital, lanciato nel 2016 per offrire prestiti alle piccole e medie imprese con la possibilità di rimborsare le vendite future, ha già distribuito oltre 760 milioni di dollari. A gennaio, la società ha esteso il servizio agli imprenditori senza credito o storia di pagamento o garanzie, offrendo loro prestiti di avviamento di $200, consentendo alle imprese più nascenti di unirsi al proprio ecosistema di e-commerce.

Mentre Shopify continua a introdurre nuove funzionalità nella sua piattaforma, come una funzione di chat, lanciata lo scorso anno, che consente ai commercianti di avere conversazioni in tempo reale con i clienti: l’azienda ha anche un marketplace con oltre 3.000 app di terze parti che aiutano i venditori in tutto, dalla contabilità all’estrazione di lotterie. Shopify ha anche un braccio di analisi per aiutare i commercianti a identificare quali siti di social media stanno alimentando le vendite e valutare dove spendere i loro dollari pubblicitari. “Shopify non è più solo una piattaforma di e-commerce”, afferma Finkelstein. Preferisce fare riferimento alla società come “il primo sistema operativo al dettaglio al mondo”.

Shopify sta ora lanciando il suo progetto più ambizioso: una rete di evasione pronta a offrire ai venditori la spedizione in due giorni. La società ha riunito sette centri di distribuzione in stati come la California, la Georgia e l’Ohio, e prevede di investire $ 1 miliardo per aumentare le loro capacità nei prossimi cinque anni. Lo scorso settembre ha speso $ 450 milioni per acquisire l’avvio logistico robotizzato 6 River Systems, creato da alcuni dello stesso team che ha sviluppato il sistema di magazzino automatizzato che Amazon ha acquistato nel 2012. Shopify ha già iniziato a offrire spedizioni di due giorni per alcuni grandi commercianti.

Nel creare questa rete, l’azienda sta sfruttando la sua più grande risorsa non sfruttata. “Quando aggreghi i nostri negozi, finisci con uno dei più grandi rivenditori al mondo”, afferma Finkelstein. “Invece di mantenere queste economie per noi stessi, siamo concentrati sulla loro distribuzione alle piccole imprese.”

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial